Podcast di storia

Quanto erano formalizzati i vari livelli della nobiltà russa durante la reggenza di Sofia Alekseyevna?

Quanto erano formalizzati i vari livelli della nobiltà russa durante la reggenza di Sofia Alekseyevna?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Sono alcuni capitoli nella biografia di Robert K Massie di Peter il grande, e sono rimasto sorpreso di leggere che, all'indomani della presa del potere da parte di Peter da parte sua sorella e reggente Sophia, quando giudica il suo amante Vasily Golitsyn, ha confiscato i beni di quest'ultimo, revocato il suo status di boiardo, e lo esiliò nell'Artico russo.

La cosa mi sorprese perché tutto quello che avevo letto sui boiardi fino a quel momento mi aveva fatto credere che fossero una classe sociale poco definita, dai confini molto sfumati. Avevo pensato che fossero più vicini al baroni feudali dei Normanni e Plantageneti, e non il più formale paria delle successive dinastie inglesi e britanniche. Nella mia mente, un boiardo era definito dalla sua genealogia e proprietà terriere, e non da un pezzo di carta della corona; il proprio status di boiardo non poteva essere revocato per decreto, più di quanto Riccardo Cuor di Leone avrebbe potuto degradare uno dei suoi baroni - anche se le proprietà da cui dipendeva tale status potevano essere tolte.

Quindi questa è la contraddizione che sto cercando di risolvere. Ho frainteso qualcosa? O lo stesso Massie ha preso la parte sbagliata del bastone?


Come nota a margine, Massie allude a - ma non nomina - altri ranghi nobili, forse minori, che Sophia e il suo predecessore avrebbero conferito agli individui. E poi c'è il titolo di principe, o knyaz, che sembra aver avuto un significato leggermente diverso nell'era pre-petrina. Se qualcuno potesse spiegarmi uno di questi fenomeni, sarei molto grato.


Nobiltà russa del XVII secolo

C'erano infatti numerosi gradi all'interno della nobiltà:

  1. boiardi
  2. okol'nichie
  3. dumnye dvoriane

In generale, la nobiltà russa di Wikipedia è istruttiva sebbene si concentri sul XIX secolo. Tuttavia, descrive le circostanze in cui la nobiltà (status formalizzato di nobiltà, cioè) potrebbe essere concessa, come per concessione imperiale o raggiungendo un certo grado nell'esercito.

La mobilità verso l'alto era limitata dalle proprie relazioni: per esempio, qualcuno non poteva essere nominato boiardo a meno che non avesse già una relazione che fosse almeno un okol'nichie (da uno degli articoli non Wiki a cui ho collegato, ma ho perso quello specifico).

Una caratterizzazione del dumnye dvoriane prima del XVII secolo è utile, indicando una comprensione storica molto più libera:

Syn boiarskii (pag. 1. deti boiarskie) si riferisce alla piccola nobiltà dello stato moscovita, che forniva la maggior parte dei servitori militari dello zar nei secoli XVI e XVII... Secondo Richard Hellie, "Il termine significa letteralmente "figli boiardi", il che può significare che inizialmente erano i figli dei boiardi o, più probabilmente, semplicemente i servitori dei boiardi. Entro la metà del XVI secolo, al più tardi, il termine non aveva nessuno di questi significati, indicando piuttosto semplicemente membri proprietari terrieri (pomeshchiki) della cavalleria. Nel XVI secolo deti boiarskie furono reclutati da tutti gli ambienti sociali, inclusi cosacchi, contadini e persino schiavi. Questa via di mobilità sociale fu chiusa all'inizio del XVII secolo quando il rango divenne ereditario.
-Kleimola, 'Il dovere di denunciare nella Russia moscovita'

Pertanto, riconosciamo che c'era fluidità tra i ranghi tra il XVI e il XVIII secolo. L'abstract di un altro articolo lo conferma rispetto ai ranghi superiori:

Il tardo XVII secolo fu un'era di mobilità sociale senza precedenti nelle alte sfere della società moscovita. Prima del regno di Aleksei Mikhailovich, il boiardo duma era stato appannaggio di un piccolo gruppo di famiglie con pedigree. Aleksej, tuttavia, modificò la tradizionale politica di reclutamento della duma nel 1650 e iniziò a promuovere "uomini nuovi" non illustri nella duma. Nonostante le affermazioni di alcuni storici, i nuovi uomini non erano radicali. È vero che molti di loro erano arrivati ​​al vertice in virtù del loro servizio e della loro abilità, e non a causa di alcun diritto ereditario a ranghi o uffici d'élite.
-Poe, "Il mondo immaginario del seme Koltovskii"

Lo stesso articolo indica anche che la dignità della propria famiglia indicherebbe lo status nella corte moscovita, 'il cui status era misurato dalla sua antichità e dalla qualità del suo servizio al gran principe' e per questo molte famiglie cercarono di ' fabbricare' storie più lunghe per se stessi.

"Aristocrats and Servitors" di Crummey sembra essere un'utile opera di riferimento se questo argomento è di ulteriore interesse.


Il titolo di Kniaz

Il kniaz di Wikipedia spiega il titolo:

Kniaz continuò come titolo ereditario della nobiltà russa discendente patrilineare da Rurik (ad esempio Belozersky, Belosselsky-Belozersky, Repnin, Gorchakov) o Gediminas (ad esempio Galitzine, Troubetzkoy). I membri delle famiglie Rurikid o Gedyminid erano chiamati principi quando governavano piccoli principati medievali quasi sovrani. Dopo che i loro domini furono assorbiti dalla Moscovia, si stabilirono alla corte di Mosca e furono autorizzati a continuare con i loro titoli principeschi.


Principe Vasily Golitsyn

Nel caso del principe Vasily Golitsyn, discendeva da Gediminas di Lituania (tredicesima o quattordicesima generazione), da qui il suo uso del titolo principesco. Era, allo stesso tempo, un membro del gruppo dei boiardi, i due non erano collegati tra loro.

Ho trovato un libro, di Lindsey A.J. Hughes, "La Russia e l'Occidente, la vita di un occidentalizzatore del XVII secolo, il principe Vasily Vasil'evich Golitsyn (1643-1714)", che suona come se rispondesse al tuo caso in dettaglio. Non ho trovato una copia online.

Tuttavia, una recensione del libro menziona che Golitsyn morì in esilio, ma non il suo stato alla morte, sebbene la recensione copra naturalmente solo una frazione della lunghezza del libro. Quindi, la revoca dello status di Golitsyn non può essere scartata. Anche la breve biografia di De Madariaga di Dmitry Golitsyn, cugina di Vasily, menziona solo l'esilio.


Riepilogo

Con questo in mente, ma senza accesso alla vera biografia di Vasily Golitsyn, immagino che o lo zar avesse il potere di "abbattere qualcuno" (anche se non sono riuscito a trovarne menzione), o che la mobilità verso il basso fosse possibile lungo le stesse linee della mobilità verso l'alto (cioè, all'interno dei ranghi della nobiltà), o, in effetti, che c'è stato un fraintendimento del rango specifico di Vasily Golitsyn alla morte.


Sotto il feudalesimo, nobili sono tutti quelli che sono a inquilino capo del sovrano.

Tale status richiede sia la soddisfazione degli obblighi reciproci (vale a dire il nobile ha diritto al reddito di proprietà da un feudo, in cambio di doveri feudali tipicamente adempiuti come lavoro, spesso servizio militare) e buon comportamento. Qualunque sia l'apparato giuridico, previa condanna di qualsiasi "sufficientemente grave"delitto lo stato feudale era soggetto a revoca come punizione.

Gli esempi di confisca dei beni in Europa, da Siviglia a San Pietroburgo, sono troppo numerosi per essere elencati. Solo in Inghilterra avrebbero riempito una lunga risposta.


Il feudalesimo è un rapporto personale di fiducia tra sovrano e inquilino (in capo). Una volta che tale rapporto personale viene violato dall'inquilino, non sono più un candidato idoneo per tale posizione di estrema fiducia. L'unico vincolo per un sovrano a riconoscere la natura ereditaria di inquilino capo è l'esigenza costante degli altri inquilini in capo per mettere in campo il potere militare.

Solo con l'aumento combinato del classe media e l'ascesa di scutage è questo rotto, con i sovrani ora dipendenti dalla tassazione della classe media invece della lealtà degli inquilini in capo per il potere militare. Le varie fortune di Luigi XIV in Francia e Carlo I in Inghilterra dimostrano le conseguenze di un monarca che non riesce a stare al passo con questo cambiamento demografico.


Guarda il video: What do Russians think about the 1917 Revolution? (Potrebbe 2022).