Podcast di storia

Lettera della Casa Bianca sull'impeachment - Storia

Lettera della Casa Bianca sull'impeachment - Storia


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

LA CASA BIANCA

WASHINGTON

8 ottobre 2019

L'onorevole Nancy Pelosi
Altoparlante
Camera dei rappresentanti
Washington, DC 20515
L'Onorevole Adam B. Schiff
Presidente
Comitato ristretto permanente della Camera sull'intelligence
Washington, DC 20515
L'onorevole Eliot L. Engel
Presidente
Commissione Affari Esteri della Camera
Washington, DC 20515
L'onorevole Elijah E. Cummings
Presidente
Comitato della Camera per la Vigilanza e la Riforma
Washington, DC 20515
Gentili Signori Relatori e Signori Presidenti:

Scrivo a nome del presidente Donald J. Trump in risposta alle vostre numerose richieste legalmente non supportate fatte come parte di ciò che avete etichettato - contrariamente alla Costituzione degli Stati Uniti e a tutti i precedenti precedenti bipartisan - come una "inchiesta di impeachment". Come sai, hai progettato e implementato la tua indagine in modo tale da violare l'equità fondamentale e il giusto processo costituzionalmente obbligatorio.

Ad esempio, hai negato al Presidente il diritto di controinterrogare testimoni, di convocare testimoni, di ricevere trascrizioni di testimonianze, di avere accesso alle prove, di avere un avvocato presente e molti altri diritti fondamentali garantiti a tutti gli americani. Hai condotto i tuoi procedimenti in segreto. Hai violato le libertà civili e la separazione dei poteri minacciando funzionari del ramo esecutivo, sostenendo che cercherai di punire coloro che esercitano diritti e prerogative costituzionali fondamentali. Tutto questo viola la Costituzione, lo stato di diritto e ogni precedente passato. Mai prima d'ora nella nostra storia la Camera dei Rappresentanti, sotto il controllo di nessuno dei due partiti politici, ha portato il popolo americano lungo la pericolosa strada che tu sembri determinato a seguire.

In parole povere, cerchi di ribaltare i risultati delle elezioni del 2016 e privare il popolo americano del presidente che ha scelto liberamente. Pare che molti democratici ora vedano l'impeachment non solo come un mezzo per annullare i risultati democratici delle ultime elezioni, ma come una strategia per influenzare le prossime elezioni, che sono a poco più di un anno di distanza. Come ha spiegato un membro del Congresso, è "preoccupato che se non mettiamo sotto accusa il presidente, verrà rieletto".1 Il tuo sforzo altamente partigiano e incostituzionale minaccia un danno grave e duraturo alle nostre istituzioni democratiche, al nostro sistema di libere elezioni , e al popolo americano.

1 Intervista al rappresentante Al Green, MSNBC (5 maggio 2019).


Vedi documento originale
Il relatore Pelosi e i presidenti Engel, Schiff e Cummings
Pagina 2
Da parte sua, il presidente Trump ha compiuto il passo senza precedenti di fornire trasparenza al pubblico declassificando e pubblicando il verbale della sua chiamata con il presidente Zelenskyy dell'Ucraina. Il verbale ha chiaramente stabilito che la chiamata è stata del tutto appropriata e che non ci sono basi per la tua richiesta. Il fatto che non ci fosse nulla di sbagliato nella chiamata è stato anche fortemente confermato dalla decisione del presidente Schiff di creare una versione falsa della chiamata e di leggerla al popolo americano in un'audizione al Congresso, senza rivelare che si stava semplicemente inventando tutto.

Inoltre, recentemente sono emerse informazioni secondo cui il whistleblower ha avuto contatti con l'ufficio del presidente Schiff prima di presentare la denuncia. La sua negazione iniziale di tale contatto ha indotto il Washington Post a concludere che il presidente Schiff "ha chiaramente fatto una dichiarazione falsa". sul suo coinvolgimento, leggere una versione contraffatta della chiamata al popolo americano e poi fingere di sedere in giudizio come un "investigatore" neutrale.

Per questi motivi, il presidente Trump e la sua amministrazione respingono i tuoi sforzi infondati e incostituzionali per capovolgere il processo democratico. Le tue azioni senza precedenti non hanno lasciato scelta al Presidente. Al fine di adempiere ai suoi doveri verso il popolo americano, la Costituzione, il ramo esecutivo e tutti i futuri occupanti dell'Ufficio della Presidenza, il presidente Trump e la sua amministrazione non possono partecipare alla tua inchiesta partigiana e incostituzionale in queste circostanze.

I. La tua "richiesta" è costituzionalmente invalida e viola i diritti fondamentali del giusto processo e la separazione dei poteri.

La tua richiesta è costituzionalmente invalida e costituisce una violazione del giusto processo. Nella storia della nostra Nazione, la Camera dei Rappresentanti non ha mai tentato di avviare un'inchiesta di impeachment contro il Presidente senza che la maggioranza della Camera si assumesse la responsabilità politica di quella decisione votando per autorizzare un passo costituzionale così drammatico. Qui, la leadership della Camera afferma di aver avviato il più grave conflitto interprofessionale contemplato dalla nostra Costituzione mediante nient'altro che una conferenza stampa durante la quale il presidente della Camera ha semplicemente annunciato un'"inchiesta ufficiale sull'impeachment".3 Il tuo processo artificioso non ha precedenti in il

2 Glenn Kessler, La falsa affermazione di Schiff che il suo comitato non aveva parlato con l'informatore, Washington Post (4 ottobre 2019).

3 Comunicato stampa, Nancy Pelosi, osservazioni di Pelosi che annunciano l'inchiesta sull'impeachment (24 settembre 2019).


Vedi documento originale
Il relatore Pelosi e i presidenti Engel, Schiff e Cummings
Pagina 3
storia della Nazione,4 e manca della necessaria autorizzazione per un valido procedimento di impeachment.5

L'inchiesta delle Commissioni soffre anche di un vizio distinto e fatale. Nonostante l'impegno del Presidente Pelosi di "trattare il Presidente con equità",6 i Comitati non hanno stabilito alcuna procedura che offra al Presidente anche le tutele più elementari richieste dal giusto processo ai sensi della Costituzione e dall'equità fondamentale. Il presidente Nadler della Commissione Giustizia della Camera ha espressamente riconosciuto, almeno quando il presidente era membro del suo stesso partito, che "[l]e potere di impeachment... richiede un livello rigoroso di giusto processo" e che in questo contesto "giusto processo significa [s] ... il diritto di essere informato della legge, delle accuse contro di te, il diritto di confrontare i testimoni contro di te, di chiamare i tuoi testimoni e di avere l'assistenza di un avvocato."7 Tutte queste procedure sono state abbandonate qui.

Questi diritti al giusto processo non sono una questione discrezionale di cui i Comitati possono rinunciare a piacimento. Al contrario, sono requisiti costituzionali. La Corte Suprema ha riconosciuto che le protezioni del giusto processo si applicano a tutte le indagini congressuali.8 In effetti, è stato riconosciuto che la Due Process Clause si applica ai procedimenti di impeachment.9 E precedenti per i diritti di controinterrogatorio, convocare testimoni e presentare prove risale a quasi 150 anni fa.10 Eppure i Comitati hanno deciso di negare al Presidente questi diritti e tutele elementari che sono alla base del sistema giudiziario americano e sono tutelati dalla Costituzione. Nessun cittadino, compreso il presidente, dovrebbe essere trattato così ingiustamente.

4 Dalla fondazione della Repubblica, per prassi ininterrotta, la Camera non si è mai assunta la solenne responsabilità di un'inchiesta di impeachment diretta al Presidente senza aver prima adottato una delibera che autorizzasse una commissione ad avviare l'inchiesta. Le indagini sull'impeachment dei presidenti Andrew Johnson e Bill Clinton sono procedute in più fasi, ciascuna autorizzata da una risoluzione della Camera separata. Vedi, ad esempio, H.R. Res. 581, 105° Cong. (1998); H.R. 525, 105° Cong. (1998); III Hinds' Precedenti §§ 2400-02, 2408, 24 12. E prima che il Comitato Giudiziario avviasse un'inchiesta di impeachment contro il presidente Richard Nixon, il presidente del Comitato riconobbe giustamente che “una [n] risoluzione [di inchiesta] è sempre stata approvata dal House” e “è un passaggio necessario”. III I precedenti di Deschler cap. 14, § 15.2. La Camera ha soddisfatto tale requisito adottando H.R. 803, 93° Cong. (1974).

5 Il presidente Nadler ha riconosciuto l'importanza di votare alla Camera prima di avviare un'inchiesta sull'impeachment presidenziale. All'inizio dell'inchiesta sull'impeachment di Clinton - dove si è tenuta una votazione per l'aula - ha sostenuto che anche limitare il tempo per il dibattito prima di quel voto era improprio e che "un'ora di dibattito su questa decisione epocale è un insulto al popolo americano e un altro segno che questo non sarà giusto". 144 Cong. Ric. H10018 (ed. quotidiana 8 ottobre 1998) (dichiarazione del rappresentante Jerrold Nadler). Qui, la Camera ha rinunciato a qualsiasi voto ea qualsiasi dibattito.

6 Comunicato stampa, Nancy Pelosi, trascrizione della conferenza stampa settimanale Pelosi oggi (2 ottobre 2019).

7 Esame delle accuse di cattiva condotta contro il commissario dell'IRS John Koskinen (parte II): udienza prima dell'H. Comm. sulla Magistratura, 114° Cong. 3 (2016) (dichiarazione del rappresentante Jerrold Nadler); Contesto e storia dell'impeachment: udienza prima della sottocommissione. sulla Costituzione della H. sulla Magistratura, 105° Cong. 17 (1998) (dichiarazione del rappresentante Jerrold Nadler).

8 Si veda, ad esempio, Watkins c. Stati Uniti, 354 U.S. 178, 188 (1957); Quinn c. Stati Uniti, 349 Stati Uniti 155, 161 (1955).

9 Cfr. Hastings c. Stati Uniti, 802 F. Supp. 490, 504 (D.D.C. 1992), lasciata libera per altri motivi da Hastings c. Stati Uniti, 988 F.2d 1280 (D.C. Cir. 1993).

10 Si veda, ad esempio, III Hinds' Precedenti § 2445.


Vedi documento originale
Il relatore Pelosi e i presidenti Engel, Schiff e Cummings
Pagina 4
Per conformarsi alle richieste della Costituzione, le procedure appropriate includerebbero — come minimo — il diritto di vedere tutte le prove, di presentare prove, di chiamare testimoni, di avere un difensore presente a tutte le udienze, di controinterrogare tutti i testimoni, di fare obiezioni relative all'esame dei testimoni o all'ammissibilità di testimonianze e prove, e di rispondere a prove e testimonianze. Allo stesso modo, le Commissioni devono provvedere alla divulgazione di tutte le prove favorevoli al Presidente e di tutte le prove che influiscono sulla credibilità dei testimoni chiamati a testimoniare nell'inchiesta. Le attuali procedure dei Comitati non prevedono nessuno di questi diritti costituzionali fondamentali.

Inoltre, la Camera non ha conferito ai membri della graduatoria delle commissioni la facoltà di emettere citazioni in giudizio. Il diritto della minoranza di emettere mandati di comparizione soggetti alle stesse regole della maggioranza è stata la pratica standard e bipartisan in tutte le recenti risoluzioni che autorizzano le indagini sull'impeachment presidenziale. l'inchiesta non sarà altro che uno sforzo unilaterale da parte dei Democratici della Camera per raccogliere informazioni favorevoli alle loro opinioni e per rilasciarle selettivamente come solo loro determinano, il totale disprezzo della Camera per le garanzie procedurali stabilite seguite nelle precedenti inchieste sull'impeachment mostra che il procedimento attuale non sono altro che un esercizio incostituzionale di teatro politico.

Come se negare al Presidente le protezioni procedurali di base non bastasse, i Comitati hanno anche fatto ricorso a minacce e intimidazioni contro potenziali testimoni del ramo esecutivo. Le minacce dei Comitati contro i testimoni del ramo esecutivo che affermano diritti comuni e di vecchia data distruggono l'integrità del processo e violano sfacciatamente il giusto processo fondamentale. Nelle lettere ai dipendenti del Dipartimento di Stato, i Comitati hanno minacciosamente minacciato - senza alcuna base legale e prima che i Comitati emettessero anche un mandato di comparizione - che "[a] qualsiasi mancata comparizione" in risposta a una semplice lettera richiesta di deposizione "costituirà una prova di ostruzione”,12 Peggio ancora, i Comitati hanno ampiamente minacciato che se i funzionari del Dipartimento di Stato tentano di insistere sul diritto del Dipartimento di avere un avvocato dell'agenzia presente alle deposizioni per proteggere i legittimi interessi di riservatezza del ramo esecutivo - o apparentemente se fanno qualsiasi sforzo per proteggere del tutto tali interessi di riservatezza: a questi funzionari verranno trattenuti i loro stipendi.13

Il suggerimento che sarebbe in qualche modo problematico per chiunque sollevare interessi e privilegi di riservatezza del ramo esecutivo di lunga data in risposta a una richiesta di deposizione è giuridicamente infondato. Non sorprende che l'Office of Legal Counsel presso il Dipartimento di Giustizia abbia chiarito in più occasioni che i dipendenti del ramo esecutivo che sono stati istruiti a non comparire o a non fornire particolari testimonianze davanti al Congresso sulla base di privilegi o immunità del ramo esecutivo non possono essere punito per

11 H.R. Res, 581, 105° Cong. (1974).

12 Lettera di Eliot L. Engel, presidente, commissione per gli affari esteri della Camera, et al., a George P. Kent, vice segretario aggiunto, Dipartimento di Stato 1 degli Stati Uniti (27 settembre 2019).

13 Cfr. la lettera di Eliot L. Engel, presidente, House Committee on Foreign Affairs, et al., a John J. Sullivan, vicesegretario di Stato 2-3 (1 ottobre 2019).


Vedi documento originale
Il relatore Pelosi e i presidenti Engel, Schiff e Cummings
Pagina 5
seguendo tali istruzioni.14 Gli attuali ed ex funzionari del Dipartimento di Stato hanno il dovere di proteggere gli interessi di riservatezza del ramo esecutivo e l'Ufficio del Consiglio legale ha anche riconosciuto che è incostituzionale escludere i consulenti legali dell'agenzia dalla partecipazione alle deposizioni congressuali.15 Inoltre , qualsiasi tentativo di trattenere lo stipendio di un funzionario per l'affermazione di tali interessi sarebbe senza precedenti e incostituzionale16. persone fisiche e dell'esecutivo. Le minacce volte a intimidire gli individui che affermano questi diritti fondamentali sono attacchi alle libertà civili che dovrebbero preoccupare profondamente tutti gli americani.

II. L'"inchiesta di impeachment" non valida cerca chiaramente di invertire le elezioni del 2016 e di influenzare le elezioni del 2020.

Lo sforzo di mettere sotto accusa il presidente Trump – senza tener conto di alcuna prova delle sue azioni in carica – è una pura strategia politica iniziata il giorno in cui è stato insediato, e forse anche prima.17 In effetti, la tua trasparente corsa al giudizio, la mancanza di responsabilità democratiche autorizzazione e violazione dei diritti fondamentali nel presente procedimento chiariscono lo scopo illegittimo e di parte di questa presunta "inchiesta di impeachment". I Fondatori, però, non hanno creato lo straordinario meccanismo dell'impeachment perché potesse essere utilizzato da un partito politico che temeva per le sue prospettive contro il Presidente in carica alle prossime elezioni. La decisione su chi sarà eletto presidente nel 2020 dovrebbe spettare al popolo degli Stati Uniti, esattamente dove lo pone la Costituzione.

Gli stessi Democratici erano soliti riconoscere le terribili implicazioni dell'impeachment per la Nazione. Ad esempio, in passato, il presidente Nadler ha spiegato:

L'effetto dell'impeachment è di ribaltare la volontà popolare degli elettori. Non dobbiamo ribaltare un'elezione e rimuovere un presidente dall'incarico se non per difendere il nostro sistema di governo o le nostre libertà costituzionali contro una terribile minaccia, e non dobbiamo farlo senza un consenso schiacciante del popolo americano. Non ci deve mai essere un impeachment votato in modo restrittivo o un impeachment sostenuto da uno dei nostri maggiori partiti politici e osteggiato da un altro. Un tale impeachment produrrà divisioni e amarezza nel nostro

14 Cfr., ad es., Immunità ai testimoni dinanzi al Congresso dell'ex consigliere del presidente, 43 op. O.L.C. _, *19 (20 maggio 2019); Processo per oltraggio al Congresso di un funzionario del ramo esecutivo che ha affermato una rivendicazione di privilegio esecutivo, 8 op. 101, 102, 140 (1984) ("L'Esecutivo, tuttavia, deve essere esente dalla minaccia di un procedimento penale se il suo diritto di affermare il privilegio esecutivo deve avere una qualche sostanza pratica.")

15 Tentativo di esclusione del consulente legale dell'agenzia dalle deposizioni al Congresso dei dipendenti dell'agenzia, 43 op. _,*1-2 (23 maggio 2019).

16 Cfr. President Donald J. Trump, Statement by the President on Signing the Consolidated Stanziations Act, 2019 (15 febbraio 2019); Autorità dei funzionari dell'agenzia di vietare ai dipendenti di fornire informazioni al Congresso, 28 op. O.L.C, 79, 80 (2004).

17 Cfr. Matea Gold, The Campaign To Impeach President Trump Has Begun, Wash. Post (21 gennaio 2017) (“Nel momento in cui il nuovo comandante in capo ha prestato giuramento, è stata avviata una campagna per ottenere il sostegno pubblico per il suo impeachment . ...”).


Vedi documento originale
Il relatore Pelosi e i presidenti Engel, Schiff e Cummings
Pagina 6
politica per gli anni a venire, e metterà in discussione la stessa legittimità delle nostre istituzioni politiche.18

Sfortunatamente, gli oppositori politici del presidente sembrano ora desiderosi di trasformare l'impeachment da uno straordinario rimedio che raramente dovrebbe essere contemplato in un'arma politica convenzionale da schierare per tornaconto di parte. Queste azioni sono ben lontane da quanto immaginato dai nostri Fondatori quando hanno conferito al Congresso "l'importante fiducia" di considerare l'impeachment.19 Proprio perché annulla l'esito del processo democratico, l'impeachment del Presidente è irto del rischio di approfondire le divisioni in il paese e creando fratture durature nel corpo politico.20 Sfortunatamente, stai ora interpretando esattamente la corsa partigiana al giudizio contro la quale i Fondatori avevano messo in guardia così fortemente. Il popolo americano merita molto di meglio.

III. Non esiste una base legittima per la tua "inchiesta di impeachment"; Invece, le azioni dei comitati sollevano seri interrogativi.

È evidente che hai fatto ricorso a procedure così senza precedenti e incostituzionali perché sai che un processo equo evidenzierebbe la mancanza di qualsiasi base per la tua indagine. Il tuo sforzo attuale si basa su una chiamata del tutto appropriata il 25 luglio 2019, tra il presidente Trump e il presidente Zelenskyy dell'Ucraina. Senza aspettare di vedere cosa è stato effettivamente detto sulla chiamata, si è tenuta una conferenza stampa che annunciava una "inchiesta di impeachment" basata su falsità e disinformazione sulla chiamata.21 Per confutare tali falsità e per fornire trasparenza al popolo americano, il presidente Trump ha ottenuto l'accordo del governo dell'Ucraina e ha compiuto il passo straordinario di declassificare e rendere pubblico il verbale della chiamata. Quel verbale stabiliva chiaramente che la chiamata era del tutto appropriata, che il presidente non aveva fatto nulla di male e che non vi era alcuna base per un'indagine di impeachment.In una conferenza stampa congiunta poco dopo il rilascio pubblico della chiamata, il presidente Zelenskyy ha convenuto che la chiamata era appropriata,22 Inoltre, il Dipartimento di Giustizia ha annunciato che i funzionari avevano esaminato la chiamata dopo un rinvio per una presunta violazione della legge finanziaria della campagna e non hanno trovato tale violazione.23

Forse la migliore prova che non ci sono state irregolarità nella chiamata è il fatto che, dopo che il verbale effettivo della chiamata è stato rilasciato, il presidente Schiff ha scelto di inventare una versione falsa della chiamata e di leggere la sua trascrizione inventata al popolo americano in un'udienza pubblica.24 Questo

18 144 Cong. HI 1786 (ed. quotidiana 18 dicembre 1998) (dichiarazione del rappresentante Jerrold Nadler).

19 Il federalista n. 65 (Alexander Hamilton).

20 Vedi id.

21 Comunicato stampa, Nancy Pelosi, osservazioni di Pelosi che annunciano l'inchiesta sull'impeachment (24 settembre 2019).

22 Incontro del presidente Trump con il presidente ucraino, C-SPAN (25 settembre 2019).

23 Dichiarazione di Kerri Kupec, Direttore, Ufficio degli affari pubblici, Dipartimento di giustizia (25 settembre 2019) ("La divisione penale del dipartimento ha esaminato il verbale ufficiale della chiamata e ha determinato, sulla base dei fatti e della legge applicabile , che non vi è stata alcuna violazione del finanziamento della campagna e che non sono state giustificate ulteriori azioni.”).

24 Vedere Informativa sugli informatori: udienza prima della comunicazione H. Select. su Intel., 116° Cong. (26 settembre 2019) (dichiarazione del rappresentante Adam Schiff).


Vedi documento originale
Il relatore Pelosi e i presidenti Engel, Schiff e Cummings
Pagina 7
conferma con forza che non ci sono problemi con la chiamata effettiva. Altrimenti, perché il presidente Schiff sentirebbe il bisogno di inventare una sua versione? L'azione del presidente mina solo ulteriormente la fiducia del pubblico nella correttezza di qualsiasi indagine davanti alla sua commissione.

Il vero problema, come stiamo ora imparando, è che l'ufficio del presidente Schiff, e forse altri – nonostante le smentite iniziali – sono stati coinvolti nel consigliare l'informatore prima che la denuncia fosse presentata. Inizialmente, quando è stato chiesto alla televisione nazionale in merito alle interazioni con l'informatore, il presidente Schiff ha dichiarato inequivocabilmente che "[w] non abbiamo parlato direttamente con l'informatore. Ci piacerebbe.”25

Ora, tuttavia, è stato riferito che l'informatore si è rivolto al Comitato di intelligence della Camera con informazioni - e ha ricevuto indicazioni dal Comitato - prima di presentare una denuncia all'ispettore generale.26 Di conseguenza, il Washington Post ha concluso che il presidente Schiff "ha chiaramente espresso una dichiarazione che era falsa.”27 Chiunque sia stato coinvolto nella preparazione o nella presentazione della denuncia dell'informatore non può assolutamente agire da giudice equo e imparziale nella stessa materia, in particolare dopo aver fuorviato il popolo americano sul suo coinvolgimento.

Tutto ciò solleva seri interrogativi che devono essere approfonditi. Tuttavia, i Comitati impediscono a chiunque, anche alla minoranza, di approfondire queste questioni di fondamentale importanza. Come minimo, il presidente Schiff deve mettere immediatamente a disposizione tutti i documenti relativi a tali questioni. Dopotutto, il popolo americano ha il diritto di conoscere le azioni dei Comitati in merito a queste questioni.

Dato che la tua inchiesta manca di qualsiasi legittimo fondamento costituzionale, di ogni pretesa di equità, o anche delle più elementari tutele del giusto processo, non ci si può aspettare che il ramo esecutivo vi partecipi. Poiché partecipare a questa inchiesta sotto l'attuale posizione incostituzionale infliggerebbe un danno istituzionale duraturo al ramo esecutivo e un danno duraturo alla separazione dei poteri, non hai lasciato scelta al presidente. Coerentemente con i doveri del presidente degli Stati Uniti, e in particolare con il suo obbligo di preservare i diritti dei futuri occupanti del suo ufficio, il presidente Trump non può consentire alla sua amministrazione di partecipare a questa inchiesta di parte in queste circostanze.

La tua recente lettera al capo di gabinetto facente funzione della Casa Bianca sostiene che "[anche] se un'indagine di impeachment non fosse in corso", il Comitato di sorveglianza potrebbe richiedere queste informazioni

25 Intervista con il presidente Adain Schiff, MSNBC (17 settembre 2019).

26 Julian Barnes, et al., Schiff ha ottenuto un primo resoconto delle accuse in quanto le preoccupazioni di Whistle-Blower sono cresciute, New York Times (2 ottobre 2019).

27 Glenn Kessler, La falsa affermazione di Schiff che il suo comitato non aveva parlato con l'informatore, Washington 4, 2019).


Vedi documento originale
Il relatore Pelosi e i presidenti Engel, Schiff e Cummings
Pagina 8
nell'ambito del processo di supervisione stabilito.28 Rispettosamente, i Comitati non possono avere entrambe le cose. La lettera proviene dai presidenti di tre diverse commissioni, trasmette un mandato di comparizione "[p]in seguito all'inchiesta di impeachment della Camera dei rappresentanti", recita che i documenti "saranno raccolti nell'ambito dell'inchiesta di impeachment della Camera" e afferma che i documenti saranno "condivisi tra i Comitati, nonché con il Comitato sulla magistratura, a seconda dei casi". l'autorità di raccogliere informazioni per un'indagine di impeachment non autorizzata che sia in conflitto con tutti i precedenti storici e calpesti il ​​giusto processo e la separazione dei poteri. Se i Comitati desiderano tornare all'ordine regolare delle richieste di controllo, siamo pronti a impegnarci in tale processo come abbiamo fatto in passato, in modo coerente con le tutele costituzionali bipartisan consolidati e nel rispetto della separazione dei poteri sanciti dall'art. la nostra Costituzione.

Per le ragioni che precedono, il Presidente non può permettere che i suoi procedimenti costituzionalmente illegittimi distraggano lui e quelli del ramo esecutivo dal loro lavoro a favore del popolo americano. Il presidente ha un paese da guidare. Il popolo americano lo ha eletto per fare questo lavoro e rimane concentrato sull'adempimento delle sue promesse al popolo americano. Ha un lavoro importante che deve continuare per loro conto, sia in patria che in tutto il mondo, compresa la continua forte crescita economica, l'estensione dei livelli storicamente bassi di disoccupazione, la negoziazione di accordi commerciali, la correzione del nostro sistema di immigrazione rotto, l'abbassamento dei prezzi dei farmaci da prescrizione e la risoluzione dei problemi violenza sparatoria di massa. Ci auguriamo che, alla luce delle numerose carenze che abbiamo individuato nei suoi procedimenti, abbandoni gli attuali sforzi inutili per perseguire un'indagine di impeachment e ti unirai al Presidente nel concentrarsi sui molti obiettivi importanti che contano per il popolo americano.

Cordiali saluti,
Pat A. Cipollone
Consigliere del Presidente
CC:
On. Kevin McCarthy, leader della minoranza, Camera dei rappresentanti
On. Michael McCaul, Membro Ranking, Commissione Affari Esteri della Camera
On. Devin Nunes, membro della classifica, comitato ristretto permanente sull'intelligence della Camera
On. Jim Jordan, Membro Ranking, House Committee on Oversight and Reform
28 Lettera di Elijah e, ​​Cummings, presidente, Comitato della Camera per la supervisione e la riforma del governo, et al., a John Michael Mulvaney, capo di gabinetto facente funzioni al presidente 3 (4 ottobre 2019).

29 ID. a 1.


POLITICO

"Agli accusati dei processi alle streghe di Salem è stato concesso un processo più giusto", ha scritto il presidente.

Il presidente Donald Trump ha scritto: "Stai dichiarando guerra aperta alla democrazia americana". | Drew Angerer/Getty Images

Aggiornato: 17/12/2019 17:47 EST

Il presidente Donald Trump martedì ha ferocemente razziato le procedure di impeachment dei Democratici della Camera in una lettera di sei pagine alla presidentessa Nancy Pelosi che sembrava una raccolta dei suoi tweet più al vetriolo.

La missiva infuocata, spesso punteggiata da punti esclamativi, era carica di affermazioni iperboliche, tra cui l'affermazione del presidente secondo cui "è stato concesso un processo più equo agli accusati nei processi alle streghe di Salem" e la sua accusa che Pelosi e i Democratici della Camera "considerano la democrazia come un tuo nemico!"

Trump ha affermato che l'attuale campagna di impeachment "rappresenta un abuso di potere senza precedenti e incostituzionale" da parte dei legislatori democratici che secondo lui è stato "senza eguali in quasi due secoli e mezzo di storia legislativa americana".

"Procedendo con il tuo impeachment invalido, stai violando i tuoi giuramenti d'ufficio, stai infrangendo la tua fedeltà alla Costituzione e stai dichiarando guerra aperta alla democrazia americana", ha scritto.

L'accesa corrispondenza arriva un giorno prima che la Camera dovrebbe votare su articoli di impeachment che accusano il presidente di abuso di potere e ostruzione del Congresso, rendendo probabilmente Trump il terzo presidente nella storia degli Stati Uniti ad essere messo sotto accusa.

Ma l'intento più ampio della lettera all'oratore – che sembrava rappresentare poco più di un documento di messaggistica, rimescolando le stesse lamentele che Trump ha spesso mandato in onda insieme alla difesa legale – non è stato immediatamente chiaro.

Il consigliere della Casa Bianca Pat Cipollone ha inviato una lettera altrettanto polemica a ottobre a Pelosi e ai tre presidenti di commissione che guidano l'indagine sull'impeachment, scrivendo che la loro inchiesta mancava di "qualsiasi fondamento costituzionale legittimo" e affermando che l'amministrazione non avrebbe rispettato le richieste dei legislatori democratici.

La lettera di Trump martedì, tuttavia, ha rappresentato il suo primo rimprovero formale e scritto ai Democratici della Camera da quando hanno avviato il processo per rimuoverlo dall'incarico.

In una parte della lettera, Trump ha falsamente accusato i Democratici di avergli negato il giusto processo durante l'inchiesta. Alla Casa Bianca è stata offerta due volte la possibilità di avere avvocati presenti nelle diverse fasi delle udienze pubbliche per l'inchiesta e ha declinato entrambe le opportunità. Invece, il team legale di Trump ha iniziato a coordinarsi con i membri del Senato guidato dai repubblicani per un processo imminente.

Il presidente ha anche provato più volte a respingere le accuse dei democratici, anche se ha deriso i due articoli di impeachment di cui era stato accusato: abuso d'ufficio e ostruzione del Congresso. Ha sostenuto che l'ex vicepresidente Joe Biden, un potenziale rivale del 2020 su cui Trump ha cercato un'indagine ucraina, era colui che era veramente colpevole di aver abusato del suo ufficio. E ha affermato che i Democratici stavano "trasformando un disaccordo politico tra due rami del governo in un reato impeachable" mentre stabilivano un precedente profondamente dannoso per i futuri presidenti.

Ha fatto esplodere le accuse contro di lui come "completamente in malafede, senza merito e un'invenzione infondata della tua immaginazione" e "assurda e pericolosa", respingendo le accuse dei Democratici come "fantasie" nonostante avesse ore di testimonianza per sostenerle.

Trump ha anche insultato l'oratore per quella che ha definito "la tua falsa dimostrazione di solennità", definendo il comportamento cupo e coerente di Pelosi quando discuteva dell'inchiesta "forse il più offensivo di tutti".


File: Lettera della Casa Bianca di Cipollone riguardante l'inchiesta sull'impeachment di Trump, 8 ottobre 2019.pdf

Fare clic su una data/ora per visualizzare il file come appariva in quel momento.

AppuntamentoMiniaturaDimensioniUtenteCommento
attuale02:14, 9 ottobre 20191.275 × 1.650, 8 pagine (1,07 MB) DividedFrame (Discussione | contributi) Pagina creata dall'utente con UploadWizard

Non puoi sovrascrivere questo file.


No, non è una crisi costituzionale

Per David Pozen, non si può negare che Trump stia scherzando con le convenzioni costituzionali con argomenti legali deboli. Ma il professore di diritto della Columbia sostiene che tutto ciò che sta accadendo sta accadendo nel quadro stabilito dalla Costituzione degli Stati Uniti.

Quello che sta accadendo ora è solo l'inizio del processo di impeachment, ha detto, un processo integrato nella costituzione dai 55 uomini che hanno creato il documento.

"Direi che la Casa Bianca sta giocando un duro gioco costituzionale all'interno di quel processo, ma finché siamo nei termini di un processo costituzionalmente prescritto, penso che sia difficile dire che siamo in modalità di crisi."

Dalle citazioni in giudizio, alle sfide in tribunale, al passaggio a un voto di impeachment senza la cooperazione del presidente, Pozen sostiene che la Camera è tutt'altro che incapace e ha molte carte da giocare.

Con l'inchiesta di impeachment ancora nelle sue fasi iniziali, anche Elizabeth Wydra è riluttante a dire che l'America è in crisi.

"Penso che sicuramente le strutture del nostro governo e le protezioni nella costituzione siano state testate forse come mai prima d'ora", ha detto Wydra, che è presidente del Constitutional Accountability Center, un think-tank con sede a Washington.

La lettera della Casa Bianca rompe i precedenti, dice, perché piuttosto che respingere le questioni individuali, offre un rifiuto generale a collaborare. Secondo Wydra, gli argomenti che contiene sono politici e non costituzionali.

"[Gli avvocati della Casa Bianca] sanno perfettamente che le loro denunce e rivendicazioni sono in realtà solo ostruzioni di parte ammantate in termini costituzionali. E penso che sia un vero disservizio per il pubblico cercare di distrarre e confondere il problema", ha detto.

Un argomento della lettera della Casa Bianca è che l'impeachment annullerebbe i risultati delle elezioni del 2016.

Ma Wydra sostiene che gli estensori originali della costituzione hanno specificamente creato l'impeachment come rimedio definitivo per un leader accusato di abuso di potere. "Penso che questo probabilmente sarebbe il loro peggior incubo, ma penso che sia un incubo che avrebbero potuto avere", ha detto.

Susan Low Bloch, studiosa di diritto costituzionale di Georgetown, è d'accordo.

"Riserverei il termine ɼrisi costituzionale' a quando le cose non funzionano e sono spaventose", ha detto. "Vedo che la costituzione viene messa alla prova in questo momento – e finora sta reggendo"

I democratici della Camera potrebbero anche rispondere con il proprio hardball costituzionale, sostiene Pozen, esplorando opzioni raramente utilizzate come l'arresto di coloro che si rifiutano di rispettare le citazioni in giudizio, o l'uso del potere della borsa loro assegnato dalla costituzione per eliminare i budget degli uffici che ostacolano, come la Casa Bianca avvocato.


Lettera della Casa Bianca sull'impeachment - Storia

Con gli articoli 1 e 3, relativi a spergiuro e ostruzione alla giustizia, essendo stati approvati dalla Camera dei Rappresentanti, il leader della maggioranza al Senato Trent Lott ha annunciato che il processo di impeachment del presidente Clinton sarebbe iniziato al Senato giovedì 7 gennaio 1999.

I procedimenti televisivi nell'aula del Senato sono iniziati con le formalità richieste dalla Costituzione tra cui una lettura formale delle accuse e il giuramento di tutti i 100 senatori da parte di William H. Rehnquist, presidente della Corte suprema degli Stati Uniti, che avrebbe presieduto. I senatori hanno quindi proceduto uno per uno alla parte anteriore della camera per firmare un libro di giuramenti impegnandosi a fare "giustizia imparziale".

Sorprendentemente, il rancore partigiano, che era stato così evidente durante i lavori della Camera, è apparso in un primo momento in qualche modo diminuito al Senato quando i 55 senatori repubblicani e 45 democratici hanno iniziato le loro solenni funzioni, sedendo in silenzio giudizio di Clinton con il potenziale risultato essere la prima rimozione in assoluto di un presidente eletto.

Sebbene questo sia stato il secondo processo di impeachment nella storia degli Stati Uniti, ha segnato la prima volta che un presidente eletto ha dovuto affrontare una possibile rimozione dall'incarico. Andrew Johnson era salito alla presidenza dopo l'assassinio del presidente Abraham Lincoln e quindi non era stato eletto. Il presidente Johnson fu messo sotto accusa dalla Camera nel 1868, ma in seguito assolto con un solo voto a seguito di un processo al Senato.

Ora, nell'aula del Senato, una squadra di 13 manager (procuratori) repubblicani della Camera dei Rappresentanti, guidati dal presidente della commissione giudiziaria Henry Hyde, ha affrontato sette avvocati difensori che rappresentano il presidente Clinton, guidati dal principale consigliere della Casa Bianca Charles Ruff. Le dichiarazioni di apertura di ciascuna delle parti sono durate tre giorni, dopodiché ai singoli senatori sono stati concessi due giorni di interrogatorio. I senatori hanno passato 150 interrogazioni scritte al giudice capo Rehnquist che le ha lette ad alta voce ai pubblici ministeri della Camera e agli avvocati di Clinton.

Nel presentare il loro caso contro il presidente, i pubblici ministeri della Camera hanno accusato Clinton di "corruzione intenzionale, premeditata e deliberata del sistema giudiziario della nazione attraverso spergiuro e ostruzione alla giustizia". caso circostanziale che non soddisfa lo standard costituzionale per rimuovere il Presidente dall'incarico."

Con i sondaggi di opinione che mostrano che il tasso di approvazione del lavoro di Clinton ora ha superato il 70 percento nonostante il suo impeachment, e con la maggior parte degli americani che favoriscono una rapida conclusione del processo al Senato, i senatori democratici hanno proposto che il caso di impeachment contro Clinton fosse respinto a titolo definitivo per mancanza di merito. I senatori erano anche consapevoli, a seguito di conteggi informali, che non ci sarebbero mai stati abbastanza voti al Senato per condannare il presidente, con i due terzi del Senato (67 voti) necessari. Per ottenere i 67 voti, dodici senatori democratici dovrebbero votare per condannare il presidente oltre a tutti i 55 repubblicani, una prospettiva altamente improbabile.

Nel frattempo, il già traballante patto di cooperazione bipartisan è andato in pezzi dopo che i pubblici ministeri della Camera, aiutati dal consigliere indipendente Ken Starr, si sono incontrati in privato con Monica Lewinsky il 24 gennaio per discutere la sua possibile testimonianza nel processo.

Tre giorni dopo, il Senato ha votato lungo le linee del partito e ha sconfitto la mozione dei Democratici per respingere le accuse contro Clinton, quindi ha votato a favore della richiesta di deposizioni videoregistrate di Lewinsky, Vernon Jordan e Sidney Blumenthal.

I democratici si sono fortemente opposti alla convocazione di eventuali testimoni, sostenendo che non erano necessari, dato il voluminoso record della Camera già disponibile. I repubblicani, tuttavia, hanno affermato che i democratici stavano cercando di impedire loro di presentare un caso approfondito contro Clinton. Inizialmente volevano chiamare fino a 15 testimoni.

Il 1° febbraio, Monica Lewinsky è stata interrogata dai pubblici ministeri della Camera a porte chiuse per quattro ore, con la procedura videoregistrata. I legali del Presidente non le hanno fatto domande e le hanno invece letto una breve dichiarazione di scuse: "Ms. Lewinsky, a nome del Presidente, vorremmo dirti quanto siamo dispiaciuti per quello che hai dovuto passare."

Vernon Jordan e Sidney Blumenthal sono stati interrogati dai pubblici ministeri della Camera nei due giorni successivi. Ma divenne presto evidente che era improbabile che le deposizioni avrebbero cambiato i voti al Senato. Non c'era nessuna "pistola fumante" o alcuna nuova rivelazione.

Il 4 febbraio, il Senato ha votato 70-30 contro la chiamata di Lewinsky a testimoniare di persona.Il voto è stato un sollievo per molti a Washington che temevano la prospettiva che Lewinsky testimoniasse nella storica camera del Senato sui suoi incontri sessuali con il presidente. Invece, sarebbero stati utilizzati estratti videoregistrati della sua deposizione del 1 febbraio. Così, due giorni dopo, gli americani, per la prima volta, videro e ascoltarono Lewinsky mentre 30 estratti video venivano riprodotti sui monitor della TV nell'aula del Senato durante le presentazioni finali dei pubblici ministeri della Camera e degli avvocati di Clinton.

I videoclip riguardavano principalmente la sua ricerca di lavoro a New York, l'affidavit nel caso Jones e il nascondere i piccoli doni che Clinton le aveva fatto, tutti elementi che hanno costituito la base per l'accusa di ostruzione alla giustizia contro il presidente. Sono stati presentati anche videoclip delle deposizioni fornite da Vernon Jordan e Sidney Blumenthal, insieme a precedenti filmati della testimonianza del gran giurì del presidente Clinton del 17 agosto, della sua deposizione sul caso Jones e della sua enfatica smentita del gennaio 1998. In diversi casi, lo stesso video è stato mostrato dai pubblici ministeri della Camera e dagli avvocati di Clinton, con significati completamente diversi, a seconda di chi dava l'interpretazione.

L'8 febbraio sono state presentate le argomentazioni conclusive con ciascuna parte assegnata a una fascia oraria di tre ore. A nome del Presidente, il consigliere della Casa Bianca Charles Ruff ha dichiarato: "C'è solo una domanda davanti a te, anche se difficile, una questione di fatto, di diritto e di teoria costituzionale. Metterebbe a rischio le libertà del popolo mantenere il presidente in carica? Mettendo da parte l'animosità partigiana, se puoi onestamente dire che non lo sarebbe, che quelle libertà sono al sicuro nelle sue mani, allora devi votare per assolvere."

Il procuratore capo Henry Hyde ha replicato: "Una mancata condanna farà affermare che mentire sotto giuramento, sebbene spiacevole e da evitare, non è poi così grave. Abbiamo ridotto la menzogna sotto giuramento a una violazione dell'etichetta, ma solo se sei il Presidente. E ora prendiamo tutti il ​​nostro posto nella storia dalla parte dell'onore e, oh, sì, facciamo il bene."

Concluse le discussioni conclusive, il Senato ha iniziato tre giorni di deliberazioni a porte chiuse sui due articoli di impeachment, con ciascun senatore limitato a 15 minuti di tempo di parola. I Democratici del Senato avevano tentato, senza successo, di aprire questo processo al pubblico tramite la televisione.

Venerdì 12 febbraio sono state nuovamente accese le telecamere all'interno dell'aula ei senatori si sono riuniti in seduta pubblica per l'appello finale. Con tutto il mondo a guardare, i senatori si sono alzati uno ad uno per votare "colpevole" o "non colpevole". Sull'articolo 1, l'accusa di falsa testimonianza, 55 senatori, tra cui 10 repubblicani e tutti i 45 democratici hanno votato non colpevoli. Sull'articolo 3, ostacolo alla giustizia, il Senato si è diviso equamente, 50 a favore e 50 contro il presidente.

Non essendo stata raggiunta la necessaria maggioranza dei due terzi, il presidente è stato quindi assolto da entrambe le accuse e avrebbe scontato il resto del suo mandato fino al 20 gennaio 2001.

Circa due ore dopo la sua assoluzione, il presidente Clinton ha fatto una breve apparizione al Rose Garden della Casa Bianca e ha dichiarato: ''Ora che il Senato ha adempiuto alla sua responsabilità costituzionale, portando a termine questo processo, voglio dire ancora al popolo americano quanto sono profondamente dispiaciuto per quello che ho detto e fatto per innescare questi eventi e il grande fardello che hanno imposto al Congresso e al popolo americano."

Copyright © 2000 The History Place™ Tutti i diritti riservati

Termini di utilizzo: È consentito solo il riutilizzo a casa/scuola privata non commerciale, non Internet di qualsiasi testo, grafica, foto, clip audio, altri file elettronici o materiali da The History Place.


15 storici affiliati all'U. firmano una lettera a sostegno dell'impeachment

Il presidente Donald Trump e gli attuali 9 professori universitari che inizialmente hanno firmato una lettera chiedendo il suo impeachment.

Foto per gentile concessione della Casa Bianca tramite Flickr e il Dipartimento di Storia di Princeton

Nel 1998, il professore universitario Sean Wilentz ha redatto una lettera - firmata da oltre 400 storici - contro l'impeachment dell'allora presidente Bill Clinton. Ventuno anni dopo, Wilentz ha scritto un'altra dichiarazione, che offre un messaggio molto diverso sull'impeachment di un presidente.

Lunedì 16 dicembre, oltre 750 storici hanno pubblicato collettivamente una lettera aperta a sostegno dell'impeachment del presidente Donald Trump. Secondo il New York Times, Wilentz - il professore di storia americana George Henry Davis 1886 - ha lavorato con la scrittrice di saggistica Brenda Wineapple per redigere la dichiarazione. Due giorni dopo la pubblicazione iniziale della lettera, la Camera dei rappresentanti ha approvato due articoli di impeachment contro il presidente.

Dei firmatari originari, oltre 100 sono affiliati alla Ivy League e 13 sono o sono stati professori all'Università. Martedì sera - meno di 24 ore dopo la pubblicazione iniziale della lettera - i nomi di 1.508 storici sono comparsi sulla lettera, con la firma di altri due professori universitari.

L'elenco dei firmatari include anche molti altri intellettuali pubblici tra cui l'autore Robert Caro '57 e il regista Ken Burns.

Il gruppo ha pubblicato la lettera appena due giorni prima del voto anticipato del Congresso sugli articoli di impeachment contro Trump, le cui azioni gli storici descrivono come "un chiaro e presente pericolo per la Costituzione". La lettera afferma che se la cattiva condotta del presidente Trump non costituisce motivo di impeachment, quasi nulla potrebbe.

"I numerosi e flagranti abusi di potere del presidente Trump sono esattamente ciò che i Framers avevano in mente come motivo per mettere sotto accusa e rimuovere un presidente", osserva la dichiarazione. "Esortiamo quindi con forza la Camera dei rappresentanti a mettere sotto accusa il presidente".

Dopo la pubblicazione iniziale, nove membri della facoltà del dipartimento di storia dell'Università hanno firmato la lettera, incluso Wilentz. Gli altri otto nomi elencati erano Doris Stevens Professor in Women's Studies Regina Kunzel, Edwards Professor of American History Tera Hunter, i professori Margot Canaday, Martha Sandweiss e Kevin Kruse, la professoressa associata Beth Lew-Williams e gli assistenti Rhae Lynn Barnes e Michael Blaakman . Inoltre, quattro professori universitari con status emerito - Hendrik Hartog, Nell Painter, Anson Rabinbach e l'ex preside del College Nancy Weiss Malkiel - avevano firmato.

Martedì, il professore in visita di affari pubblici e internazionali Martin Flaherty e Agate Brown e George L. Collord professore di religione e presidente del dipartimento di religione Judith Weisenfeld hanno aggiunto i loro nomi alla lettera.

"Il presidente Trump ha tentato di sovvertire la [Costituzione] e le strutture fondamentali del diritto americano", ha scritto Lew-Williams in una dichiarazione al The Daily Princetonian. “Fa parte del mio lavoro di storico chiarire che questo merita l'impeachment. Ora spero che anche il Congresso farà il suo lavoro”.

Facendo eco al testo della lettera, Kruse ha scritto al "Principe" che "se questo caso non giustifica l'impeachment, praticamente nulla lo fa".

"Durante le udienze per l'impeachment della Camera, diversi membri repubblicani hanno rilasciato dichiarazioni sia sull'intento dei fondatori riguardo all'impeachment sia sui dettagli delle precedenti istanze di impeachment presidenziale che semplicemente non quadrano con il record storico", ha scritto Kruse. "Nel firmare la dichiarazione con i miei colleghi storici, volevo mettere le cose in chiaro e offrire il nostro senso delle lezioni che la storia in realtà fornisce qui".

Canaday ha rimandato il commento a Wilentz, che - insieme a Kunzel e Hunter - non ha risposto al "Principe" al momento della pubblicazione.

Riferendosi alla lettera come "una sorta di petizione al pubblico", Wilentz ha detto al Times che "è una forma che storici e altri hanno usato nel corso dei decenni per esprimere opinioni collettive".

Sette mesi fa, oltre 1.000 ex pubblici ministeri federali hanno utilizzato lo stesso modulo per pubblicare una lettera aperta in cui affermavano che "il peso schiacciante del giudizio professionale sarebbe andato a favore dell'azione penale per la condotta delineata nel rapporto Mueller ['66]".

A settembre, oltre 300 professionisti della sicurezza nazionale hanno firmato una dichiarazione definendo la condotta di Trump relativa alle relazioni americane con l'Ucraina "abbastanza seria da meritare un procedimento di impeachment".

All'inizio di questo mese, oltre 850 studiosi legali - tra cui il professore di sociologia e affari internazionali dell'Università Rockefeller Kim Lane - hanno aggiunto i loro nomi a una lettera che chiamava la condotta di Trump "chiaramente incriminabile ai sensi della nostra Costituzione".

Sebbene fosse un sostenitore dell'impeachment di Trump, Wilentz era un convinto critico di coloro che sostenevano l'impeachment di Clinton. Nello stesso anno in cui ha redatto la petizione contro l'impeachment, Wilentz si è opposto all'impeachment davanti alla Commissione Giustizia della Camera.

Durante la sua testimonianza, ha affermato che qualsiasi rappresentante che avesse votato a favore dell'impeachment senza essere assolutamente convinto che i crimini di Clinton fossero impeachabili si sarebbe "guadagnato la condanna della storia".

"Non è esagerato dire che su questa inchiesta di impeachment, come su tutte le indagini sull'impeachment presidenziale, dipende il destino delle nostre istituzioni politiche americane", ha poi aggiunto. "Come storico, è chiaro per me che l'impeachment del presidente Clinton farebbe... un grande danno a quelle istituzioni e allo stato di diritto, un danno molto maggiore dei crimini di cui è stato accusato il presidente Clinton".

Questa difesa che l'impeachment costituisca un "precedente pericoloso" per il futuro e potrebbe danneggiare le istituzioni politiche statunitensi è stata impiegata anche dai difensori di Trump. Wilentz, tuttavia, ritiene che ci siano differenze significative tra le due situazioni.

"L'impeachment di Clinton ha la minima somiglianza con la crisi di Trump", ha scritto in un editoriale su Rolling Stone. "Con una sola telefonata, Donald Trump ha tradito la presidenza in modi quasi inimmaginabili fino a quel momento... I reati di Trump rappresentano la più grande minaccia alla democrazia americana dalla secessione confederata".

Mercoledì 18 dicembre sono passati entrambi gli articoli di impeachment contro Trump: il primo con 230 voti a favore e il secondo con 229.

Il rappresentante Bonnie Watson Coleman - il rappresentante del distretto congressuale di Princeton - aveva pubblicamente sostenuto gli articoli, twittando che il Congresso ha "l'urgenza di agire" e ha votato "sì" su entrambi gli articoli di impeachment.

I sei ex-alunni dell'Università in servizio alla Camera dei Rappresentanti hanno votato secondo le linee del partito. I democratici John Sarbanes '84, Terri Sewell '86, Raja Krishnamoorthi '95 e Derek Kilmer '96 hanno votato a favore di entrambi gli articoli di impeachment, mentre i repubblicani Mike Gallagher '06 e Ken Buck '81 hanno votato contro entrambi.

A partire dalle 19:00 il 17 dicembre, la lettera degli storici ha elencato online 1.508 firmatari totali. La fine della lettera rimanda a un modulo Google per gli storici che desiderano aggiungere i propri nomi. Prima che il presidente Trump venisse messo sotto accusa, Hunter, Kruse e Lew-Williams si sono rivolti a Twitter per incoraggiare più accademici a essere coinvolti. Lew-Williams ha twittato lunedì che "non è troppo tardi" per gli altri per firmare.

"Sono uno degli oltre 750 storici che hanno firmato una dichiarazione che esorta la Camera a mettere sotto accusa @realDonaldTrump", ha osservato Hunter su Twitter lunedì sera. "Incoraggio i miei colleghi storici ad aggiungere i loro nomi".

"Meno di un giorno dopo, questa dichiarazione è stata firmata da oltre 1500 storici", ha twittato Kruse martedì sera.

Questa storia è stata inizialmente pubblicata il 17 dicembre ed è stata aggiornata l'ultima volta il 5 gennaio.


In una lettera infuocata alla presidente della Camera Nancy Pelosi, il presidente Trump si oppone con rabbia all'impeachment, chiamandolo "perversione"

WASHINGTON - Il presidente Donald Trump si oppone con rabbia agli articoli di impeachment della Camera dei rappresentanti, accusando i democratici di "perversione della giustizia e abuso di potere" nel tentativo di rimuoverlo dall'incarico.

In una lettera infuocata martedì alla presidente della Camera Nancy Pelosi alla vigilia del suo previsto impeachment, Trump ha affermato di non aver fatto nulla di male nel cercare indagini straniere sui rivali politici e ha attaccato i democratici per essersi concentrati sull'impeachment piuttosto che su altre questioni.

Trump ha anche ripetuto le sue obiezioni al processo dell'inchiesta della Camera, sostenendo che "è stato concesso più giusto processo a coloro che sono stati accusati nei processi alle streghe di Salem".

Trump dice che non crede che la sua lettera cambierà nulla, ma che sta registrando le sue obiezioni "ai fini della storia".

Nel frattempo in Campidoglio, i democratici e i repubblicani della Camera si sono confrontati sulle regole del dibattito per i voti storici di mercoledì sull'impeachment di Trump, inviando l'alta retorica del dovere costituzionale per la dura politica dell'azione della Camera e del processo al Senato che dovrebbe seguire.

Il comitato per le regole della casa a maggioranza democratica si è riunito martedì, con i legislatori che hanno discusso sui parametri del dibattito di mercoledì, che dovrebbe culminare con i voti per rendere Trump il terzo presidente ad essere messo sotto accusa nella storia americana.

"È un peccato dover essere qui oggi, ma le azioni del presidente degli Stati Uniti lo rendono necessario", ha affermato il presidente Jim McGovern, D-Mass. "L'evidenza è tanto chiara quanto schiacciante".

Ha detto che il presidente “ha messo a repentaglio la nostra sicurezza nazionale. e ha minato la nostra democrazia” e ha aggiunto che “ogni giorno lasciamo che il presidente Trump agisca come se la legge non si applicasse a lui, ci avviciniamo un po'” al governo dei dittatori.

I repubblicani non erano d'accordo, fermamente.

L'alto comitato repubblicano, il rappresentante Tom Cole dell'Oklahoma, ha affermato che la vista divisa tra gli americani sull'impeachment dovrebbe essere una ragione sufficiente per non procedere con l'azione rara. "Quando la metà degli americani ti dice che quello che stai facendo è sbagliato, dovresti ascoltare", ha detto.

I democratici della Camera hanno in programma mercoledì di avviare il dibattito e, probabilmente, votano per mettere sotto accusa Trump, accusandolo formalmente di abusare del suo potere di presidente nei rapporti con l'Ucraina per aiutarsi politicamente e quindi ostacolando il Congresso bloccando le successive indagini. Seguiranno le votazioni.

Nessun repubblicano dovrebbe votare per mettere sotto accusa Trump. Ma uno per uno i Democratici stanno accumulando la maggioranza dai loro ranghi come legislatori, tra cui molte matricole che potrebbero rischiare la rielezione in autunno dai distretti in cui Trump è popolare, hanno annunciato che si uniranno al voto per i due articoli di impeachment.

"Dobbiamo mettere sotto accusa questo presidente", ha affermato una dichiarazione del rappresentante democratico Chrissy Houlahan della Pennsylvania, un veterano dell'aeronautica militare che fa parte di un gruppo di ex funzionari della sicurezza nazionale appena eletti che chiedono l'impeachment. “Sono addolorato per la nostra nazione. Ma non posso lasciare che la storia segni il comportamento del nostro presidente come qualcosa di diverso da un'inaccettabile violazione del suo giuramento».

La presidentessa Nancy Pelosi, che ha messo in guardia dal perseguire un impeachment strettamente di parte, è ormai quasi certa di avere i numeri all'inizio delle votazioni.

Mentre l'impeachment appare fissato alla Camera, l'attenzione si sposta sul Senato che, per costituzione, è tenuto a tenere un processo sulle accuse. Si prevede che inizi a gennaio.

Sperando di procedere con lunghi procedimenti, il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell sta respingendo la spinta dei democratici per una nuova testimonianza di impeachment in un appello disperato alla Camera affinché "torni indietro dal precipizio" del voto previsto di mercoledì.

Le osservazioni di McConnell martedì hanno effettivamente chiuso la porta ai negoziati per un accordo proposto dal leader democratico, il senatore Chuck Schumer, che vuole chiamare i massimi funzionari della Casa Bianca per il processo al Senato, che dovrebbe iniziare il prossimo anno se la Camera metterà sotto accusa Trump questo settimana.

"Se il caso dei Democratici alla Camera è così carente, così sottile, la risposta non è che il giudice e la giuria lo risolvano qui al Senato", ha detto McConnell. “La risposta è che la Camera non dovrebbe in primo luogo mettere sotto accusa su questa base.''

La proposta di Schumer è stata la prima apertura di quelli che avrebbero dovuto essere negoziati tra i due leader sui contorni di un processo di settimane. Trump vuole un procedimento più appariscente non solo per assolverlo, ma anche per rivendicarlo dalle accuse di impeachment della Camera, sebbene abbia incaricato i funzionari di non apparire alla Camera.

McConnell e la maggior parte dei senatori del GOP preferiscono un processo rapido per passare dall'impeachment. Molti democratici della Camera di centro hanno iniziato a segnalare che anche loro sono pronti a votare e andare avanti. I democratici del Senato vogliono sentire John Bolton, Mick Mulvaney e altri mentre il procedimento spinge alla camera per il processo.

"Perché il leader, perché il presidente ha così paura che questi testimoni vengano a testimoniare?" chiese Schumer dall'aula del Senato. "Sicuramente dovrebbero essere ascoltati."

Trump affronta due articoli di impeachment portati dai Democratici. Dicono che abbia abusato del potere del suo ufficio facendo pressioni sull'Ucraina per indagare sul rivale democratico Joe Biden prima delle elezioni del 2020 e ostacolato il Congresso cercando aggressivamente di bloccare l'indagine della Camera dai suoi compiti di supervisione come parte del sistema nazionale di controlli e contrappesi.

Il presidente “ha tradito la Nazione abusando del suo alto ufficio per arruolare una potenza straniera in elezioni democratiche corruttrici”, afferma il rapporto di 650 pagine della Commissione Giustizia della Camera. Ha trattenuto l'aiuto militare dall'alleato come leva, afferma il rapporto, e "Trump, con tale condotta, ha dimostrato che rimarrà una minaccia per la sicurezza nazionale e la Costituzione se gli sarà consentito di rimanere in carica".

Il rapporto afferma che il presidente si è quindi impegnato in un tentativo senza precedenti di bloccare le indagini e "coprire" la sua cattiva condotta. Il rapporto include anche confutazioni repubblicane.

Trump, twittando a margine dopo aver ordinato alla Casa Bianca di non partecipare all'inchiesta della Camera, ha insistito nuovamente di non aver fatto nulla di male. Ha promosso l'indagine dell'avvocato Rudy Giuliani su Biden e una teoria ampiamente smentita secondo cui in realtà è stata l'Ucraina e non la Russia a interferire nelle elezioni del 2016, un'idea carica di cospirazione che altri repubblicani hanno attivamente evitato.

Gli americani non si lasciano ingannare, ha twittato Trump martedì, dalle "truffe e cacce alle streghe, per quanto fasulle".

Mentre la Camera si preparava per il voto di mercoledì, molti democratici hanno annunciato che avrebbero votato per l'impeachment. Si prevede che una manciata o anche meno di rompere i ranghi mentre la presidente Pelosi marcia con la sua maggioranza verso un voto che sperava di evitare che i democratici prendessero da soli.

Una matricola democratica, Rep.Jeff Van Drew del New Jersey, ha visto diversi membri dello staff dimettersi lunedì dopo aver detto che avrebbe votato contro l'impeachment e ha indicato che avrebbe cambiato partito per diventare repubblicano. Un altro democratico, il rappresentante Collin Peterson, un centrista del Minnesota, non aveva deciso come voterà, ha detto la sua portavoce,

McConnell sta affrontando critiche per aver detto che sta prendendo "spunti" dalla Casa Bianca per il processo previsto. I repubblicani affermano che Schumer agì più o meno allo stesso modo due decenni fa, quando il Senato si preparò a votare il presidente condannato Bill Clinton.

Gli scrittori dell'Associated Press Laurie Kellman, Matthew Daly, Alan Fram e Darlene Superville a Washington, David Eggert a Rochester, Michigan, e Steve Karnowski nel Minnesota, hanno contribuito a questo rapporto.


Elenco delle persone sotto accusa dalla Camera dei rappresentanti

"Il presidente, il vicepresidente e tutti i funzionari civili degli Stati Uniti saranno rimossi dall'incarico per l'impeachment e la condanna per tradimento, corruzione o altri gravi crimini e delitti".
— Costituzione degli Stati Uniti, articolo II,
sezione 4

La Costituzione conferisce alla Camera dei Rappresentanti il ​​potere esclusivo di mettere sotto accusa un funzionario e rende il Senato l'unico tribunale per i processi di impeachment.

La Costituzione conferisce alla Camera dei Rappresentanti "l'unico potere di impeachment" (Articolo I, Sezione 2) degli ufficiali federali e conferisce al Senato "l'unico potere di provare tutti gli Impeachment" (Articolo I, Sezione 3). Nella procedura costituzionale di impeachment e rimozione, la Camera svolge il ruolo di gran giurì che accusa un ufficiale sospettato di "tradimento, corruzione o altri gravi crimini e delitti" (articolo II, sezione 4).

Dato che la Camera avvia questa procedura, nomina anche i responsabili dell'impeachment per condurre il caso contro l'ufficiale nel procedimento del Senato. Dall'inizio del XX secolo in poi, il metodo preferito per la selezione dei dirigenti è stato una risoluzione della Camera che nominasse il numero e le persone del comitato dei dirigenti. In alcuni casi, la Camera ha, con delibera, fissato il numero dei dirigenti e autorizzato il Presidente a nominarli. Anche i dirigenti sono stati eletti a scrutinio dell'Assemblea plenaria con voto di maggioranza per ciascun candidato. 1

La pratica contemporanea ha conferito alla Commissione giudiziaria giurisdizione su possibili impeachment. I recenti impeachment hanno incluso articoli di impeachment nella risoluzione inviata al Senato, e i responsabili dell'impeachment tendevano a provenire dal Comitato.


AP FACT CHECK: la lettera distorta di Trump ai democratici e alla storia

WASHINGTON - Il passaggio conclusivo della lettera di impeachment del presidente Donald Trump alla presidente della Camera Nancy Pelosi suonava come verità. Stava scrivendo i suoi pensieri per la storia, ha detto. Per 100 anni da oggi, "quando le persone ripensano a questa vicenda".

Ha ragione che questa lettera passi fermamente alla storia, indelebile come il marchio di impeachment che ora porta. Se quelle generazioni future si affidano alla sua lettera per capire cosa è successo, però, saranno gravemente fuorviate.

Su questioni centrali per il caso contro di lui, per la sua eredità e per il suo ego, Trump ha sbagliato molto. Non ha vinto la presidenza in una "frana". Non ha reinventato il Dipartimento per gli affari dei veterani. I Democratici non lo hanno escluso dal loro processo di impeachment, ma piuttosto lo hanno invitato a entrare. I suoi numeri sulla creazione di posti di lavoro sono confutati dalla sua stessa amministrazione. E altro ancora.

Uno sguardo alla lettera e ad altri indicatori in una settimana si è riempito anche di una tempesta di tweet, del suo raduno notturno per l'impeachment e di un dibattito presidenziale democratico del giorno dopo:

TRUMP: “Il tuo candidato prescelto ha perso le elezioni nel 2016, in una valanga di collegi elettorali (306-227).” — lettera a Pelosi, D-Calif., martedì.

I FATTI: tutt'altro che vero. La vittoria di Trump nel 2016 non assomigliava a una frana. Ha vinto con circa il 57% dei voti elettorali, un margine confortevole ma non superiore alla media o al di sotto della media. Barack Obama e Bill Clinton hanno vinto due volte ciascuno e molti altri presidenti hanno superato Trump.

Ecco come si presentano le frane dell'Elettoral College: Franklin Roosevelt, 98,5% nel 1936, 88,9% nel 1932 Ronald Reagan, 97,6% nel 1984 90,9% nel 1980. Anche Richard Nixon, Abraham Lincoln, Thomas Jefferson e Lyndon Johnson hanno superato il 90% in un analisi di tutte le elezioni di Jack Pitney, professore di politica al Claremont McKenna College.

Inoltre, il repubblicano Trump ha perso il voto popolare a favore della democratica Hillary Clinton, un evento raro per un candidato vincente.

E Trump ha sbagliato il conteggio elettorale con cui ha vinto. Il conteggio ufficiale era 304-227, non 306-227, secondo un conteggio dei voti elettorali dell'Associated Press in ogni stato.

TRUMP, parlando quando il mercato azionario era in ribasso: "Se il mercato azionario sale o scende, non guardo il mercato azionario. Guardo i lavori." — osserva il 3 dicembre durante il vertice della NATO.

TRUMP, parlando quando il mercato azionario era in rialzo: “Ha battuto di nuovo tutti i record di borsa di tutti i tempi oggi. 135 volte dalla mia vittoria elettorale del 2016. Grazie!" — tweet venerdì.

I FATTI: Guarda il mercato azionario.

TRUMP: "Agli accusati nei processi alle streghe di Salem è stato concesso più giusto processo". — lettera a Pelosi.

I FATTI: No. Diciannove persone sono state giustiziate dopo essere state falsamente accusate di stregoneria nei processi nel Massachusetts coloniale. Trump, nel frattempo, ha dietro di sé avvocati, un Senato controllato dai repubblicani, il potere della presidenza, protezioni costituzionali e denaro.

I processi di Salem sono stati così ingiusti da essere diventati la metafora preferita di Trump nel lamentarsi della “caccia alle streghe” contro di lui. Il sindaco di Salem Kim Driscoll ha esortato Trump a "imparare un po' di storia".

TRUMP: "Sai benissimo che il vicepresidente Biden ha usato il suo ufficio e $ 1 miliardo di dollari di aiuti statunitensi per costringere l'Ucraina a licenziare il pubblico ministero che stava scavando nella società pagando a suo figlio milioni di dollari". — lettera a Pelosi.

I FATTI: Non è corretto dire che Biden, ora candidato alla presidenza democratica del 2020, ha fatto pressioni per far licenziare il pubblico ministero mentre stava indagando su Burisma, la compagnia energetica in Ucraina dove il figlio di Biden, Hunter, era nel consiglio di amministrazione. In effetti, quando Biden si è scagliato contro il pubblico ministero, le indagini sulla società erano sospese.

Biden, tra gli altri funzionari internazionali, stava premendo per un'indagine più aggressiva sulla corruzione in Ucraina, non più morbida.

Il team di Trump cita un video di Joe Biden del 2018. Parlando in un panel pubblico, Biden ha raccontato di aver minacciato di trattenere una garanzia di prestito dal governo ucraino a meno che non avesse licenziato il pubblico ministero, che era ampiamente considerato inefficace se non corrotto.

Quello che Trump non dice è che nel febbraio 2016, pochi mesi dopo che Biden aveva minacciato di trattenere una garanzia di prestito di $ 1 miliardo, il Fondo monetario internazionale ha minacciato di ritardare $ 40 miliardi di aiuti a meno che l'Ucraina non intervenisse per combattere la corruzione.

Un'indagine sul proprietario di Burisma per riciclaggio di denaro, evasione fiscale e altri presunti misfatti è iniziata nel 2012 e riguardava gli anni prima che Hunter Biden entrasse a far parte del consiglio di amministrazione.

TRUMP: "Mi sono stati negati i diritti più fondamentali concessi dalla Costituzione, incluso il diritto di presentare prove, di avere il mio avvocato presente, di affrontare gli accusatori e di chiamare e controinterrogare testimoni". — lettera a Pelosi.

I FATTI: Questa è una distorsione. Nei lavori della Camera, i Democratici della Commissione Giustizia della Camera che hanno redatto gli articoli di impeachment hanno invitato Trump e i suoi avvocati a partecipare e a chiedere testimoni. I testimoni che si sono fatti avanti sono stati interrogati dai repubblicani della commissione e dai democratici.

Le precedenti udienze del Comitato di intelligence della Camera non hanno invitato Trump o la sua squadra. Quelle udienze erano come la fase investigativa dei procedimenti penali, condotta senza la partecipazione dell'indagato. Ma i legislatori di entrambe le parti hanno interrogato i testimoni. Trump si è lamentato di essere stato escluso, ma quando le udienze della commissione giudiziaria sono state aperte alla sua squadra e a lui, ha rifiutato.

TRUMP: "Questo non è altro che un tentativo di colpo di stato illegale e partigiano". — lettera martedì a Pelosi.

I FATTI: Nessuna acquisizione illegale è in corso.

Il processo di impeachment è stabilito nella Costituzione, dando al Congresso l'autorità di mettere sotto accusa e processare un presidente come parte delle sue responsabilità come ramo paritario del governo per fornire un controllo su un presidente che commette tradimento, corruzione o "altri gravi crimini e delitti».

Lo standard di "alti crimini e delitti" è vago e illimitato per comprendere gli abusi di potere anche se non sono illegali.

Alcuni Democratici hanno anche gridato al "colpo di stato" quando la Camera ha messo sotto accusa Bill Clinton nel 1998 e non lo è stato nemmeno allora.

TRUMP, riferendosi al "cosiddetto informatore che ha iniziato tutta questa bufala con una falsa segnalazione della telefonata che non ha alcuna relazione con la telefonata effettiva che è stata fatta". — lettera a Pelosi.

I FATTI: No, le accuse del whistleblower non si sono dimostrate errate. I dettagli chiave sono stati confermati.

Ad esempio, il resoconto della Casa Bianca della telefonata di Trump del 25 luglio con il nuovo presidente dell'Ucraina ha mostrato che l'informatore aveva accuratamente riassunto la conversazione, come riportato da funzionari statunitensi non identificati, nella denuncia inviata al direttore ad interim dell'intelligence nazionale. I testimoni che hanno ascoltato la chiamata hanno testimoniato l'esattezza di quel racconto.

TRUMP: "Fortunatamente, c'era una trascrizione della conversazione presa, e lo sai dalla trascrizione (che è stata immediatamente resa disponibile)." — lettera a Pelosi.

I FATTI: Non così immediato. Trump ha fatto la chiamata in questione al presidente dell'Ucraina il 25 luglio. La Casa Bianca ha rilasciato la trascrizione approssimativa il 25 settembre, solo (ma rapidamente) dopo che Pelosi ha annunciato l'inchiesta di impeachment.

TRUMP: “Gli articoli di impeachment introdotti dalla Commissione Giustizia della Camera non sono riconoscibili sotto alcuno standard di teoria, interpretazione o giurisprudenza costituzionale. Non includono reati".

I FATTI: Questa frequente difesa di Trump e dei suoi alleati repubblicani è fuorviante. I motivi costituzionali per l'impeachment non richiedono che sia stato commesso un reato legale.

Nello stabilire le condizioni di tradimento, corruzione o gravi crimini e delitti, i padri fondatori hanno affermato che un conseguente abuso d'ufficio era soggetto al processo di impeachment che avevano stabilito.

La Camera ha approvato due articoli di impeachment contro Trump: abuso di potere per aver chiesto all'Ucraina di indagare su Joe Biden mentre ha trattenuto quasi 400 milioni di dollari in aiuti militari come leva e ostacolo al Congresso per aver ostacolato le indagini della Camera.

Frank Bowman III, professore di legge dell'Università del Missouri e autore di "A History of Impeachment for the Age of Trump", ha affermato che mentre sembra "quasi sensato" giusto che la Camera non debba mettere sotto accusa a meno che non ci sia un crimine, ciò non ha stato il requisito in più di 600 anni di diritto britannico e americano.

TRUMP: "Il membro del Congresso Adam Schiff ha imbrogliato e mentito fino ai giorni nostri, arrivando persino a inventare fraudolentemente, dal nulla, la mia conversazione con il presidente Zelensky dell'Ucraina e leggere questo linguaggio fantastico al Congresso".

I FATTI: Sta sopravvalutando il resoconto esagerato del presidente della Commissione Intelligence della Camera, il rappresentante Adam Schiff, D-Calif., di ciò che Trump ha detto nella sua telefonata del 25 luglio con il leader ucraino, Volodymyr Zelenskiy. La maggior parte dei dettagli di Schiff erano accurati e non inventati "dal nulla" né da una "fantasia".

Schiff ha preceduto e concluso il suo resoconto in un'audizione del Comitato di intelligence della Camera dicendo che stava dando "l'essenza" di ciò che Trump ha detto nella telefonata, saltando le parti "vaganti". Ha invitato le persone a non prenderlo alla lettera.

Trump deride regolarmente e grossolanamente i critici e inventa il dialogo che attribuisce loro. Lo ha fatto mercoledì a un raduno serale per l'impeachment nel Michigan, quando si è messo nella voce di Bill Clinton, come se consigliasse a Hillary Clinton di fare campagna elettorale in quello stato e nel Wisconsin alla vigilia delle elezioni del 2016. "E lui ha detto: 'Sei orribile essere umano, faresti meglio ad ascoltarmi perché ti farai frustare il culo'", ha detto Trump ridendo.

TRUMP: “L'ambasciatore Sondland ha testimoniato che gli ho detto: 'Nessun quid pro quo. Non voglio niente. Non voglio niente. Voglio che il presidente Zelensky faccia la cosa giusta, faccia quello che ha corso.'" — lettera a Pelosi.

I FATTI: Trump sta nascondendo ciò che Gordon Sondland, ambasciatore di Trump presso l'Unione europea, ha detto agli investigatori della Camera.

Essendo uno dei funzionari più profondamente coinvolti nel tentativo di convincere l'Ucraina a eseguire gli ordini di Trump, Sondland ha testimoniato che c'era davvero un quid pro quo nella questione e "tutti erano nel giro". Nello specifico, Sondland ha affermato che era inteso che il nuovo presidente ucraino avrebbe avuto un incontro con Trump nello Studio Ovale solo se si fosse impegnato pubblicamente a indagare sui Biden e sui Democratici.

"C'era un 'quid pro quo?' Sondland ha chiesto nella sua dichiarazione alla Commissione Intelligence della Camera. "Come ho testimoniato in precedenza, per quanto riguarda la chiamata alla Casa Bianca richiesta e l'incontro alla Casa Bianca, la risposta è sì".

Inoltre, sulla questione più grave di negare gli aiuti militari all'Ucraina a meno che il paese non indaghi sui democratici, Sondland ha testimoniato che una spiegazione "questo per quello" era l'unica che avesse senso per lui.

La testimonianza di altri funzionari ha rafforzato l'immagine di un presidente e dei suoi associati che cercano sistematicamente di convincere l'Ucraina a fare ciò che Trump voleva durante un periodo in cui l'assistenza militare approvata dal Congresso è stata sospesa senza spiegazioni.

TRUMP, nella sua chiamata di luglio: "Il presidente Zelensky ha ripetutamente dichiarato che non ho fatto nulla di sbagliato e che non c'è stata alcuna pressione." — lettera a Pelosi.

Mentre Zelenskiy inizialmente ha affermato che non si discuteva di un quid pro quo, questo mese ha detto a Time che Trump non avrebbe dovuto bloccare gli aiuti militari all'Ucraina. Zelenskiy ha anche criticato Trump per aver giudicato corrotto il paese, affermando che invia un messaggio preoccupante agli alleati internazionali.

In quella chiamata in cui si discuteva di aiuti militari, Trump chiese a Zelenskiy di indagare sui rivali politici di Trump negli Stati Uniti.

"Guarda, non ho mai parlato con il presidente dalla posizione di un quid pro quo", ha detto Zelenskiy. “Ma devi capire. Siamo in guerra. Se sei il nostro partner strategico, non puoi bloccarci nulla. Penso che sia solo questione di equità".

È vero che all'inizio di ottobre Zelenskiy aveva detto ai giornalisti che "non c'erano pressioni o ricatti dagli Stati Uniti". Ma non ha affermato che Trump non aveva fatto "nulla" di sbagliato.

In ogni caso, Zelenskiy sapeva mesi prima della chiamata che il tanto necessario supporto militare degli Stati Uniti poteva dipendere dal fatto che fosse disposto ad aiutare Trump indagando sui democratici.

TRUMP: "Hai completamente fallito con il rapporto Mueller perché non c'era nulla da trovare." — lettera a Pelosi.

I FATTI: Non è vero. L'inchiesta del consigliere speciale Robert Mueller ha scoperto comportamenti criminali, ha messo in prigione alcuni colpevoli, ha tracciato uno sforzo virulento della Russia per interrompere le elezioni statunitensi nel 2016 e ha indicato un comportamento preoccupante da parte di Trump e dei suoi associati, lasciando al Congresso il compito di valutarlo e decidere se rispondere. Il rapporto di Mueller non ha stabilito una cospirazione criminale tra Mosca e la campagna di Trump.

L'indagine di due anni di Mueller ha prodotto dichiarazioni di colpevolezza, condanne e accuse penali contro ufficiali dell'intelligence russa e altri con legami con il Cremlino, nonché soci di Trump. Sicuramente ha trovato qualcosa.

In tutto, Mueller ha accusato 34 persone, tra cui l'ex presidente della campagna elettorale del presidente, Paul Manafort, il suo primo consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn e tre società russe. Venticinque russi sono stati incriminati con l'accusa di interferenze elettorali, accusati di aver violato account di posta elettronica democratici durante la campagna o di aver orchestrato una campagna sui social media che diffondeva disinformazione su Internet.

Cinque aiutanti di Trump si sono dichiarati colpevoli e hanno accettato di collaborare con Mueller. Un sesto, confidente di lunga data, Roger Stone, è stato condannato il mese scorso per aver mentito al Congresso e aver testimoniato di manomissione.

Il rapporto di Mueller ha concluso che l'interferenza russa nelle elezioni presidenziali del 2016 è stata "ampia e sistematica". Alla fine, Mueller non ha trovato una cospirazione criminale. Ma il consigliere speciale non ha emesso un giudizio sul fatto che Trump abbia ostacolato la giustizia in parte a causa di un parere legale del Dipartimento di Giustizia secondo cui i presidenti in carica non dovrebbero essere incriminati.

TRUMP: “Potrei essere amato in Germania. Mi adorerebbero, mio ​​padre veniva dalla Germania". — Raduno del Michigan mercoledì.

I FATTI: Suo padre veniva dal Bronx, a New York City.

Trump descrive ripetutamente suo padre come di origine tedesca. Il nonno del presidente veniva dalla Germania.

TRUMP: "Il tuo partito semplicemente non può competere con il nostro record: 7 milioni di nuovi posti di lavoro." — lettera a Pelosi.

I FATTI: Lo sta esagerando. Gli Stati Uniti hanno creato 6,6 milioni di posti di lavoro da quando Trump è entrato in carica.

TRUMP: “Il nostro record . una colossale riduzione degli attraversamenti illegali delle frontiere”. — lettera a Pelosi.

I FATTI: Dipende da cosa consideri colossale. Gli arresti alle frontiere sono diminuiti di circa il 27% rispetto all'ultimo mese di Obama in carica. Dicembre 2016 è stato un numero elevato per la presidenza di Obama, poiché le persone si sono affrettate ad attraversare il confine prima dell'insediamento di Trump.

Gli arresti e i dinieghi di ingresso lungo il confine con il Messico possono variare ampiamente di mese in mese, quindi a un certo punto, confrontando settembre con maggio, Trump potrebbe dichiarare un calo del 64%. Il calo è meno della metà di quello registrato dalla sua presidenza.

Gli arresti alle frontiere sono un indicatore difettoso dell'immigrazione illegale. Potrebbe essere impossibile sapere quante persone sono sfuggite alla cattura, ma la polizia di frontiera stima che il 20% sia sfuggito all'arresto nel 2018. Inoltre, si stima che il 40% delle persone nel paese sia arrivato illegalmente legalmente e abbia scaduto il visto. Gli arresti alle frontiere non ne tengono conto. Quindi la lettera si basa su una contabilità parziale e su cifre fuorvianti.

TRUMP: “Il nostro record . un VA completamente riformato con Scelta e Responsabilità per i nostri grandi veterani. — lettera a Pelosi.

I FATTI: Non esattamente il suo record. Trump non ha adottato Veterans Choice e un cane da guardia del governo ha scoperto che la nuova legge sulla responsabilità aveva fallito nella sua missione principale di proteggere gli informatori che hanno segnalato potenziali danni ai veterani.

Si riferisce a Choice, un programma che consente ai veterani in determinate condizioni di uscire dal sistema sanitario dei Veterans Affairs e cercare cure private a spese pubbliche. Obama ha creato il programma. Trump ne rivendica regolarmente il merito. Ma ha costruito solo sul successo di Obama.

Sulla responsabilità, un rapporto pubblicato il mese scorso dall'ispettore generale della VA ha rilevato che l'ufficio di responsabilità della VA istituito ai sensi della legge del 2017 non ha condotto costantemente indagini solide e imparziali e potrebbe non aver protetto le identità degli informatori che hanno segnalato illeciti.

Ha affermato che l'ufficio aveva "carenze significative", come una scarsa leadership, una formazione scadente degli investigatori e l'incapacità di espellere i leader senior con prestazioni inferiori.

Secondo i risultati dell'ispettore generale Michael Missal, solo un dirigente degli 8.000 dipendenti licenziati da VA era stato rimosso da un ufficio creato per aiutare a responsabilizzare i dirigenti di livello superiore.

Il VA ha riconosciuto molti dei risultati e ha affermato che stava lavorando per apportare modifiche.

BERNIE SANDERS, sul piano sanitario proposto da Biden: "Sotto il piano di Joe manteniamo essenzialmente lo status quo".

I FATTI: Non è così semplice come implica il loro vivace scambio, ma Biden ha ragione sul fatto che il suo piano andrebbe ben oltre lo "status quo".

Il nome di Sanders è praticamente sinonimo di "Medicare for All", un sistema finanziato dalle tasse e gestito dal governo che coprirebbe tutti i residenti negli Stati Uniti eliminando l'assicurazione privata.

Biden ha proposto di basarsi sulla legge sanitaria dell'era Obama, aggiungendo una "opzione pubblica" simile a Medicare che qualsiasi cittadino o residente legale degli Stati Uniti potrebbe optare per.

Gli Stati Uniti hanno un sistema sanitario ibrido, bilanciato tra copertura privata attraverso i datori di lavoro e copertura governativa attraverso programmi come Medicare e Medicaid. Biden manterrebbe un mix di copertura pubblica e privata, quindi in un certo senso questo è lo "status quo".

Ma l'opzione pubblica di Biden che chiunque possa aderire sarebbe un cambiamento epocale al sistema, aiutando a ottenere milioni di persone assicurate e pagando ospedali e medici in base alle tariffe Medicare, che sono inferiori a quelle pagate dall'assicurazione privata.

È un cambiamento abbastanza grande che il settore assicurativo si oppone, così come molti altri attori del settore sanitario.

Quindi l'approccio di Biden non sarebbe lo status quo.

SANDERS: "Oggi in America abbiamo il più alto tasso di povertà infantile di quasi tutti i principali paesi della Terra". — discussione giovedì.

I FATTI: Il senatore del Vermont sta esagerando.

Ci sono quasi 200 paesi nel mondo, molti con persone che vivono in condizioni di estrema povertà che la maggior parte degli americani faticherebbe a capire. La povertà è anche una misura relativa in cui qualcuno che è povero in una nazione potrebbe sembrare piuttosto prospero in un'altra.

Ma l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha aggiornato il suo rapporto sulla povertà infantile nel 2018. Gli Stati Uniti avevano un livello di povertà infantile superiore alla media, ma non erano tra le 42 nazioni elencate nel rapporto che avevano i livelli più alti. Gli Stati Uniti sono andati ancora meglio di Russia, Cile, Spagna, India, Turchia, Israele, Costa Rica, Brasile, Sud Africa e Cina.

Gli scrittori di Associated Press Lynn Berry, Ricardo Alonso-Zaldivar, Josh Boak e Colleen Long hanno contribuito a questo rapporto.


Leggi la lettera di Trump a Pelosi per protestare contro l'impeachment

Abbiamo verificato la lettera sconclusionata e arrabbiata del presidente Trump alla presidentessa Nancy Pelosi in cui ha espresso la sua "protesta più potente" contro il processo di impeachment. La Camera dovrebbe votare mercoledì su due articoli di impeachment contro Trump.

L'Onorevole Nancy Pelosi Presidente della Camera dei Rappresentanti Washington, D.C. 20515

Scrivo per esprimere la mia più forte e potente protesta contro la crociata di impeachment partigiana portata avanti dai Democratici alla Camera dei Rappresentanti. Questo impeachment rappresenta un inedito e abuso incostituzionale 1 di potere dai Democratici Legislatori, senza eguali in quasi due secoli e mezzo di storia legislativa americana.

Gli Articoli di Impeachment introdotti dalla Commissione Giustizia della Camera non sono riconoscibili sotto alcuno standard di teoria, interpretazione o giurisprudenza costituzionale. Non includono crimini 2, nessun delitto e nessun reato di sorta. Hai sminuito l'importanza della brutta parola, impeachment!

Procedendo con il tuo impeachment invalido, stai violando i tuoi giuramenti d'ufficio, stai infrangendo la tua fedeltà alla Costituzione e stai dichiarando guerra aperta alla democrazia americana. Hai il coraggio di invocare i Padri Fondatori nel perseguire questo schema di annullamento delle elezioni —, eppure le tue azioni dispettose mostrano un disprezzo sfrenato per la fondazione dell'America e la tua egregia condotta minaccia di distruggere ciò che i nostri Fondatori si sono impegnati a costruire con la loro stessa vita. Ancora peggio che offendere i padri fondatori, stai offendendo gli americani della fede dicendo continuamente "pregate per il presidente", quando sapete che questa affermazione non è vera, a meno che non sia intesa in senso negativo. È una cosa terribile che stai facendo, ma dovrai conviverci, non io!

La tua prima affermazione, �use of Power,", è un'invenzione completamente falsa, senza merito e senza fondamento della tua immaginazione. Sai che ho avuto una conversazione totalmente innocente con il presidente dell'Ucraina. Poi ho avuto una seconda conversazione che è stata citata in modo errato, caratterizzata in modo errato e travisata in modo fraudolento. Fortunatamente, c'era una trascrizione della conversazione presa, e lo sai dalla trascrizione (che è stata immediatamente resa disponibile) 3 che il paragrafo in questione era perfetto. Ho detto al presidente Zelensky: “I vorrei che tu ci facessi un favore, però, perché il nostro paese ne ha passate tante e l'Ucraina ne sa molto. noi un favore, no me, e il nostro Paese, non una campagna. Ho poi citato il procuratore generale degli Stati Uniti. Ogni volta che parlo con un leader straniero, metto al primo posto gli interessi dell'America, proprio come ho fatto con il presidente Zelensky.

  • 1 La Costituzione conferisce alla Camera il "potere esclusivo" di mettere sotto accusa i funzionari, compreso il presidente. Due presidenti, un senatore, un funzionario di gabinetto e 15 giudici federali sono stati messi sotto accusa.
  • 2 Gli articoli accusano Trump di abuso di potere e ostruzione al Congresso. Ma un reato impeachable non deve essere un crimine specifico.
  • 3 Questo è fuorviante. La telefonata di Trump con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è avvenuta il 25 luglio. La Casa Bianca ha rilasciato una trascrizione ricostruita di quella conversazione il 25 settembre, dopo l'annuncio di un'udienza formale di impeachment.

Stai trasformando un disaccordo politico tra due rami del governo in un reato impeachable - non è più legittimo del ramo esecutivo che accusa i membri del Congresso di crimini per il legittimo esercizio del potere legislativo.

Sai benissimo che il vicepresidente Biden ha usato il suo ufficio e $ 1 miliardo di dollari di aiuti statunitensi per costringere l'Ucraina a licenziare il pubblico ministero che stava scavando nella società pagando a suo figlio milioni di dollari. 4 Lo sai perché Biden se ne vantava in video. Biden ha dichiarato apertamente: “I ha detto, “I&aposm dicendoti, non stai ricevendo i miliardi di dollari. Li ho guardati e ho detto: “I&aposm parte tra sei ore. Se il pubblico ministero non viene licenziato, non ottieni i soldi. Ebbene, figlio di puttana. È stato licenziato.” Anche Joe Biden ha ammesso pochi giorni fa in un'intervista con NPR che "sembrava pessimo". 5 Ora stai cercando di mettermi sotto accusa accusandomi falsamente di aver fatto ciò che Joe Biden ha ammesso di aver effettivamente fatto.

Il presidente Zelensky ha ripetutamente dichiarato che non ho fatto nulla di male 6 e che non vi era alcuna pressione. Ha inoltre sottolineato che è stata una "buona telefonata," che "non mi sento sotto pressione", e ha sottolineato esplicitamente che "nessuno mi ha spinto". Il ministro degli Esteri ucraino ha dichiarato molto chiaramente: "Non ho mai visto un collegamento diretto tra le indagini e l'assistenza alla sicurezza.” Ha anche affermato che non c'è stata alcuna pressione.” Il senatore Ron Johnson del Wisconsin, un sostenitore dell'Ucraina che ha incontrato privatamente il presidente Zelensky, ha dichiarato: 𠇊n mai durante questo incontro. Zelensky o qualsiasi ucraino ha menzionato che sentivano la pressione di fare qualcosa in cambio dell'aiuto militare? Sono stati tenuti molti incontri tra i rappresentanti dell'Ucraina e del nostro paese. Mai una volta l'Ucraina si è lamentata della pressione esercitata, nemmeno una volta! L'ambasciatore Sondland ha testimoniato che gli ho detto: “No quid pro quo. Non voglio niente. Non voglio niente. Voglio che il presidente Zelensky faccia la cosa giusta, faccia quello per cui ha corso.” 7

La seconda affermazione, la cosiddetta "ostruzione del Congresso", è assurda e pericolosa. I Democratici della Camera stanno cercando di mettere sotto accusa il Presidente degli Stati Uniti debitamente eletto per aver affermato privilegi basati sulla Costituzione che sono stati affermati su base bipartisan dalle amministrazioni di entrambi i partiti politici nel corso della nostra storia nazionale. Sotto quello standard, ogni presidente americano sarebbe stato messo sotto accusa molte volte. Come ha avvertito il professore di diritto liberale Jonathan Turley quando si è rivolto ai Democratici del Congresso: “I posso sottolineare questo abbastanza…se metti sotto accusa un presidente, se commetti un grave crimine e un delitto andando in tribunale, è un abuso di potere. È il tuo abuso di potere. Stai facendo esattamente ciò per cui stai criticando il Presidente."

Tutti, te compreso, sanno cosa sta realmente accadendo. Il candidato prescelto ha perso le elezioni nel 2016, in una valanga di collegi elettorali (306-227) 8 , e tu e il tuo gruppo non vi siete mai ripresi da questa sconfitta. Hai sviluppato un caso a tutti gli effetti di quella che molti nei media chiamano la sindrome da squilibrio di Trump e, purtroppo, non la supererai mai! Non sei disposto e incapace di accettare il verdetto emesso alle urne durante le grandi elezioni del 2016. Quindi hai passato tre anni di fila nel tentativo di capovolgere la volontà del popolo americano e annullare i loro voti. Consideri la democrazia come un tuo nemico!

Speaker Pelosi, proprio la scorsa settimana ha ammesso in un forum pubblico che il suo partito&apos lo sforzo di impeachment va avanti da due anni e mezzo, 9 " molto prima di aver sentito parlare di una telefonata con l'Ucraina. Diciannove minuti dopo aver prestato giuramento, il Washington Post

  • 4 Questo è fuorviante. Il signor Biden ha chiesto il licenziamento dell'allora procuratore generale dell'Ucraina e ha minacciato di sospendere l'assistenza, ma le sue azioni erano in linea con la politica estera degli Stati Uniti e con le posizioni dichiarate dei repubblicani del Senato, dei leader dell'Unione europea e del Fondo monetario internazionale, tutti chiedevano la cacciata del procuratore generale.
  • 5 Questo è fuorviante. Il signor Biden non stava parlando del suo ruolo nello spingere per la cacciata del pubblico ministero. Stava parafrasando i commenti di suo figlio sull'ingresso nel consiglio di amministrazione di Burisma Holdings, la società ucraina.

ha pubblicato una storia dal titolo: "La campagna per mettere sotto accusa il presidente Trump è iniziata". Meno di tre mesi dopo il mio insediamento, il rappresentante Maxine Waters ha dichiarato: "Ci andrò a combattere ogni giorno fino a quando non verrà messo sotto accusa". la prima risoluzione di impeachment contro di me a pochi mesi dal mio insediamento, per quella che sarà considerata una delle migliori decisioni del nostro paese, il licenziamento di James Comey (vedi Inspector General Reports) — che il mondo ora sa essere uno dei poliziotti più sporchi la nostra Nazione abbia mai visto. Una declamata e delirante membro del Congresso, Rashida Tlaib, ha dichiarato poche ore dopo aver prestato giuramento, "Andremo lì e metteremo sotto accusa quel figlio di puttana". Il rappresentante Al Green ha dichiarato a maggio, "preoccupato". che se non mettiamo sotto accusa questo presidente, verrà rieletto. Ancora una volta, tu e i tuoi alleati avete detto e fatto tutte queste cose molto prima di aver mai sentito parlare del presidente Zelensky o di qualsiasi cosa relativa all'Ucraina. Come sapete molto bene, questa campagna di impeachment non ha nulla a che fare con l'Ucraina, né con la conversazione assolutamente appropriata che ho avuto con il suo nuovo presidente. Ha a che fare solo con il tuo tentativo di annullare le elezioni del 2016 e rubare le elezioni del 2020!

Il membro del Congresso Adam Schiff ha imbrogliato e mentito fino ai giorni nostri, arrivando persino a inventare fraudolentemente, dal nulla, la mia conversazione con il presidente Zelensky dell'Ucraina e a leggere questo linguaggio fantastico al Congresso come se fosse stato detto da me. 10 Le sue bugie e i suoi inganni spudorati, che risalgono fino alla bufala russa, sono uno dei motivi principali per cui siamo qui oggi.

Tu e il tuo partito cercate disperatamente di distrarre dall'economia straordinaria dell'America, dall'incredibile boom di posti di lavoro, dal mercato azionario record, dall'aumento della fiducia e dai cittadini fiorenti. Il tuo gruppo semplicemente non può competere con il nostro record: 7 milioni di nuovi posti di lavoro 11 la disoccupazione più bassa di sempre per afroamericani, ispanici e asiatici americani un esercito ricostruito un VA completamente riformato con scelta e responsabilità per i nostri grandi veterani più di 170 nuovi giudici federali e due giudici della Corte Suprema storico tagli e regolamenti fiscali l'eliminazione di il mandato individuale il primo calo dei prezzi dei farmaci da prescrizione in mezzo secolo il primo nuovo ramo dell'esercito degli Stati Uniti dal 1947, la forza spaziale forte protezione del secondo emendamento riforma della giustizia penale un califfato dell'ISIS sconfitto e l'uccisione del numero uno del mondo leader terrorista, al-Baghdadi la sostituzione del disastroso accordo commerciale NAFTA con il meraviglioso USMCA (Messico e Canada) un rivoluzionario accordo commerciale di Fase Uno con la Cina nuovi massicci accordi commerciali con Giappone e Corea del Sud ritiro dal terribile accordo nucleare iraniano cancellazione del L'accordo di Parigi sul clima ingiusto e costoso diventa il riconoscimento più importante del mondo per i produttori di energia della capitale israeliana, aprendo l'ambasciata americana a Gerusalemme e riconoscendo la sovranità israeliana sulle alture del Golan una colossale riduzione degli attraversamenti illegali delle frontiere, 12 la fine di Catch-and-Release e la costruzione del Muro di confine meridionale — e questo è solo l'inizio, c'è molto di più. Non puoi difendere le tue politiche estreme: frontiere aperte, migrazione di massa, alta criminalità, tasse paralizzanti, assistenza sanitaria socializzata, distruzione dell'energia americana, aborto finanziato a fine mandato dai contribuenti, eliminazione del secondo emendamento, teorie del diritto radicali di estrema sinistra e giustizia, e la costante ostruzione di parte sia del buon senso che del bene comune.

Non c'è niente che preferirei fare piuttosto che smettere di riferirmi al vostro partito come i Democratici del Non-Favore. Sfortunatamente, non so che mi darai mai la possibilità di farlo.

  • 10 Questo è esagerato. Il signor Trump si riferisce ai commenti del rappresentante Adam B. Schiff, democratico della California e presidente del Comitato di intelligence della Camera, fatti sulla telefonata del 25 luglio tra il signor Trump e il signor Zelenksy.