Podcast di storia

Saab F35 Draken

Saab F35 Draken


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Saab F35 Draken

Saab dagli anni '50 ha ricoperto una posizione alquanto unica nella produzione di aerei militari europei; ha prodotto una gamma di velivoli militari di qualità e design sorprendente per il suo paese d'origine che è rimasto neutrale durante la Guerra Fredda. La Svezia con una popolazione ridotta decise di adottare la posizione della neutralità armata, mostrando al mondo esterno una nazione ben attrezzata per difendersi da un aggressore.

Uno dei primi velivoli a portare Saab al centro della scena è stato l'F35 Draken, un intercettore supersonico con ala a doppio delta. Il Draken o Dragon ha visto il servizio negli anni '90 essere in grado di affrontare adeguatamente le minacce in quel momento, ora sostituito dai combattenti Saab Viggen e Gripen. Si tratta di un eccezionale record di servizio per un caccia progettato in risposta a un requisito nel 1949. Il Draken era un elemento chiave nella difesa aerea svedese collegato ai radar di terra con un collegamento dati aria-terra ad alta capacità che rendeva il Draken secondo solo al Convair F-106 nella tecnologia dei suoi tempi. Il Draken era anche veloce rispetto ai suoi coetanei che avevano un tasso di salita secondo solo al BAE Lightening con un tasso di salita iniziale di 50.000 piedi al minuto. Il Draken potrebbe rompere Mach 2 (due volte la velocità del suono) e ha un'ottima capacità di campo aereo ruvido e pronto. Dal punto di vista del radar, aveva un radar molto potente superato solo dal radar dell'F-15 Eagle in Europa quando gli Eagles furono schierati in Germania nel 1977. La facilità di servizio era un requisito chiave poiché molti membri del personale dell'aeronautica svedese sono riservisti. Nel complesso il Draken era un aereo superbo che spesso superava simili strutture aeree delle maggiori potenze della Guerra Fredda.

Il design è unico con un'apertura di 80 gradi sull'ala anteriore che diventa un'apertura di 57 gradi a metà dell'ala. Le ali sono una struttura in pelle rinforzata interamente in metallo e anche la fusoliera è tutta in metallo, ha un carrello di atterraggio del triciclo con attrezzatura antiscivolo e deflessione dei detriti sulla ruota anteriore. Può anche essere dispiegato un paracadute di rottura. Il motore è un turbogetto Svenska Flygmotor (Volvo) RM6 che è fortemente basato su un progetto Rolls Royce con licenza.

La versione base del J 35A entrò in servizio nel marzo 1960 armata con due cannoni Aden da 30 mm e missili sidewinder AIM-9B. Alcune versioni successive hanno sganciato un cannone, ma l'aereo ha 9 punti rigidi sotto il corpo per una vasta gamma di ordigni, tra cui razzi e missili anti-nave. Numerosi aggiornamenti avionici e radar durante la sua lunga vita di servizio hanno mantenuto il Draken in servizio e alcuni sono stati esportati con la Danimarca con uno squadrone di caccia e uno squadrone della versione ricognizione tattica, con l'ultimo Draken danese prodotto nel 1977. Anche la Finlandia ha ordinato 12 Draken nel 1970 oltre all'acquisto di alcuni aerei svedesi in eccedenza. L'Austria ha acquistato alcuni J35D ricondizionati nel 1987 che hanno potenziato le inadeguate difese aeree austriache ma era una soluzione economica e obsoleta. La svedese Drakens si è ritirata dal servizio nel 1995, una notevole storia di servizio.

Velocità massima: 1.320 mph (2125 km/h)
Raggio di combattimento: 350 miglia (564 km)
Carico dell'arma: massimo 3000 kg di varie armi su 9 punti duri

La foto mostra la versione da ricognizione con i sensori del naso. Autore fotografia propria.



Produttore: Saab
Anno/Modello: FJ-35 Draken
S/N: AR-106
Numero di coda: AR-106
Centrale elettrica: RM6B con postbruciatore Ebk
Apertura alare: 30 piedi e 9 pollici
Lunghezza: 50 piedi e 4 pollici
Altezza della coda: 12 piedi e 8 pollici
Peso vuoto: 16.400 sterline
Velocità massima: Mach 2.0
Gamma massima: 2.000 miglia statutarie con serbatoi esterni
Cannoni interni: 2 30mm Aden
Missili: Missili aria-terra AGM-12 Bull-Pup
Equipaggio: 1
Stato: Visualizzazione statica
Proprietario: Estrella Warbirds Museum


Indholdsfortegnelse

I den tidlige jetalder, lige efter 2.verdenskrig, forudså det svenske forsvar at der ville opstå et behov for en jetjager der dels skulle kunne afskære bombefly i stor flyvehøjde, dels med succes kunne engagementre jagere fjendtlige I løbet af settembre 1949 udgav Flygvapnet, via Försvarets materialverk, den nyligt formulerede specifikation for et banebrydende interceptor jagerfly som man forestillede sig kunne angribe fjendtlige bombefly, der opererede med transoniske hastigheder. Γ] Δ] Ved udgivelsen blev der forudset en topfart på Mach 1,4 fino a 1,5 i løbet del 1956 blev hastighedskravet revideret opener to Mach 1,7-1,8. Γ]

Blandt de øvrige specifikke krav var, at flyet skulle kunne flyves af en enkelt pilot og være i stand til at flyve kampmissioner under tutti vejrforhold og om natten, samtidigt med at det skulle kunne flyve fra primitivt udrevelsertedemed o flyfø fino a neutralizzare moderne jetbombefly. Γ] Selv om andre interceptorer, som f.eks. US Air Forces F-104 Starfighter, tutto sommato simile a Draken, teschio d'arte opererà sotto forhold der var unikke per la Sverige. Per ekempel skulle flyet være i stand til at starte og lande på et stykke forstærket offentlig vej, som i tilfælde af krig skulle benyttes som feltflyveplads. P en sådan flyveplads skulle flyet kunne optankes og oplades med munizioni på under ti minutter, med arbejdet udført af værnepligtige tropper med en minimal træning. Δ]

Som respons til udgivelsen af ​​specifikationen, påbegyndte den svenske flyfabrik SAAB arbejdet med et fly, der kunne opfylde rollen. Γ] Indledende studier havde vist at langt de fleste kritiske designopgaver, som var en følge af specifikationen, kunne løses ved at anvende en deltavinget konfiguration. Dette ville igen føre til helt anden serie vanskeligheder - for eksempel, skulle vengen side i en aerodynamisk gunstig placering måtte den forreste del af skroget forlnges kraftigt, og som en følge af dette ville flyet tungt unødvendigt Γ] Den teoretisk ottimali løsning af dette problem viste sig i form af en dobbelt-deltavendo. Der var bare den lille hage ved løsningen, at den aldrig havde været forsøgt i praksis, og derfor valgte SAABs designteam (mere end 500 teknikere, ledet af flyingeniøren Erik Bratt) at designe og bygge et lille jetfly et lille jetfly for at uderefordeske den . Γ]

Dette resulterede i det eneste nedskalerede testfly som blev bygget i Sverige, Saab 210, som uofficielt blev døbt "Lilldraken" (Den Lille Drage). Saab 210, a partire dal 21 gennaio 1952. Ε] Saab 210 var e lille fly: 6,1 m di lunghezza, 4,88 m di lunghezza per metà Motore turbogetto Armstrong Siddeley Adder con motore a scoppio på 4,67 kN (1.050 lbf). Selv i denne beskedne konfiguration havde Lilldraken en topfart på 644 km/t (347 manopola). Ζ]

De udmærkede resultater som Lilldrakens testflyvninger frembragte, førte til at der blev placeret en ordre på tre Draken-prototyper i fuld størrelse. Η] Den 25. oktober 1955 fløj den første af disse prototipor første gang. Dette fly hanno ingen efterbrænder. ⎖] Γ] Ifølge flymagasinet Flight International blev der udført et atypisk intenst testprogram for at definere flyets flyveegenskaber, dets exceptionelle hastighedsområde og de komplicerede systemer. Γ] Den anden prototipo, som var forsynet med en efterbrænder, kom utilsigtet til at bryde lydmuren under stigning på sin første testflyvning. Ώ] [ lato  mangler ]

I løbet af 1956 gik den første produktionsudgave, Draken J 35A, i serieproduktion, Γ] og i febbraio 1958 gik det første produktionsfly på vingerne. ⎗]


Saab 35 Draken – Il potente “strano uccello” dalla Svezia!

Introdurre

L'aeronautica svedese ha una tradizione nell'utilizzo di velivoli nazionali prodotti da Saab in collaborazione con altre aziende nazionali come Volvo, Erricson.

Si può dire che l'aereo Saab è l'apice dell'industria della difesa svedese, questi velivoli autoprogettati sono spesso estremamente unici nell'aspetto. Saab 35 Draken è uno di questi, sembra un veicolo volante alieno. Questo è un modello di caccia sviluppato per l'aeronautica svedese dagli anni '50.

Il Saab 35 non è stato il primo tipo di caccia a reazione costruito dalla Svezia, ma è stato considerato uno degli aerei supersonici più efficienti nelle prime fasi della Guerra Fredda.

Pochi sanno che il Su-27 non è il primo caccia in grado di eseguire la manovra del “cobra”, ma il Saab 35 Draken, che lo ha fatto prima del Su-27 per decenni, anche se i suoi movimenti non erano così fluidi come jet da combattimento di Sukhoi.

Sono state prodotte fino a 651 unità di tutte le varianti Sabb 35 e si sono ritirate completamente solo nel 2005. Questa linea di caccia non è stata utilizzata solo dalla Svezia, ma è stata esportata anche negli altri paesi vicini tra cui Austria, Finlandia e Danimarca.

Sfondo

Dopo la seconda guerra mondiale, all'inizio dell'era dei jet, la Svezia prevedeva la necessità di un caccia a reazione in grado di intercettare i bombardieri ad alta quota e anche di ingaggiare con successo i caccia. Il Draken è stato sviluppato negli anni '40 e '50 per sostituire la prima generazione di aerei da combattimento a reazione della Svezia, il Saab J29 Tunnan e il Saab J32 Lansen.

Il suo primo volo ha avuto luogo nel 1955 ed è entrato in servizio nel 1960, essendo tra i caccia più avanzati e notevoli del suo tempo.

Design

Il Draken è progettato come un caccia senza coda, con una singola pinna caudale verticale. La fusoliera ha una sezione circolare e la parte interna dell'ala è una superficie a corda larga che si estende quasi fino alle prese d'aria ovali che si trovano su entrambi i lati della fusoliera.

La fusoliera del Draken era composta da due sezioni, anteriore e posteriore, unite da bulloni. La sezione anteriore ospita il radar di controllo del fuoco, la cabina di pilotaggio, il carrello anteriore, i serbatoi del carburante integrali e vari sistemi.

La parte posteriore, che è stata fabbricata come un pezzo unico insieme al resto dell'ala interna, conteneva il motore e il postcombustore, i serbatoi del carburante del tipo a sacco, l'armamento, il carrello di atterraggio principale e altri sistemi.

Presentava un'innovativa ala a doppio delta, una configurazione aerodinamica inesplorata in precedenza, con un'ala a delta all'interno di un altro delta più grande. L'ala interna ha un angolo di 80 gradi per prestazioni ad alta velocità, mentre l'ala esterna di 60 gradi offre buone prestazioni a basse velocità.

Avionica

Il Draken può vantare non solo di essere un design radicale e nuovo, rendendolo così molto avanzato dai primi decenni della Guerra Fredda. Saab 35 è stato originariamente progettato con un unico sedile, l'abitacolo della Draken presentava principalmente una strumentazione di origine svedese.

Il radar era molto sofisticato: un PS-02A basato sul radar francese Thomson-CSF Cyrano. Aveva una portata di 24 km e i bersagli venivano normalmente rilevati a 24 km, incorporava un sistema di identificazione amico o nemico.

È stato tra i primi caccia a incorporare un radar di bordo e la versione precedente del sistema di collegamento dati, la cui versione migliorata è stata incorporata nel J37 Viggen e nel JAS 39 Gripen. Infatti, il Draken ha incorporato la rete di controllo a terra STRIL 60 che consente ai piloti Draken una guida al tiro attraverso gli strumenti di bordo, essendo il sistema anche in grado di resistere ai disturbi elettronici.

Per i clienti esteri, il Draken era dotato di un radar per il controllo del fuoco Airpass II costruito da Ferranti. Il Draken era anche dotato di un pilota automatico a tre assi.

Motore e prestazioni

La propulsione era fornita da un singolo motore turbogetto Svenska Flygmotor RM6B o RM6C, che conferiva una velocità massima di 2.450 km/h a 11.000 m. L'autonomia dei traghetti è di 2.750 km con cisterne esterne.

Aveva anche un tetto di servizio superiore a 20.000 m rispetto ai combattenti dei suoi tempi, così come la velocità di salita è di 199 m/s. A parte il fatto di essere il primo caccia a reazione supersonico europeo, il Draken è stato il primo caccia ad avere capacità di decollo e atterraggio brevi.

Una turbina ariete, posizionata sotto il muso dell'aereo, forniva alimentazione di emergenza, mentre il motore era dotato anche di un'unità di avviamento di emergenza incorporata. Il Draken potrebbe utilizzare uno scivolo di trascinamento per ridurre la sua distanza di atterraggio.

Armamento

L'armamento principale è stato trasportato esternamente, fino a quattro missili aria-aria AIM-9 Sidewinder sono stati trasportati su punti rigidi sotto le ali e i carichi utili alternativi della fusoliera includono una varietà di bombe e razzi.

La versione precedente del Draken aveva due cannoni Aden M/55 da 30 mm situati all'interno di ciascuno dei pannelli alari interni, le versioni successive con un solo cannone. Al posto dei cannoni, nello stesso spazio potrebbero essere installati serbatoi di carburante aggiuntivi. Per le missioni di ricognizione aerea, sotto la fusoliera poteva essere trasportata una varietà di capsule fotografiche.

Operazioni

Nonostante sia stato concepito come un intercettore, Saab 35 si è comportato bene nei combattimenti aerei ed è stato in grado di intraprendere anche missioni di attacco al suolo, addestramento e ricognizione. E si è rivelato un design molto duro e resistente, poiché è tra i pochi progetti di caccia a reazione in servizio da 50 anni. Il design era così unico che, infatti, il Draken è stato studiato per la progettazione e lo sviluppo del prototipo sperimentale F16XL.

In servizio svedese, il Draken ha subito diversi aggiornamenti, l'ultimo dei quali è il modello J35J. Negli anni '80, i Draken dell'8217 dell'aeronautica svedese erano stati in gran parte sostituiti dal più avanzato caccia Saab 37 Viggen, mentre l'introduzione del più potente caccia Saab JAS 39 Gripen era prevista in servizio entro un decennio, anche se in ritardo.

Come conseguenza dei tagli e degli alti costi di manutenzione, l'aeronautica svedese decise di ritirare il Draken nel dicembre 1999. L'Austria fu l'ultimo paese ad avere il Draken in servizio militare attivo. Nel 2005, questi Draken sono stati ritirati, essendo stati sostituiti dagli ex F-5 Tiger II dell'aeronautica svizzera, in attesa che i nuovi Eurofighter Typhoon prendessero il loro posto a lungo termine.


Saab 35 Draken: i piloti avevano bisogno di nervi d'acciaio per testare il volo di questo cattivo ragazzo

Non troppo costosa e molto affidabile, la Saab 35 ha lasciato il segno. Ecco come il design insolito dell'aereo da guerra lo rende così unico.

Ecco cosa devi ricordare: La Saab 35 Draken è stata utilizzata in qualche modo fino alla metà degli anni 2000, una corsa di circa cinquant'anni. Non male per un aereo inizialmente sperimentale.

La Saab 35 era un design svedese radicale e, a differenza di alcuni popolari mobili nordici, era piuttosto robusta e aveva una grande longevità.

Gli ingegneri di Saab avevano un'idea radicale per un nuovo caccia a reazione, il Saab 35: avrebbero usato un design a doppia ala delta (che si sarebbe rivelato molto popolare in Saab). Le ali delta sono riconoscibili come grandi ali a forma di triangolo che sono più larghe nella parte posteriore e si assottigliano verso l'interno più vicino al naso dell'aereo.

Questo è apparso per la prima volta in precedenza e viene ripubblicato a causa dell'interesse dei lettori.

Le ali a delta hanno alcune caratteristiche benefiche. In generale, le ali a delta hanno più volume interno per il carburante rispetto alle ali convenzionali. Le ali a delta possono anche essere strutturalmente più forti, sebbene subiscano una maggiore quantità di resistenza rispetto ai tipici velivoli ad ala a freccia.

Test, 1, 2, 3

Il design a doppio delta sembrava promettente, ma erano necessari test approfonditi. Prima che fossero disponibili i test assistiti da computer e la simulazione di volo, testare nuovi progetti di aeroplani era un'impresa lenta e laboriosa. Gli ingegneri hanno fatto ampio uso di test in galleria del vento e modelli su piccola scala per testare gli effetti aerodinamici che avrebbero avuto le nuove caratteristiche della cellula, e la Saab 35 Draken non ha fatto eccezione.

Proprio come i piloti collaudatori come Chuck Yeager della US Air Force Test Pilot School hanno testato i prototipi di jet americani, anche Saab aveva bisogno di testare una tecnologia aeronautica non dimostrata. Mentre i prototipi erano utili per esperimenti di prova del concetto, i test di volo dal vivo avrebbero fornito preziose informazioni sul mondo reale. Essere un pilota collaudatore era particolarmente pericoloso e richiedeva nervi d'acciaio.

Gli ingegneri Saab avevano bisogno di dati a doppio delta nella vita reale e nel 1952 costruirono un piccolo aereo di prova, il Saab 210 per farlo, essenzialmente un design ad ala a doppio delta ridotto, ma pilotabile.

Serpenti svedesi

Il design del doppio delta ha funzionato. Nel 1952, la Saab 210 ha sorvolato Stoccolma per celebrare il 700° anniversario della fondazione della città.

In effetti, il doppio delta era estremamente capace. All'inizio degli anni '60, i piloti svedesi della Saab realizzarono la Cobra Maneuver, un'esibizione acrobatica tecnicamente impegnativa in cui un rapido sollevamento del muso fa volare un aeroplano in avanti perpendicolarmente al suolo. Mentre un pilota è rivolto verso il cielo, trasformano momentaneamente la cellula in un enorme aerofreno e rallentano così rapidamente l'aereo.

Sebbene non sia sempre applicabile agli scenari di combattimento, la Manovra Cobra è comunque un indicatore di elevata manovrabilità e ha dimostrato le capacità della Saab 35. Il Saab 35 era abbastanza capace sia per la sua epoca che considerando che era un jet monomotore. Il caccia poteva volare a Mach 2 e ospitava uno o due cannoni interni da 30 millimetri (a seconda della variante) oltre ai missili aria-aria.

Import-Export

La Saab ha avuto successo al di fuori della Svezia ed è stata esportata in alcuni dei paesi confinanti con la Svezia: Finlandia e Danimarca.

Gli Stati Uniti hanno utilizzato dodici Saab 35 precedentemente danesi come aerei da addestramento fino al 2009. Anche l'Austria ha acquisito diverse dozzine di Saab 35 unici. Poiché l'Austria non poteva utilizzare missili aria-aria dal Trattato di Stato austriaco, dotarono le loro Saab di cannoni interni per il combattimento aria-aria. La restrizione è stata revocata nel 1993.

Sebbene la Saab 35 sia stata sostituita dalla più capace Saab 37 Viggen (che utilizzava anche un design ad ala a delta modificato), la Saab 35 Draken è stata utilizzata in qualche modo fino alla metà degli anni 2000, una corsa di circa cinquant'anni. Non male per un aereo inizialmente sperimentale.


Storia operativa [ modifica | modifica sorgente]

Sebbene non sia stato progettato per essere un dogfighter, il J 35 Draken ha dimostrato di avere una buona capacità di virata istantanea ed è stato un combattente molto capace. È entrato in servizio nel 1960 con l'aeronautica svedese 644 Saab Drakens sono stati costruiti per la Svezia e altre nazioni europee. La flotta Draken svedese è disponibile in sei diverse varianti, mentre due modelli Draken sono stati offerti per l'esportazione. I primi modelli erano destinati esclusivamente alla difesa aerea. L'ultimo modello costruito è stato il J 35F, l'ultima variante rimasta in servizio in Svezia. Questi velivoli sono stati riarmati negli anni '90 e sono stati ripetuti dal Saab JAS 39 Gripen.

Il design del J 35 Draken ha subito diversi aggiornamenti. L'ultima era la versione J 35J, alla fine degli anni '80, anche se da allora la Draken era stata quasi totalmente ripetuta dalla Saab 37 Viggen in servizio svedese. Il J 35J era un programma di estensione della vita utile poiché la consegna del nuovo Saab JAS 39 Gripen era ancora in fase di sviluppo e soffriva di ritardi nella consegna. Il programma di estensione era quello di mantenere il Draken in volo negli anni 2000, ma a causa dei tagli e degli alti costi di manutenzione il Draken è stato infine eliminato. I Draken svedesi sono stati ufficialmente ritirati nel dicembre 1998, anche se il tipo rimane in numero limitato sia nella versione militare che in quella civile. I clienti esteri includevano Danimarca e Finlandia. Nel 1985, l'aviazione austriaca acquistò 24 J 35D ricondizionati da Saab, designati J 35Ö.

Tutti i Draken sono intercettori con capacità aria-terra limitate, con la sola eccezione dei Draken danesi, che sono aerei da attacco in grado di trasportare missili AGM-12 Bullpup, "jammer" avanzati e maggiori riserve di carburante interne ed esterne. I Draken danesi sono finora i più pesanti della serie ad essere stati in servizio. Gli aerei danesi F-35 furono ripetuti nel 1993.

La Finlandia ha aggiornato la sua flotta 35XS con nuova avionica, display della cabina di pilotaggio, sistemi di navigazione/attacco e contromisure elettroniche durante gli anni '90, ma alla fine ha ripetuto il Draken nel 2000.

L'Austria è stato l'ultimo paese ad operare il Draken in servizio militare. Hanno acquistato il J 35D rinnovato che è stato l'ultimo caccia dell'aeronautica austriaca con due cannoni interni a causa della restrizione nel Trattato di Stato austriaco del 1955 di non essere autorizzato a trasportare missili aria-aria. Questa restrizione è stata abbandonata nel 1993 a causa di violazioni dello spazio aereo dal vicino conflitto interno jugoslavo sul confine meridionale, sono stati acquistati missili AIM-9 Sidewinder. Questi Draken sono stati ripetuti nel 2005, quando sono stati sostituiti dagli ex svizzeri Northrop F-5E/F Freedom Fighter Tiger II, in attesa di nuovi Eurofighter.

Negli Stati Uniti, la National Test Pilot School (NTPS) possiede sei Draken che erano precedentemente in servizio danese di questi, due TF-35XD e un RF-35XD sono operativi, con sede presso il Mojave Spaceport.


Saab 35 della Svezia: un jet da combattimento con un design come nessun altro

La Saab 35 era un design svedese radicale e, a differenza di alcuni popolari mobili nordici, era piuttosto robusta e aveva una grande longevità.

Punto chiave: L'aereo era molto innovativo ed esportato bene. Avrebbe continuato a lasciare il segno come hanno fatto molti altri aerei da guerra svedesi simili.

La Saab 35 era un design svedese radicale e, a differenza di alcuni popolari mobili nordici, era piuttosto robusta e aveva una grande longevità.

Gli ingegneri di Saab hanno avuto un'idea radicale per un nuovo caccia a reazione, il Saab 35: avrebbero usato un design a doppia ala delta (che si sarebbe rivelato molto popolare in Saab). Le ali delta sono riconoscibili come grandi ali a forma di triangolo che sono più larghe nella parte posteriore e si assottigliano verso l'interno più vicino al naso dell'aereo.

Le ali a delta hanno alcune caratteristiche benefiche. In generale, le ali a delta hanno più volume interno per il carburante rispetto alle ali convenzionali. Le ali a delta possono anche essere strutturalmente più robuste, sebbene subiscano una maggiore quantità di resistenza rispetto ai tipici velivoli ad ala a freccia.

Test, 1, 2, 3

Il design a doppio delta sembrava promettente, ma erano necessari test approfonditi. Prima che fossero disponibili i test assistiti da computer e la simulazione di volo, testare nuovi progetti di aeroplani era un'impresa lenta e laboriosa. Gli ingegneri hanno fatto ampio uso di test in galleria del vento e modelli su piccola scala per testare gli effetti aerodinamici che avrebbero avuto le nuove caratteristiche della cellula, e la Saab 35 Draken non ha fatto eccezione.

Proprio come i piloti collaudatori come Chuck Yeager della US Air Force Test Pilot School hanno testato i prototipi di jet americani, anche Saab aveva bisogno di testare una tecnologia aeronautica non dimostrata. Mentre i prototipi erano utili per esperimenti di prova del concetto, i test di volo dal vivo avrebbero fornito preziose informazioni sul mondo reale. Essere un pilota collaudatore era particolarmente pericoloso e richiedeva nervi d'acciaio.

Gli ingegneri Saab avevano bisogno di dati a doppio delta nella vita reale e nel 1952 costruirono un piccolo aereo di prova, il Saab 210 per farlo, essenzialmente un design ad ala a doppio delta ridotto, ma pilotabile.

Serpenti svedesi

Il design del doppio delta ha funzionato. Nel 1952, la Saab 210 ha sorvolato Stoccolma per celebrare il 700° anniversario della fondazione della città.

In effetti, il doppio delta era estremamente capace. All'inizio degli anni '60, i piloti svedesi della Saab realizzarono la Manovra Cobra, un'esibizione acrobatica tecnicamente impegnativa in cui un rapido sollevamento del muso fa volare un aeroplano in avanti perpendicolarmente al suolo. Mentre un pilota è rivolto verso il cielo, trasformano momentaneamente la cellula in un enorme aerofreno e rallentano così rapidamente l'aereo.

Sebbene non sempre applicabile agli scenari di combattimento, la Manovra Cobra è comunque un indicatore di elevata manovrabilità e ha dimostrato le capacità della Saab 35. Il Saab 35 era abbastanza capace sia per la sua epoca che considerando che era un jet monomotore. Il caccia poteva volare a Mach 2 e ospitava uno o due cannoni interni da 30 millimetri (a seconda della variante) oltre ai missili aria-aria.

Import-Export

La Saab ha avuto successo al di fuori della Svezia ed è stata esportata in alcuni dei paesi confinanti con la Svezia: Finlandia e Danimarca.

Gli Stati Uniti hanno utilizzato dodici Saab 35 precedentemente danesi come aerei da addestramento fino al 2009. Anche l'Austria ha acquisito diverse dozzine di Saab 35 unici. Poiché l'Austria non poteva utilizzare missili aria-aria dal Trattato di Stato austriaco, dotarono le loro Saab di cannoni interni per il combattimento aria-aria. La restrizione è stata revocata nel 1993.

Sebbene la Saab 35 sia stata sostituita dalla più capace Saab 37 Viggen (che utilizzava anche un design ad ala a delta modificato), la Saab 35 Draken è stata utilizzata in qualche modo fino alla metà degli anni 2000, una corsa di circa cinquant'anni. Non male per un aereo inizialmente sperimentale.


Sisällysluettelo

Suihkukonekauden alkaessa Ruotsi katsoi tarvitsevansa suihkuhävittäjän, joka kykenisi torjumaan korkealla lentävät pommikoneet ja torjumaan hävittäjät. Vaikka saatavana oli jo torjuntahävittäjiä kuten Yhdysvaltain ilmavoimien F-104 Starfighter, Saabin Draken soveltui nimenomaan Ruotsin ilmapuolustuksen tarpeisiin. Eräs esitetyistä vaatimuksista oli operointi maantiekentiltä sekä varusmiesten suorittaman tankkaamisen ja aseistamisen kestoajan rajoittaminen kymmeneen minuuttiin. Syyskuussa 1949 Ruotsin asevoimien materiaalilaitos toimitti tarjouspyynnön hävittäjä/torjuntahävittäjästä Saabille, joka aloitti suunnittelun vielä samana vuonna.

Drakeniin toteutettiin kaksoisdeltasiivet. Siiven 80 asteen kulma mahdollisti nopeasti lentämisen ja 60 asteen kulma mahdollisti hyvät lento-ominaisuudet hitaasti lennettäessä. Voimanlähteeksi valittiin yksi Svenska Flygmotorin RM 6B/C turbojet eli lisenssivalmisteinen Rolls-Royce Avon 200/300.

Saab J35A Draken Muokkaa

Ensimmäiset J35A:t toimitettiin Ruotsin ilmavoimien (ruots. Svenska Flygvapnet ) F13 -lennostolle Norrköpingiin 8. maaliskuuta 1960. Viimeiset A-mallin koneet toimitettiin vuonna 1962. Koneita rakennettiin kaikkiaan 90 kappaletta (valmistusnumerot (engl. numero di costruzione ) 35001 - 35090). Tyyppi oli palveluskäytössä F16 -lennostossa aina vuotaen 1976.

Saab J 35B Draken: (B=Bertil) Muokkaa

Parannettu ja takarungoltaan pidennetty versio, jossa oli ranskalaisen tulenjohtotutkan sijasta ruotsalainen PS07-tutka ja S6:sta parannettu S7-tähtäin sekä lisenssivalmisteisia Sidewinder-ohjuksia. Ensimmäiset B-mallin koneet toimitettiin vuonna 1961 F16 -lennostolle Upsalaan sekä F18 -lennostolle Tullingeen ja F10 -lennostolle Ängelholmiin. Valmistusmäärä oli 73 konetta. Tipo d'atto poistui palveluskäytöstä vuonna 1976. Suomen ilmavoimat vuokrasi 6 B-mallin konetta Ruotsin ilmavoimilta vuonna 1972 ja ne ostettiin vuonna 1976. Käytössä Suomessa harjoitushävittäjänä tyyppimerkinnällä J35BS Draken (S = Suomi) 1972-1995 ensin Tikkakoskella Hämeen lennostossa ja myöhemmin Lapin Lennostossa Rovaniemellä.

Saab J 35D Draken: J 35D (D=David) Muokkaa

Taas J 35A:ta, Sk 35C:ä ja J 35B:ä tehokkaammalla moottorilla varustettu malli. Koneita valmistettiin 92 kpl. Tyyppi oli palveluskäytössä F4 -lennostossa Östersundissa ja F21 -lennostossa Luleåssa vuotaen 1984.

Saab S 35E Draken: (S = spaning eli tiedustelu, E=Erik) Muokkaa

Oli kuudella kiinteällä kameralla varustettu tiedustelukone. E-mallin 60:stä koneesta 31 oli uusia ja 29 muunnettiin käytetyistä 35D-koneista. Neljän lisäsäiliön ansiosta sillä oli hävittäjiä pitempi toimintasäde. Tyyppi palveli F11 ja F21 -lennostoissa vuosina 1964-1979.

Saab J 35F Draken (F=Filip) Muokkaa

J 35D:stä kehitetty Drakenin viimeinen tuotantoversio, jossa oli tehokkaampi tulenjohtojärjestelmä ja monipuolisempi ohjusvarustus. tyypin ensilento tapahtui 26.6.1964. Ohjuksina voitiin käyttää Ruotsissa lisenssillä valmistettuja lämpöhakuisia HM-58 Falcon- (ruotsalaiselta merkinnältään Rb28) ja AIM-9 Sidewinder- (Rb24) sekä puoliaktiivisesti tutkan avulla-HM-luohjukutuvia . Tyyppiä valmistettiin 230 kpl vuosina 1965..1968. Sarja F1 käsitti 100 konetta (valm no:t 35401..35500) ja F2 -sarja 130 konetta (valm no:t 35551..35630). Tyyppi oli 1970-luvulla ja 1980-luvun alussa Ruotsin päähävittäjä. Se palveli F13, F1, F10, F3, F12 F16 ja F17 -lennostoissa (F=Flygflottij). Tyyppiä alettiin Ruotsissa poistaa palveluksesta 1980-luvulla ja viimeisenä se oli palveluskäytössä F10 -lennostossa Ängelhomissa vuotoen 1989.

Suomen ilmavoimille ostettiin aiemmin hankittujen Draken -koneiden täydennykseksi kuusi Ruotsista käytettyjä F1 -tyypin koneita vuosina 1976–1978 (DK-261..271, parittomat numerot) ja kahdeksantoista. Koneet olivat palveluskäytössä 1976–2000 Lapin lennostossa Rovaniemellä (Hävittäjälentolaivue 11) ja 1985–1997 Satakunnan lennostossa Pirkkalassa (Hävittäjälentolaivue 21). F-mallin virallinen viimeinen lento Suomessa tapahtui Rovaniemellä 16. elokuuta 2000 (DK-241) DK-juhlassa, minkä jälkeen koneet poistettiin palveluksesta. Joitain siirtolentoja tehtiin vielä tämänkin jälkeen. Osa koneista romutettiin, osa siirrettiin museoille ja koulutuskäyttöön. [1]

Saab J 35J Draken (J=Johan) Muokkaa

Oli käytetyistä J 35F2-koneista modernsoitu torjuntahävittäjä. Ruotsin ilmavoimien F10 -lennoston käytössä oli tyyppiä vuodesta 1987 alkaen yhteensä 67 kpl. Koneet poistuivat käytöstä 8.12.1998.

Saab 35Ö Muokkaa

Itävallalle 1987–89 toimitetut J 35Ö koneet (24 kpl) olivat F4 -lennoston peruskorjattuja 35D-sarjan koneita. Koneet saivat uudet valm n:o 351401..351424 ja tunnukset 01..24. Koneet poistuivat käytöstä vuonna 2005 viimeisinä Draken koneina.

Saab 35XD Draken Muokkaa

Tanskan Saabilta ostamat 51 kpl J35F2 -koneita saivat tunnuksen A35XD Draken (A=attacco, X=vienti ja D=Danimarca). Koneista 20 oli tanskalaisen merkintätavan mukaan F-35-hävittäjiä (toimitusvuodet 1970–71), 20 RF-35-tiedustelukoneita (1971–72), kuusi TF-35 koulutuskoneita (1971–72) ja myöhemmin vielä viisi (TF-35-konetta) 1976-1977). Koneet oli optimoitu paremminkin rynnäkkötehtäviin kuin ilmapuolustukseen koneiden rakennetta vahvistettiin ja polttoainemäärää kasvatettiin 40 prosentilla. Koneet palvelivat Eskadrille 725 ja Esk. 729 -laivueissa Karupissa vuota nel 1993.

Saab 35XS Draken Muokkaa

Suomessa lisensssillä koottu J 35F2:n vientiversio. Koneet olivat viimeiset tuotantolinjalta valmistuneet Drakenit. Tunnetaan Suomessa merkinnällä Saab 35S Draken (S=Suomi). Tunnukset DK-201..223 (numero parittomat). Käytössä yhteensä 12 kpl vuosina 1974–2000 Lapin lennoston Hävittäjälentolaivue 11:ssä Rovaniemellä. Tyypin viimeinen lento Suomessa tapahtui 16.8.2000 Rovaniemellä.

Saab Sk 35C Draken (C=Cesar) Muokkaa

J 35A:sta muunneltu aseistamaton ja tutkaton kaksipaikkainen harjoituskone. Kaikkiaan 26 A-mallin konetta muutettiin kaksipaikkaiseksi C-mallin koneeksi. Koneet saivat uudet valm. no:t 35800..35826. Käytössä Suomessa 2-paikkaisena harjoitushävittäjänä tyyppimerkinnällä J35CS Draken 1978–2000 Lapin Lennostossa Rovaniemellä ja 1984–1997 Satakunnan Lennostossa Pirkkalassa.


Jas 39e F Gripen

01 apr 2020 Le varianti JAS-39E e F del caccia Gripen svedese sono la pecora nera della famiglia in molti modi. Il suo costo di esercizio.


Jas 39 Gripen Swedia Jet Tempur Mematikan Tapi Murah Meriah

Il primo aereo da caccia brasiliano Gripen E Saab JAS 39E Gripen è arrivato in Brasile chiamato F-39 Gripen dall'aeronautica brasiliana FAB noto anche come.

Jas 39e f gripen. 22 agosto 2019 Confrontalo con il nuovo motore stesso dell'FA-18 sul J-39E con le sue 22000 libbre di spinta per il Gripen, molto più leggero, 31000 libbre di peso massimo al decollo. 08 feb 2020 L'avanzato Gripen di nuova generazione si chiama JAS-39E e F sviluppato dal programma Gripen NG. Nonostante siano la variante più avanzata, hanno costantemente perso le offerte contro i combattenti rivali.

Aug 06 2020 The advanced next generation Gripen is called JAS-39E and F developed from the Gripen NG program. The Worlds Most Powerful Fighter Jet You Never Heard OfIn late January the Saab JAS-39E Gripen arrived in Finland for its. Jan 13 2020 Lockheed Martin F-22 Raptor Lockheed Martin F-35 Lightning II SAAB JAS-39 Gripen Sukhoi Su-273035 Flanker In June 2002 Australia joined the Joint Strike Fighter JSF development program and announced that the Lockheed Martin F-35 would be the solution to AIR 6000 provided that the final design met the RAAF needs and budget.

The Saab JAS-39E Gripen is a light Swedish single-engine multirole fighter aircraft developed by Saab in 1987 to replace the older Saab 35 Draken and 37 Viggen fighters for the Swedish Air Force. These will feature data based on the Gripen NG model initiative mentioned above. Feb 08 2020 In late January the Saab JAS-39E Gripen arrived in Finland for its flight evaluation as part of the HX Challenge Finlands search for.

Meet the Saab JAS-39E Gripen. The aircraft flew over the air base after an air display of the Brazilian Smoke Squadron. Jun 29 2020 Saab is currently developing an advanced next-generation Gripen model called the JAS-39EF Gripen NG that is likely to be delivered to.

Saab 39 Gripen NG Saab 39 Gripen NG Next Generation Nsta Generation ven JAS 39EF Gripen eller F-39EF Gripen r ett enhetsflygplan i fjrde generationens stridsflygplan som tillverkas av Saab AB. The first JAS-39E Gripen built for Brazil made its maiden flight in August 2019. The Gripen E named F-39E Gripen by the Brazilian Air Force FAB was officially presented today October 23rd during the celebrations of Aviators Day and the Brazilian Air Force Day at Wing 1 in Braslia.

Thats a 0625 ratio for the F-16 and. Jul 07 2020 In 2014 Saab signed a contract with Brazil for 36 Gripen EFs which that country has designated as F-39EFs with an additional requirement for 72 jets. Oct 16 2020 The JAS 39EF production models are proposed now realized multirole next generation variants single-seat and twin-seat respectively intended to make extensive use of networked aircraft under Swedens vision of WIde Spectrum COMbat.

Its operating cost. The Swedish Air Force is buying its Gripen Es for 43 million per copy less than one-third the price of the F-35. Jan 21 2021 Saabs JAS 39 Gripen might not be well known like the F-22 or F-16 but is built to take on the toughest enemies on the planet for a low cost.

Mar 24 2021 As noted Brazils Air Force contracted Saab of Sweden in 2014 to supply 36 multirole fighter jets JAS-39EF Gripen NG of which 13 will be built in Sweden and the remaining 23 will be locally produced at an Embraer factory in Brazil. The Swedish Air Force is buying its Gripen Es for 43 million per copy less than one-third the price of the F-35. As well as the Swedish Air Force the Gripen has also been exported to the Air Forces of South Africa Czechoslovakia and Hungary.

Designed to replace the variants of the Saab 35 Viggen and Saab 37 Draken combat aircraft Swedens JAS 39 Gripen was first flown in December 1988 and entered operational service with the Swedish Air.


10 Fakta Gripen Jet Tempur Cantik Tapi Mematikan Jakartagreater


Saab Jas 39e Gripen Advertised Heavenly Killer


The Gripen Solution Taiwan In Perspective


1 72 Jas 39e Gripen By Nils Mathisrud


Memotret Gripen Rafale Dan Typhoon Dari Kasus Swiss


Saab Jas 39e F Gripen Ng The National Interest


F 16 Block 70 Vs Saab Jas 39e


Gripen E F Fighter Takes A Step Forward News Aviation International News


Meet The Saab Jas 39e Gripen The World S Most Powerful Fighter Jet You Never Heard Of Youtube


Storia

The discussion about a new fighter project, capable of intercepting small groups of bombers at an altitude of 10 kilometres, was brought up in the autumn of 1949, just a few months from the introduction of the J29 Tunnan. The threat was deemed to be transonic bombers, which needed to be intercepted before reaching Swedish airspace. This meant the next big project, Saab would focus on a high-speed interceptor capable of exceeding the Mach number, while still being able to function as an all-weather, daytime fighter.

This new project for a supersonic fighter-interceptor was given the name "project 1200". This project would be lead by the Saab engineer Erik Bratt. His team tinkered with various ideas on how to create a supersonic fighter with low-speed handling, to ease landing on shorter runways. The team came up with a double delta design that made use of two wing angles, giving the plane less drag at higher speeds, while staying manoeuvrable at lower speeds. In order to test this design, the team constructed a miniature version of the new fighter, named Saab 210, which also received the nickname "Lilldraken" (translates to small kite). This plane was just 70% the size of the regular Draken and was used for extensive testing of handling as well as ergonomics of a double delta configuration. This prototype was first flown on January 21st, 1952.

The Saab 210 would see many changes to its design in order to finalize the look of the upcoming J35 Draken. The nose was changed to better suit radar use, its air intakes moved back for a better view, and the tail reconstructed to fit a drag-chute. All of which would be found on the J35 Draken later on.

With the tests finished, the Draken would finally see full-scale prototypes. The first prototype took to the skies in October 1955, and deliveries of the first variant, the J35A, would commence in 1959. By 1960 the first Drakens would officially be in service. These would be stationed at F13 Bråvalla and F16 Gotland. Later variants would be placed all over Sweden, with various purposes. Being used for bomber interception, reconnaissance and trainers, the Saab 35 Draken would see the longest service life of any fighter in the Swedish air force. The Draken would serve for almost 40 years, having 615 planes produced during its lifespan.

The J35D was the 4 th Draken variant that was planned and built due to the new requirements the Swedish KFF (Kungliga FlygFörvaltningen or Royal air ministry) issued to Saab. The new requirements specified that the next fighter had to intercept high altitude bombers flying at Mach 1.5, while still carrying the same weaponry and ordnance the earlier J35B offered. This required Saab to upgrade the RM6B engine found on the J35B, which meant the design had to be slightly altered. The air intakes were elongated, and the fuselage got altered to support the use of drop-tanks in the center. The first J35D took to the skies on the 28th of August 1962, but the first planes delivered would be without radar equipment. These would be known as the J35D1, of which 24 of which were made. The other planes got the name J35D2 and would later be known as the J35D when the original D1s got their radar equipment installed.

A total of 120 J35D Drakens would be built between 1963-1964. Being outfitted with the Rm 6C (Avon 300-series), this version was the fastest Draken to take to the skies. This Draken would also be exported to the Austrian air-force. In order to export these planes to Austria, Saab ended up buying back 24 of the Swedish serving J35Ds and converting them to the Austrian requirements, which meant fitting the planes with the bird-proof cockpit from the J35F, as well as repainting them for Austrian service. These Austrian Drakens, designated J35Ö (sometimes designated J35OE), saw extensive use all the way towards the 21st century, being taken out of service in 2005.

Devblog

In the late 1940s, the Swedish Ministry of Defence released a set of requirements for a new, cutting edge jet interceptor. Among other requirements, the new aircraft was to be capable of reaching speeds of Mach 2 and able to hunt down transonic bombers, while being easily maintained and capable of taking off from special public roads.

Saab began developing an aircraft around these specifications in the early 1950s and quickly came to the conclusion that a double delta wing design was needed in order to achieve all the requirements. However, this design was yet untried and untested, which led to the creation of the Saab 210 - a testbed aircraft which pioneered the double delta wing design.

Having gained the necessary insight on the performance of the double delta wing, Saab engineers transferred the newly acquired experience into the development of the actual aircraft to address the Ministry's requirements - the J35 Draken was born.

The J35 Draken undertook its maiden flight in October 1955 and entered service with the Swedish Air Force in March 1960. Over 650 Drakens of various modifications would be built until the end of production, serving with Sweden until the late 1990s before being decommissioned. Apart from Swedish service, the J35 Draken also saw use with Denmark, Finland and Austria. The Austrian Air Force was the last operator to decommission the Draken in 2005, while some units are still in civilian use.


Guarda il video: Saab 35 Draken. SPITTING FLAMES (Potrebbe 2022).