Podcast di storia

Liberatore B-24J consolidato

Liberatore B-24J consolidato


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Liberatore B-24J consolidato

Il Consolidated B-24J Liberator è stato costruito in numero maggiore rispetto a qualsiasi versione del velivolo, con un totale di 6.678 velivoli costruiti da tutte e cinque le fabbriche coinvolte nel Liberator Production Pool. Originariamente il B-24J si riferiva ad aerei prodotti da Consolidated a San Diego e Fort Worth, utilizzando torrette di coda Consolidated A-6 modificate al posto della torretta Emerson utilizzata sul B-24H. Nella primavera del 1944 le restanti tre fabbriche del Liberator Production Pool passarono al B-24J, ma la maggior parte di questi velivoli usava la torretta Emerson, mentre sia San Diego che Fort Worth cambiavano la torretta Emerson quando erano disponibili abbastanza.

Fabbrica

Numero prodotto

CO – Consolidata, San Diego

2792

CF – Consolidata, Fort Worth

1558

DT – Douglas, Tulsa

205

NT – Nord America, Dallas

536

FO – Ford Motor Company, Willow Run

1587

Tutti i B-24J avevano una serie di caratteristiche in comune. Erano tutti alimentati dal motore R-1830-65, utilizzavano un nuovo pilota automatico C-1 e un mirino per bombe della serie M modificato. Tuttavia, tutte e cinque le fabbriche producevano velivoli leggermente diversi, rendendo la manutenzione molto complicata.

B-24J-CO (San Diego)

La produzione di B-24J iniziò nello stabilimento Consolidated di San Diego nell'agosto del 1943. A questo punto Consolidated si era fusa con Vultee e la società combinata viene normalmente denominata Convair.

Il B-24J-CO presentava la torretta anteriore Consolidated A-6. In altri modi era meno avanzato del B-24H, che aveva caratterizzato una nuova "torretta alta cappello" Martin A-3D e cannoni a vita sfalsati chiusi, mentre i B-24J prodotti da San Diego mantenevano la precedente torretta superiore inferiore e finestre aperte , almeno fino alla fine della produzione. Alla fine erano disponibili abbastanza torrette Emerson per essere utilizzate a San Diego, sia con il 181° aereo che con il blocco di produzione 190 (le fonti variano)

B-24J-CF (Fort Worth)

La produzione del B-24J iniziò a Fort Worth nel settembre 1943. Come a San Diego, l'aereo trasportava la torretta anteriore dell'A-6, fino al 41° aereo o al blocco 45 (le fonti variano). Il B-24J-CF era equipaggiato con la torretta "high hat" e cannoni a cintura sfalsati e chiusi.

B-24J-FO (Ford, Willow Run)

La Ford at Willow run iniziò la produzione del B-24J-FO nell'aprile 1944. Questi velivoli presentavano anche la torretta "high hat" e i cannoni sfalsati e chiusi.

B-24J-NT (Nord America, Dallas)

North American a Dallas iniziò la produzione del B-24J-NT nel maggio 1944. Questi velivoli presentavano anche la torretta "high hat" e i cannoni sfalsati e chiusi.

B-24J-DT (Douglas, Tulsa)

Douglas a Tulsa iniziò la produzione del B-24J-DT nel maggio 1944. Questi velivoli presentavano anche la torretta "high hat" e i cannoni sfalsati e chiusi.

Statistiche (per aerei con torretta anteriore A-6)
Apertura alare: 110 piedi
Lunghezza: 67 piedi, 7 5/8 pollici
Peso a vuoto: 36.500 libbre
Peso massimo: 65.000 libbre
Motore: Quattro Pratt & Whitney R-1830-65
Potenza: 1.200 ciascuno
Armamento: Dieci mitragliatrici calibro .50 (due muso, due coda, due dorsali, due ventrali e una in ciascuna posizione di cintura)
Velocità massima: 290 mph
Soffitto di servizio: 28.000 piedi
Autonomia: 2.100 miglia


Kit Liberator Hasegawa 1/72 B-24J Primo sguardo

Il B-24 Liberator fu una benedizione mista per lo sforzo bellico. Fu prodotto in numero molto maggiore rispetto al B-17, anche se la produzione iniziò solo dopo l'inizio della guerra. Grazie a Henry Ford, la prima vera linea di produzione di massa di aerei è stata istituita a Willow Run, MI e B-24 stavano raggiungendo tutti i teatri operativi.

Nonostante la loro maggiore disponibilità, gli equipaggi dei bombardieri preferivano il B-17. Anche se il B-24 era più veloce, più moderno e aveva maggiori capacità, era anche meno stabile e molto più lavoro per i piloti. Le vignette del periodo indicavano che i piloti di B-24 potevano essere avvistati al pub a causa del loro unico enorme braccio sinistro necessario per mantenere l'aereo in aria. I copiloti sono stati riconosciuti dalle loro massicce braccia destre.

Il Liberator non era solo pilotato dall'USAAF, ma anche dalla RAF operava un certo numero di velivoli, così come la Marina degli Stati Uniti. In effetti, la Marina costruì l'ultimo B-24 allungando la fusoliera, sostituendo i due stabilizzatori verticali con un'unica enorme pinna e creando un efficace aereo da pattugliamento marittimo: il PB4Y-2 Privateer.

Un pilota del B-24 passò attraverso i gradi di comando durante il suo periodo nella Mighty Eighth Air Force. L'attore diventato pilota Jimmy Stewart ha dovuto lavorare sodo per essere riconosciuto per la sua abilità e leadership resa difficile dal suo status di star a Hollywood. Tuttavia, Stewart ha lavorato duramente per tenersi alla larga dalla stampa in modo che coloro che servivano sotto di lui ricevessero il meritato riconoscimento. Si arruolò come soldato semplice all'inizio della guerra e alla fine della guerra era diventato colonnello a pieno titolo, non come una figura simbolica di pubbliche relazioni, ma come un vero leader di combattimento di uno squadrone B-24 e in seguito come le operazioni ufficiale di un gruppo di bombe B-24. Secondo il generale Hap Arnold, se la guerra in Europa fosse durata un altro mese, Jimmy Sterwart avrebbe comandato il proprio gruppo di bombe B-24.

Quando Hasegawa ha annunciato questa versione in edizione speciale del suo kit 1/72 B-24J ancora relativamente nuovo, ho deciso che era giunto il momento di dare una prima occhiata a questo nuovo strumento. Per molto tempo, la tua unica scelta per un B-24 in scala 1/72 è stata la linea di Liberators Academy/Minicraft. Anche se secondo quanto riferito non erano kit male, erano buoni modelli di base della cellula. Quindi cosa c'è di diverso negli utensili Hasegawa? Cosa accadrebbe se gli ingegneri di Trumpeter progettassero un kit Hasegawa? Otterresti un modello super dettagliato appena tirato fuori dalla scatola! Questo è proprio quello che abbiamo qui.

Il kit è modellato in stirene grigio chiaro e presentato su nove alberi di parti, più un albero di parti trasparenti. Il layout del kit è abbastanza convenzionale, ma hanno apportato alcune innovazioni per rendere il progetto più semplice. Una delle lamentele con l'Academy/Minicraft Liberators era il parabrezza. Hasegawa ha adottato un approccio diverso all'intero naso, come vedremo tra poco. Come ci si aspetterebbe da un'attrezzatura contemporanea di Hasegawa, i dettagli della superficie sono finemente scritti e nessun segno di "rivettatrice matta".

La prima cosa che noterai del progetto è l'interno: Hasegawa ha sviluppato un interno quasi a figura intera per questo modello. L'interno per la fusoliera principale va dalla rottura del muso proprio nella parte posteriore della cabina di pilotaggio, racchiude un vano bombe dettagliato, imposta il vano mitragliere in vita e termina a poppa di quell'area. L'area dell'artigliere ha i perni della pistola e le mitragliatrici calibro .50, ma non vedrai molto con i finestrini chiusi. Se apri le finestre, puoi aggiungere alcuni dettagli aggiuntivi per le scatole delle munizioni, le bombole/regolatori di O2 e il martinetto idraulico che pende dal soffitto per estendere e ritrarre la torretta ventrale.

Le ali hanno un longherone principale che attraversa la fusoliera e fornisce una solida giunzione all'articolazione ala/fusoliera. Sembra che l'incastro semplificherà notevolmente l'aggiunta delle ali dopo aver dipinto o metallizzato il modello, il che a sua volta renderà la pittura molto più semplice.

Come ho già detto, il vano bombe è ben dettagliato e armato. Le bombe possono essere poste aperte o chiuse.

Hasegawa ha fatto il possibile con i motori: li hanno con la doppia bancata completa di cilindri attaccati a un parafiamma posteriore piuttosto che un semplice tappo che va all'interno della cappottatura. Quando guardi nelle cappottature, vedrai la profondità.

Il che mi porta al tallone d'Achille di ogni modello di bombardiere statunitense della seconda guerra mondiale: le finestre. Il B-17 e il B-24 in particolare stavano ottenendo diverse configurazioni dei finestrini, specialmente nel muso. Se hai guardato un B-17G, ad esempio, ci sono qualcosa come cinque diverse configurazioni di finestre a seconda del B-17G in anticipo o in ritardo e della fabbrica che ha prodotto l'aereo. Il B-24 è stato anche il destinatario dei cambi di finestra.

In questo kit, Hasegawa ha affrontato il problema di adattamento del finestrino riscontrato in altri modelli B-24 modellando l'intero muso in modo trasparente. Le finestre laterali nella cabina di pilotaggio sono modellate separatamente in modo da poter selezionare le finestre corrette per il tuo progetto - rigonfiate o non rigonfiate, entrambe fornite. Il parabrezza e i finestrini superiori sono una parte che si estende anche in avanti per includere la parte superiore del naso e l'astrodome del navigatore. Ciò consente a Hasegawa di scambiare queste sezioni chiare per rendere più facili le diverse varianti, ma comunque rendere il modello più facile da assemblare.

Dove questa innovazione va storta è in primo piano. La box art raffigura correttamente le configurazioni delle finestre con finestre laterali più grandi, quasi quadrate nel naso dietro la torretta e sotto l'astrodome. Questa è la configurazione corretta per il vero B-24J "Dragon and its Tail", ma il kit e le istruzioni descrivono questa stessa finestra come un rettangolo stretto come si trova sul warbird "Dragon and its Tail" che sta volando sul circuito dell'airshow. Puoi vedere nell'immagine in primo piano la piccola finestra rettangolare in alto dietro dove si installa la torretta.

Sotto quella finestra c'è una finestra più grande che va su entrambi i lati del vetro del naso del bombardiere. Quella finestra dovrebbe essere più avanti dove si trova la parte del perno di espulsione e, per qualche strana ragione, c'è una linea di pannelli e una linea di rivetti modellata proprio su quella finestra e dove dovrebbe essere la finestra. Il progettista della finestra e il progettista della linea di pannelli non si sono coordinati qui.

È quasi impossibile ottenere tutte le finestre giuste in ogni kit B-17 e B-24 senza dover sostenere le spese di attrezzare tutte quelle piccole differenze e trasferire quelle spese a noi.

Il kit include le decalcomanie per un B-24J Liberator:

Il foglio di decalcomanie fornisce il cruscotto in forma di decalcomania e questi segni sono davvero ben fatti.

Questo è uno dei rendering artistici più colorati applicati a qualsiasi aereo da combattimento statunitense e Hasegawa lo ha utilizzato con un nuovo kit B-24J altrettanto impressionante. I dettagli e le opzioni di questo modello rendono chiaramente la serie Hasegawa di Liberators i migliori modelli B-24 in qualsiasi scala.


- Il Forum Airfix Tribute -

15 ottobre 2011 #76 2011-10-15T17:54

15 ottobre 2011 #77 2011-10-15T17:58

16 ottobre 2011 #78 2011-10-16T23:18

Avrebbe potuto sembrare molto meglio se avessi combinato le varie cose fatte a queste 2 Libs. fusoliera stretch & "Dragon." naso art. in una costruzione! Viviamo e impariamo.

17 ottobre 2011 #79 2011-10-17T07:46

27 ottobre 2012 #80 2012-10-27T16:44

27 ottobre 2012 #81 2012-10-27T16:46

Meglio leggere questo su come postare.
airfixtributeforum.myfastforum.org/viewtopic.php?t=22734

04 dic 2012 #82 04-12-2012T20:57

Il RE è stato gentilmente lieto di conferire la VICTORIA CROSS al suddetto ufficiale in riconoscimento del più cospicuo coraggio: -

Ufficiale di volo Lloyd Allan TRIGG, D.F.C. (N.Z.413515), Royal New Zealand Air Force (disperso, creduto ucciso), No. 200 Squadron.

L'ufficiale di volo Trigg aveva reso un servizio eccezionale nella scorta ai convogli e nei compiti antisommergibile.
Aveva completato 46 sortite operative e aveva invariabilmente mostrato abilità e coraggio di altissimo livello.
Un giorno dell'agosto 1943, l'ufficiale di volo Trigg intraprese, come capitano e pilota, una pattuglia su un Liberator sebbene non avesse precedentemente effettuato alcuna sortita operativa su quel tipo di velivolo.
Dopo 8 ore di ricerche è stato avvistato un sommergibile in superficie. L'ufficiale volante Trigg si preparò immediatamente all'attacco.

Durante l'avvicinamento, l'aereo ha ricevuto molti colpi dai cannoni antiaerei del sottomarino e ha preso fuoco, che ha rapidamente avvolto la coda. Il momento era critico.
L'ufficiale di volo Trigg avrebbe potuto interrompere il fidanzamento e fare un atterraggio forzato in mare.
Ma se avesse continuato l'attacco, l'aereo avrebbe presentato un bersaglio "senza deflessione" per un fuoco antiaereo micidiale e accurato, e ogni secondo trascorso in aria aumenterebbe l'entità e l'intensità delle fiamme e diminuirebbe le sue possibilità di sopravvivenza.

Non potevano esserci esitazioni o dubbi nella sua mente. Mantenne la rotta nonostante le già precarie condizioni del suo aereo ed eseguì un attacco magistrale.
Scorrendo sopra l'U-boat a meno di 50 piedi con il fuoco antiaereo che entrava nelle sue porte di bombe aperte, l'ufficiale di volo Trigg lasciò cadere le sue bombe su e intorno all'U-boat dove esplosero con un effetto devastante.

Poco più avanti la Liberator si tuffò in mare con il suo valoroso capitano e l'equipaggio.
L'U-boat affondò nel giro di 20 minuti e alcuni membri dell'equipaggio furono prelevati più tardi in un gommone che si era staccato dal Liberator.

La Battaglia dell'Atlantico ha prodotto molte belle storie di attacchi aerei su navi subacquee, ma l'impresa dell'Ufficiale Volante Trigg si distingue come un'epopea di cupa determinazione e grande coraggio.
La sua era la via del dovere che porta alla gloria.


Le Consolidated B-24 "Liberator", Parte 2

LES B-24 EXPERIMENTAUX
On s’est très vite rendu conte chez Consolidated que la double dérive n’est pas idéale et que la stabilité longitudinale de l’avion laisse a désirer fortement. Un empennage monodérive serait de loin préférable, mais pendant une guerre, la cadence de production prime, l'USAAF ne veut pas de retard! Des essais en soufflerie ont lieu en automne 1942, donnant des résultats incoraggiants. Suite à cela, su un pris l'empennage d'un Douglas B-23 e su l'a greffé sur le B-24D n° 42-40058. Cet avion, dit B-24ST, pour « Single Tail », vole pour la première fois le 6 mars 1943. Puis l'empennage horizontal est remplacé par celui d'un Douglas C-54 et le gouvernail modifié. Enfin, en juin1943, cette queue en patchwork est enlevée de l'avion pour être montée sur un altro B-24D, le n° 42-40234 qui devient alors le XB-24K et vole le 9 septembre 1943.Les essais montrent unetrès nette miglioramento del comportamento del B-24 ! Meilleure manoeuvrabilité, stabilité accrue, vol sur due moteurs amélioré, vitesse ascentionnelle supérieure, champ de tir plus large pour les tourelles………. B-24K sont commandés.
Comme il est dis plus haut, le gros handicap du B-24 est son poids extremeif, une mauvaise visibilité pour l'équipage. On a bien tenté de nombreuses modifications, mais il est vite apparu que sans une transformation profonde de la cellule, rien n'y fera. Ainsi est fabriqué le B-24N , con diverse versioni precedenti : Derive unique, tourelle de nez sphérique Emerson, tourelle de queue télécommandée, augmentation de la surface de l'empennage horizontal, fusoliera légèrement des court, capots moteurs moteurs allover Pratt & Witney R-1830-75 con serbatoi auto-otturatori e carburatori Stromberg PD12F-8 . Le XB-24N è pubblicato il 20 novembre 1944, e vole la première il 16 dicembre. Le « nouvel » avion montre des performances nettements améliorées, surtout au décollage, mais il est impossible de le faire voler droit avec une hélice en drapeau ! Ford s'organise pour le construire en série, mais un avion de pré-sérieest réceptionné le 30 mai 1945, suivit de 6 autres en juin, mais la fin de la guerre vient annuler les commandes qui portaient sur 5 168 avions, et aucun B -24N de série n'est construit

LES B-24 DE GUERRE ELECTRONICA

Un B-24 du 328th BS (Bomber Squadron)/93rd BG (Bomber Group) doté du radar “Mickey” (Foto: USAF)

En Europe, un petit nombre de B-24 sont équipés pour la guerre électronique et les contre-mesures radios. Un primo lotto di 8 B-24H de la 8th Air Force reçoit le radar anglais H2S « Trashbin » à la place de la tourelle ventrale, suivis par un lot d'une grosse douzaine de B-24H dotés du radar H2X-AN/APS -15A «Mickey», di 6 B-24M punti dell'AN/APQ-7 «Eagle» e 19 B-24J/H punti del radar AN/ARW-9 AZON. Pour le brouillage radio, Les matériels impiegato sont des brouilleurs AN/APT3 « Mandrell I o III » , AN/APT-1 « Dina », AN/ART-7 « Sciacallo » , APT-2 « Tappeto », « Monica », « Jostle » entre autres ! Segnala il sistema «Big Ben», sensé brouillé les V-2 et qui restera à l'état de prototipo.

DANS LA NAVY
En 1942, les meutes de U-Boot règnent en maître dans l'Atlantique, On constate que le B-24 Liberator est particulièrement bien Adaptés à la lutte ASM (Anti Sub Marine). En 1943, l'USAAF cède 45 Liberator qui viennent grossir le parc des 167 appareils de l'US Navy. Quel che soit la version d'origine, tous les 977 B-24 de la Navy seront désignés PB4Y-1 Le dernier sera un B-24M livré en janvier 1945.

LES B-24 DE TRANSPORT
Le long rayon d'action et la facilité de chargement du B-24 sont vus immédiatement. Alcuni esemplari sono trasformati in avion de transport au coup par coup, Il faut attendre 1942 pour voir apparaître une version cargo de série. Un B-24 incidenté in Arizona (le B-24D n° 41-11608) è stato trasferito all'uso di San Diégo per essere trasformato in un carico aereo. Design C-87, cet avion n'est pas armé du tout, son nez vitré est remplacé parune port, ses flancs sont percés de 7 hublots et une grande porte de 2 X 2 mètres est installée à l'arrière gauche du fusoliera. Le Général Arnold approva, et d'abords 35 C-87 sont construits, suivis de 3 C-87A, aménagés luxueusement. L'uns d'eux (le N° 41-24159), surnommé «Indovina dove II» deviendra l'avion Présidentiel. Puis 37 C-87A seront construit en 1943 et 111 C-87 en 1944. En settembre 1943, l'USAAF commande 125 C-87C à fusoliera allongé et empennage monodérive. Mais du fait de sa similitude avec le PB4Y-2 « Privateer » , cette commande sera Prize en compte par l'US Navy, qui prendra en compte 112 avions sous la désignation RY-3. A l'automne 1943, l'Air Material Command demande qu'un B-17 et un B-24 soient transformés en avions citernes. Con 8 serbatoi di fusoliera di una capacità di 10 975 litri, l'XC-109 (B-24E n° 42-7221) è un serbatoio superiore contemporaneamente all'XC-108B (B-17F). Un programma di riconversione è compreso tra i gruppi di B-29 «Superfortress» in Cina.

Un RY-3 de transport (foto : Collezione P.M .Bowers)

L'USO
Ici, on parlera de façon brève des opérations de guerre de cet avion, sinon l'article devient un vrai livre, ce qui n'est pas le but! Pour en connaître plus sur ce sujet, la lecture des ouvrages suivants est particulièrement conseillée : Le livre de Roger Freeman, « Mighty Eighth », celui de Kenn Rust « l'histoire de la 9ème Air Force » et surtout l'incontournable (que j 'ai contourné tellement c'est gros !) : Histoire de l'USAAF pendant la SGM, en 7 volumes !, publié par l'Office of Air Force History, et doit être trouvable en français. Eventuellement, aller lire l'article de Wikipédia, mais dans la version anglophone ! La versione francese è nulla. C'est ICI. Après Pearl-Harbor, tra il 10 dicembre 1941 e il 6 gennaio 1942, l'USAAF prend en compte 75 Liberator II d'un contrat britannique, dont 23 seront restitués aux anglais suite au titre de la Loi Prêt-Bail .Après quelque modifications , 15 voli tra inviati nelle Filippine, 17 nella Zone du Canal de Panama e 3 a Kodiak (Iles Aléoutiennes, Alaska). C'est un B-24 des Philippines, accompagnés de deux B-17 qui accomplis la première mission de combat de la 8ème Air Force, lorsqu'ils attaquent, le 2 avril 1942, des navires japonais au large des Iles Andaman (Inde) , Le 4 juin, 4 Liberator sont à la 7ème air Force a Midway, les altres étant utilisés comme avions de transport. Nel 1942, Après un voyage interminable, les B-24 arrivent en Egypte, ou ils sont maintenus pour le premier bombardement sur les raffineries de pétrole de Ploësti, en Roumanie, la 12 juin 1942, ce sera le premier raid des bombardiers lourd américains en Europa. Ces avions sont rejoint en juillet par le 98e BG « Pyramiders », nouvellement crée. En octobre 1942, le 376e BG « Liberandos » s'installe en Palestine et inizia les opérations en novembre. La première mission des B-24 de la 8e Air Force basees en Grande-Bretagne a lieu le 9 ottobre 1942, 24 B-24D du 93e BG « Circus » bombarda Lille.

Le B-24L-10-FO n° 44-49750 « Dogpatch Express » du 861st squadron, en Italie (Foto: USAF)

Fin mai 1943, les B-24 sont retirés des missions à haute height pour s'entrainer au vol à très basse height. En juin 43, les 3 BG base en Angleterre, les 44,93 et ​​389e BG sont transférés en Afrique, pour porter à 5 le nombre de Goups qui vont participer au célèbre et sanglant raid sur Ploësti, l'operation « Tidewave ». Le 1er août 1943, 178 Liberator attacca le raffineries dans une confusion totale, résultats : 57 avions perdus !
Les B-24 particient à nouveau aux raids sur l'Europe à partir de 7 septembre 1943 en bombardant Bergen, Alkmaar et Texel. Ils sont cependant peu engagés jusqu'à fin octobre et participent surtout aux missions de diversions. Il premier raid comporta più di 100 B-24 al posto del 16 dicembre 535 bombardieri dell'8e Air Force, dont 133 B-24, attaccante Brême. Le 20février, il y a 244 B-24 parmi les 584 avions qui attaquent Brunswick, Gotha, Oschersleben, Helmstedt…. 8 d'entres eux sont abattus. Il numero di B-24 engagé aumentato, mais ses pertes aumentant aussi, et plus rapidement! Le 20 febbraio 1944, 38 B-24 sur les 213 impegnate per il bombardamento di Gotha et Eisenach sont perdus, soit 15,5 % de l'effectif.

Pour faciliter le rassemblement des Block, lors des grand raids sur l'Allemagne, de nombreux Liberator reçurent des couleurs très voyantes, complètement dépourvus d'armements et dotés d'appareil radios plus puissants, surnommés "Pathfinder" (éclaireur) -24D du 467e GB de la 8e Air Force, base in Angleterre nel 1944, celui du dessous è un B-24J du 458e GBn toujours de la 8e Air Force. (Immagini: Pino dell'Orco & Claudio Tatangelo)

La période noire va s'achever avec la possibilité d'escorter les Boxes de bombardiers tout le long de la mission. Durant l'été 1944, les missions ou sont engagés 500, voire 600 B-24 ne sont pas rares. Le 5 juin 1944, 203 B-24 attaccaquent Cherbourg et le Pas-de-Calais. Le 7 jiun, ils sont 638 à bombarder Caën, argentan et les abords des plages ( Parfois même trop aux bords des plages ! ). A la fin de l'été 1944, la 8e Air Force compte 1 600 B-24, répartis en 79 Squadrons. Mais à l'automne 44, , 20 squadron sont rééquipés avec des B-17 pour regrouper tous les B-24 au sein de la 2nd Air Division. Il 24 dicembre 1944, il più grande raid de toute la guerre a lieu: Tutti gli aerodromi tenus par les allemands sont attaqués par 1884 Bombardiers, dont 607 B-24, escorts par 813 chasseurs! Ce jour la, pas moins de 5 052 tons de bombes seront larguées ! La dernière mission de bombardement des B-24, qui est aussi la dernière de la 8e Air Force, a lieu le 25 avril 1945, et la toute dernière pour 10 avions est de larguer des tracts sur les poches allemandes en France, les Pays- Bas encore occupé et les Iles Anglo-Normandes, occupées elles aussi. In totale, in Europa, i B-24 Liberator effettuano 226.775 sortite e 452.508 tonnellate di bombe. N'oublions pas les action de la 15e Air Force en Italie et en Méditerranée, o 60 squadroni di B-24 ont combattus. Ces avions ont étés utilisées pour des missions diurnes sur l'Allemagne du nord, l'Allemagne du sud et les Balkans sur ce front, 5 BS de la RAF et 2 sud-africains ont effectués les missions notturne. Ceux du Coastal Command ont chassés les U-Boot con 10 Squadrons bases en Islande, Ecosse, Irlande, à Dakar, aux Açores. Il faut ajouter les PB4Y-1 de l'US Navy, bases en Islande, au Maroc et à partir de 1943, de l'Ile d'Ascension (Atlantique sud).
Dans le Pacifique, il B-24 è il seul bombardier lourd impiegato dalle 7 forze aeree impegnate. A partir de fin 1942, tous les B-17 restants sont remplacés par des B-24. A la fin de la guerre il y aura 1 650 Liberator , répartis en 87 Squadrons dans ce secteur.


BUON NATALE A TUTTI.

Ecco un regalo per tutti voi: grazie a tutti voi ragazzi che mi avete sostenuto e siete rimasti con me per quasi 2 anni, ho deciso di costruire un B-24 ultra-realistico, quasi 1:1 con un INTERNO completo. Questa stregoneria è storicamente ESATTA al 100%. Fino alle decalcomanie del naso. Se il tuo dispositivo non è in grado di gestire il conteggio delle parti, fai clic QUI per la versione ottimizzata per dispositivi mobili. (Ho dovuto rimuovere quasi tutte le funzionalità per ottenere questa bestia con meno di 1000 parti, quindi non è la migliore porta mobile :/)


ISTRUZIONI:
-Utilizzare le telecamere per vedere parti importanti degli interni come il mirino della bomba, la cabina di pilotaggio, il vano bombe o solo viste generali dell'interno
-AG 8 + Trim & VTOL = Trim e flap. Disabilita AG 8 quando si usano le torrette
-AG 1 + Trim & VTOL = Torretta naso
-AG 2 + Trim & VTOL = Torretta Dorsale
-AG 3 + VTOL = Torretta Vita Destra
-AG 4 + VTOL = Torretta Vita Sinistra
-AG 5 + Trim & VTOL = Torretta Superiore
-AG 6 + Gear + Trim & VTOL = Ball Turret (usare solo con gear retratto)


BUON NATALE A TUTTI.

Ecco un regalo per tutti voi: grazie a tutti voi ragazzi che mi avete sostenuto e siete rimasti con me per quasi 2 anni, ho deciso di costruire un B-24 ultra-realistico, quasi 1:1 con un INTERNO completo. Questa stregoneria è storicamente ESATTA al 100%. Fino alle decalcomanie del naso. Se il tuo dispositivo non è in grado di gestire il conteggio delle parti, fai clic QUI per la versione ottimizzata per dispositivi mobili. (Ho dovuto rimuovere quasi tutte le funzionalità per ottenere questa bestia con meno di 1000 parti, quindi non è la migliore porta mobile :/)


ISTRUZIONI:
-Utilizzare le telecamere per vedere parti importanti dell'interno come il mirino della bomba, la cabina di pilotaggio, il vano bombe o solo viste generali dell'interno
-AG 8 + Trim & VTOL = Trim e flap. Disabilita AG 8 quando si usano le torrette
-AG 1 + Trim & VTOL = Torretta naso
-AG 2 + Trim & VTOL = Torretta Dorsale
-AG 3 + VTOL = Torretta Vita Destra
-AG 4 + VTOL = Torretta Vita Sinistra
-AG 5 + Trim & VTOL = Torretta Superiore
-AG 6 + Gear + Trim & VTOL = Ball Turret (usare solo con gear retratto)


16 pensieri su &ldquo Consolidated B-24J Liberator: non solo B-17’. &rdquo

La torretta a sfera era una trappola mortale se attaccata dal basso.

….e pesanti i modelli successivi di B-24 li trasportavano solo quando il nemico era particolarmente pericoloso.

Altre persone che commentano la poesia…

Uff!!….una tale diversità di vedute la meraviglia della buona poesia.

Una cosa è certa, l'artigliere della torretta a sfera era un eroe.

Questa breve poesia è forse l'opera più antologizzata di Jarrell, la sua violenza scioccante e la brevità condensata gli conferiscono un impatto immediato e duraturo. Il titolo è il soggetto della poesia, raccontata dal punto di vista dell'artigliere morto. Jarrell ha fornito una nota alla poesia che spiega il minuscolo involucro a forma di utero del mitragliere della torretta a sfera nell'aereo e il tipo di tubo flessibile che sarebbe stato girato sull'aereo per pulirlo, ha anche commentato che la "pelliccia bagnata" rappresenta l'interno di la giacca da mitragliere. La poesia usa un'immagine che suggerisce l'aborto per commentare lo spreco della guerra. Il giovane mitragliere, che commenta: "Dal sonno di mia madre sono caduto nello stato", non si è mai svegliato alla vita. Piuttosto, si è "curvato nel ventre" dell'aereo, questo nuovo utero della morte fornito dallo stato, fino a quando non si è svegliato solo per morire, tra "la contraerea nera e i combattenti dell'incubo". Il suo corpo è stato lavato "fuori dalla torretta con un tubo". Così il sonno dell'infanzia condusse direttamente al sonno della morte, e solo con il risveglio si rese conto dell'imminenza di quella morte. L'immagine del cucciolo di animale suggerita dalla pelliccia bagnata, nel corpo meccanico della macchina della morte, è difficile da sfuggire per il lettore. I cinque versi a rima irregolare si chiudono su un'immagine di annientamento. È l'ultima poesia di questa raccolta, e in un certo senso funge da commento.

Sì, mi piace l'analogia. Anche la concisione della poesia ha aiutato, è brutalmente veloce.


Profilo Pubblicazioni n. 019: Consolidato B-24J Liberator (RCL#1721)

Descrizione dettagliata della progettazione, dello sviluppo e della storia operativa del Consolidated B-24J Liberator, un bombardiere pesante americano ampiamente utilizzato nella seconda guerra mondiale. Ben illustrato con disegni a colori di P. Endsleigh Castle e R. Ward, anche molte foto in bianco e nero.

Invio diretto a RCLibrary.

Miniature scansione pagine:

Scarica i dettagli del file:

Profilo Pubblicazioni n. 019: Consolidato B-24J Liberator
Data di invio: 15/01/2017
Una copia di backup è stata salvata come:
TitoloID: 1721 | Dimensione file: 13567 KB
Credito*: Pit
Formato: PDF
Per i download disponibili tenuti sul server RCLibrary, vedere la pagina di download

Commenti degli utenti:

Non ci sono ancora commenti per questo titolo. Se hai qualcosa da dire su questo titolo, clicca qui per inviare un commento via email


Ynhâld

  • Lunghezza: 20,6 m
  • Larghezza: 33,5 m
  • Altezza: 5,5 m
  • Wjukoerflak: 97,4 m²
  • Leechgewicht: 16590
  • Potenza di partenza: 25.000 kg
  • Maks.gewicht: 29.500 kg
  • Motore: 4 × 14-silinder Pratt & Whitney R-1830 turbocompressore radiaalmotoren ventola 900 kW (± 1200 hk)
  • Topfaasje: 470 km/o
  • Klimfaasj: 5,2 m/s
  • Aksjeradius : 3.400 km
  • Fleanberik: 6.000 km
  • Tsjinstplafond: 8500 m
  • Cartonato: 10× 12,7 mm (0,5 pollici) Browning M2masinegewearen
  • Bombardamento: (<650km) 3600 kg, (<1250 km) 2300 kg, (± 2000 km) 1200 kg

XB-24, B-24, B-24A, XB-24B, B-24C, B-24D, B-24E, XB-24F, B-24G, B-24G-1, B-24H, B-24J, XB-24K, B-24L, B-24M, XB-24N, YB-24N, XB-24P, XB-24Q, XB-41, LB-30A, YB-24, B Mk II, B Mk III, B Mk IIIA, Mk V, B Mk VI, GR Mk V, Mk VIII, C Mk VI, Mk VIII, PB4Y-1, PB4Y-1P, PB4Y-2, AT-22, TB-24, RB-24L, TB- 24L, C-87, C-87A, C-87B, C-87C, RY-1, RY-2, RY-3, XF-7, F-7, F-7A, F-7B


Consolidato B-24J Liberator - Storia

Aerei da combattimento della guerra del Pacifico

Liberatore B-24J consolidato

Dati (per B-24J)

Origine: Vultee Aircraft Corporation consolidata (Convair)

Tipo: Bombardieri a lungo raggio e aerei da pattugliamento marittimo - equipaggio normale di dieci

Dimensioni: Span 110' 0" (33,5 metri) - Lunghezza 67' 2" (20,47 metri) - Altezza 18' 0" (5,49 metri)

Il peso
Vuoto - 37.000 libbre (16.783 kg)
Caricato - 65.000 libbre (29.484 kg)

motori
Quattro radiali a due file Pratt & Whitney R-1830-65 Twin Wasp da 1.200 CV

Armamento
10 mitragliatrici Browning da 0,5 pollici -
(disposto in quattro torrette gemelle ad azionamento elettrico più due singole manuali in posizione di cintura)
Due alloggiamenti per bombe con capacità totale fino a 8.000 libbre di bombe
(Due bombe da 4.000 libbre potrebbero essere appese esternamente su rastrelliere dell'ala interna invece del carico interno)

Prestazione
Velocità massima (pulita) 290 mph (476 km/h)
Salita iniziale (tipica) 900 piedi (274 metri) al minuto
Soffitto di servizio 28.000 piedi (3.540 metri)
Gamma a 190 mph (306 km/h) - 2.200 miglia (3.540 km)


Guarda il video: B-24 Liberator warmup u0026 TakeOff (Potrebbe 2022).