Podcast di storia

Mercato di Pike Place

Mercato di Pike Place


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il Pike Place Market, meglio conosciuto come Soul of Seattle, è internazionalmente riconosciuto come il principale mercato agricolo americano. Questo è un luogo ideale per acquistare prodotti esotici da tutto il mondo e per gustare cucine premiate. Il mercato di Pike Place è stato aperto il 17 agosto 1907 a Seattle, Washington. Le persone, sotto la guida del consigliere Thomas Revelle, hanno pianificato un mercato di strada pubblico che avrebbe collegato direttamente gli agricoltori con i consumatori. Nella sua forma attuale, questo mercato di Washington si estende su un'area di nove acri ed è sede di quasi 200 attività commerciali tutto l'anno imprese. Il mercato è aperto sette giorni su sette ed è una delle destinazioni più visitate dello stato. I tour del patrimonio del mercato sono una miscela unica di informazioni passate e presenti. Inoltre è disponibile un ampio e comodo parcheggio.


HistoryLink.org

Questo è un tour fotografico del Pike Place Market di Seattle. Disponibile anche come tour a piedi stampabile (formato PDF). Preparato da Walt Crowley e prodotto da Chris Goodman e Marie McCaffrey. Presentato dal Comune di Seattle, Ufficio per lo Sviluppo Economico, Divisione Turismo. I nomi delle aziende sono citati solo a scopo di orientamento e informazione e non implicano raccomandazione o approvazione da parte della città di Seattle o di HistoryLink. Nota: il tour del mercato di Pike Place è stato ampiamente aggiornato nell'ottobre 2012.

introduzione

Molti considerano il Pike Place Market la sede dell'"anima" di Seattle. Si trova tra la 1st e la Western Avenue e le strade di Pike e Virginia, a pochi passi dal quartiere commerciale e degli hotel del centro di Seattle. La "Pike Street Hillclimb" la collega al Seattle Aquarium e al lungomare centrale tramite un sistema di scale e ascensori. Lungo la Western Avenue è possibile trovare un ampio parcheggio con collegamenti tramite ascensore e ponte sopraelevato per il mercato.

La mattina di sabato 17 agosto 1907, centinaia di acquirenti assalirono alcune dozzine di carrelli di contadini ai piedi di Pike Street (dal nome del pioniere e costruttore di Seattle John Pike). Questo primo "mercato pubblico" è stato organizzato per eliminare gli intermediari avidi che hanno fatto salire i prezzi dei prodotti locali, ed è stato un successo immediato sia tra gli agricoltori che tra i consumatori.

Lo sviluppatore Frank Goodwin, che era tornato di recente con una piccola fortuna dalla corsa all'oro del Klondike, ha visto i soldi in tutti quei green e ha iniziato la costruzione delle sale giochi permanenti che costituiscono il cuore del mercato di oggi. Il mercato prosperò durante gli anni '20 e '30 e ospitava un vivace mix di agricoltori giapponesi e italoamericani, artisti in difficoltà come Mark Tobey, radicali politici e vari eccentrici.

L'agricoltore italiano Joe Desimone acquistò i principali portici del mercato nel 1941 e lo guidò durante la seconda guerra mondiale, quando il "Filetto" di 1st Avenue attrasse migliaia di marinai e soldati insieme a cacciatori di tessere annonarie. Quando sobborghi e supermercati spuntarono dopo la seconda guerra mondiale, il mercato di Pike Place cadde in un brutto periodo, pur continuando a sostenere una comunità eclettica di artisti e artigiani.

Quando il labirinto di edifici obsoleti era previsto per la demolizione negli anni '60, l'architetto Victor Steinbrueck ha radunato Seattle per "Salvare il mercato". Gli elettori approvarono un distretto storico di 17 acri il 2 novembre 1971 e la città di Seattle in seguito istituì un'Autorità per lo sviluppo pubblico per riabilitare e gestire gli edifici principali del mercato.

Clicca sui numeri sulla mappa qui sopra per saperne di più sul mercato di Pike Place.


1. È il più antico mercato degli agricoltori pubblici ininterrottamente in esecuzione negli Stati Uniti

In una città con così tanta nuova crescita, è bello visitare i monumenti e i quartieri storici conservati. Il mercato di Pike Place è uno di quelli. Inaugurato per la prima volta il 17 agosto 1907, questo mercato è ora considerato il più antico mercato agricolo pubblico ininterrotto del paese.

Alla fine del 1800, agricoltori e pescatori locali portavano i loro prodotti, carne e pesce da vendere in un'area chiamata The Lots. Questo mercato pop-up si estendeva per soli tre isolati intorno a Sixth Avenue e King Street in quello che oggi è l'International District di Seattle, appena a sud del centro. Per aiutare gli agricoltori a vendere più direttamente ai clienti e non alle case commerciali all'ingrosso, il consiglio comunale di Seattle ha riservato una parte di Pike Place, la nuova strada di legno, da utilizzare come mercato pubblico a disposizione di tutti. Molte delle case commerciali all'ingrosso furono sconvolte da questa decisione e acquistarono molti dei raccolti degli agricoltori nel tentativo di distruggere il primo giorno di The Market. Per questo motivo, solo dieci agricoltori arrivarono con i prodotti il ​​17 agosto 1907. Tuttavia, così tanti residenti di Seattle amavano The Market che gli agricoltori si esaurirono e tornarono il giorno successivo con sempre più agricoltori. Oggi, The Market è il suo quartiere storico, che si estende su nove acri di terra.


Il traffico e il destino del mercato

Nonostante il suo utilizzo come mercato, Pike Place rimase un'arteria vitale per il traffico verso il centro e divenne ancora più importante nel 1921 con l'estensione di Elliott Avenue. Le aziende del lungomare e il Dipartimento delle strade e delle fognature hanno chiesto che gli agricoltori venissero allontanati dalla strada, minacciando l'esistenza del mercato.

Il consiglio comunale ha respinto la proposta di chiudere il mercato e trasferire gli agricoltori al mercato pubblico di Westlake sulla 5th Avenue tra Stewart e la Virginia. Invece, hanno votato per rimuovere gli agricoltori dalla strada sul marciapiede e hanno accettato l'offerta di Goodwin di fornire spazio aggiuntivo per gli agricoltori in un nuovo edificio del mercato pubblico da costruire lungo la Western Avenue dal mercato principale collegato da un ponte sospeso.

All'inizio, gli agricoltori erano contenti di questo accordo perché un trasferimento a Westlake li avrebbe collocati al di fuori dell'allora centro commerciale di Seattle lungo la First e la Second Avenue. Tuttavia, furono presto in conflitto sia con la City che con la Public Market and Department Store Company.


Donne a Pike Place e Downtown

La storia delle donne nel mercato di Pike Place e nel centro di Seattle è stata alquanto rocciosa dalla fine del 1800 fino ai giorni nostri. Almeno fino ai primi anni del 1900, quando le donne guadagnarono il diritto di voto, iniziarono a possedere imprese e resero evidente che gli standard della società non avevano molta prevalenza e non le avrebbero trattenute. Seattle ha una storia di prostituzione profondamente radicata, a cui molte donne si sono rivolte perché non c'erano posti di lavoro per loro. Come nota positiva, le donne hanno svolto un ruolo fondamentale nella crescita di Pike Place, sia avviando imprese che suonando per strada, ognuna delle quali aiuta a crescere e promuovere il mercato in modi diversi. La popolarità di alcuni artisti di strada del passato che sono "sorti" dalle strade e hanno guadagnato fama per la loro musica attira l'attenzione sul mercato attribuendo il loro successo alle loro passate esperienze come artisti di strada. Alcune di queste attività sono state la Three Girls Bakery, The Pike Brewing Company e i venditori di fiori Hmong del mercato.

Il centro di Seattle è stato molto importante nel suffragio per le donne di Washington. La 41a Convention annuale del National American Woman Suffrage si è svolta presso l'Hotel Lincoln, all'angolo nord-ovest della 4th Avenue e Madison Street (HistoryLink.org 2008). Gli incontri veri e propri si tenevano presso la Plymouth Congressional Church, che si trovava a pochi isolati a nord dell'hotel. Il centro di Seattle ospita anche il Woman's University Club, il Sunset Club e una sede YWCA (WhyWomensClubs, 2). Poco dopo, le donne di Washington hanno vinto il loro diritto di voto. Questo ha aperto la porta alle donne per essere in grado di possedere un'impresa, il che ha reso il loro sostentamento molto migliore all'epoca. L'aumento delle attività commerciali ha anche aiutato a crescere l'economia della zona, poiché c'era più concorrenza per gli altri negozi.

La storia di Seattle con la prostituzione risale ai primi anni del 1850, quando Mary Conklin aprì il primo bordello della città sopra una locanda che a volte fungeva da tribunale (SeattleMet 2010). Il commercio è stato portato a Pike Place quando, nel 1942, Nellie Curtis ha approfittato dell'internamento giapponese e ottiene il controllo del LaSalle Hotel dai suoi precedenti proprietari. Curtis lo trasformò nel più grande bordello di Seattle in quel momento, sfuggendo in qualche modo alla chiusura del bordello gestito dai militari, lo tenne attivo e funzionante fino al 1951. La prostituzione raggiunse il suo punto più alto del decennio nel luglio del 1978, e c'erano così tante prostitute che sono fuoriusciti dalla loro zona normale e sono entrati nell'International District e nel Pike Place Market (SeattleMet 2010). Questo non avrebbe esattamente aiutato l'economia di Pike Place a crescere di per sé, ma l'aumento delle prostitute nel mercato avrebbe significato che c'erano più persone che potevano acquistare dai negozi. Forse alcuni di loro avrebbero potuto abbandonare la prostituzione e trovare un lavoro a Pike Place.

Il Three Girls Bakery è stato aperto all'inizio del 1912, da una signora Jones e da due sue amiche, appena due anni dopo che le donne di Washington avevano ottenuto il diritto di voto. Uno degli amici della signora Jones era una signora O.F. Fredericks, che era il direttore della panetteria (Seattle Times 2012). Three Girls era una delle pochissime aziende di Seattle possedute e gestite esclusivamente da donne all'epoca. La rapida crescita di The Bakery nei primi anni del 1900 ha portato Three Girls ad avere otto negozi sparsi per Seattle in mercati abbastanza simili a Pike Place. Nel 1920, la panetteria fu venduta e iniziò a chiudere i negozi, nel 1925 Three Girls era ridotta a una posizione. Intorno alla depressione, Three Girls si trasferì al Sanitary Market e smise di cuocere, diventando un distributore per Benner Brothers Bakery (Seattle Times 2012). Quarant'anni dopo cade nelle mani degli attuali proprietari, Levy e Zelda Dixon. Levy ha apportato modifiche alla produzione, ammassando i panini e rendendo importante ricordare l'ordine di ogni cliente. Levy ha riportato la panetteria alle sue radici e Three Girls ha ricominciato a cuocere i propri dolci, anche se non si trova più nella posizione originale. La moglie di Levy, Atarah, guida la cottura per le altre località, operando dalla posizione di Three Girls' Ballard.

I buskers sono gli artisti di strada che suonano in tutto il Pike Place Market, alcuni suonano per vivere, altri per esercitarsi e altri semplicemente per il piacere di suonare. Bill Reader, un giornalista del Seattle Times, afferma: "Non puoi far oscillare un vecchio hippie per la coda di cavallo senza colpire un artista di strada al Pike Place Market" (Seattle Times 2013). Il busking è una battaglia costante per l'attenzione, in competizione con altri artisti di strada e venditori per fare abbastanza soldi quel giorno. Un musicista di strada di due anni di nome Reid dice che devi tenere il passo con gli orari, come quando arrivano le navi da crociera e quando suonano i Sounders per avere davvero successo nel suonare per strada. Gli artisti di strada di Seattle hanno un grosso debito con Jim Page, che ha combattuto il municipio per i diritti di esibirsi per le strade e ha vinto.


Seattle oggi e allora: l'edificio del mercato d'angolo di Pike Place

ALLORA: In questo record mattutino di aprile del 1975 "Rain or Shine Public Market Paint-in", sopra gli artisti, i lavori di restauro sono iniziati con lo sventramento del Corner Market Building. (Foto di Frank Shaw) ORA: Jean Sherrard ha catturato l'esterno gradevole del restaurato Corner Market Building nella soleggiata domenica di Pasqua di questa primavera. Negativo in bianco e nero di Frank Shaw degli stessi artisti vicino all'angolo tra Pike Place e Pike Street. Quando scopriremo i loro nomi, li aggiungeremo.

Completato nel 1912, cinque anni dopo l'apertura del mercato di Pike Place, il Corner Market Building è posto come una chiave di volta all'inizio del suo blocco storico delimitato da First Avenue, Pike Street e Pike Place. L'architetto, Harlan Thomas di Seattle, ha avvolto l'eleganza dietro l'angolo con mattoni a contrasto, ampie finestre ad arco lungo l'ultimo piano e sul marciapiede, bancarelle aperte per la vendita di prodotti alimentari principalmente freschi.

L'angolo prima del Corner Market Building. La vista guarda a nord-est dal “elbow” dove Pike Street gira a nord (a sinistra) in Pike Place.

Il fotografo Frank Shaw ha datato questa, la sua diapositiva da 2 152 pollici, il 12 aprile 1975. Joan Paulson non è d'accordo, e in questo mi unisco a lei. Il 12 aprile è stato il sabato in cui si è svolta e celebrata la quasi settimana di "Pioggia o splendi mercato pubblico Paint-in e restauro storico". Quella mattina, prima delle premiazioni, gli artisti potevano applicare le loro ultime pennellate ai pannelli primerizzati da 4,2158 piedi assegnati, che per i successivi sette mesi sarebbero serviti sia come una mostra che come una recinzione di costruzione per separare e proteggere i lavoratori e gli acquirenti da ciascuno Altro.

Un'altra delle registrazioni di Frank Shaw dei murales del mercato. Potrebbe essere un'altra inquadratura da sopra la spalla di Victor Steinbrueck che guarda, all'estrema destra? Pochi istanti dopo gli stessi ragazzi e lo stesso Frank Shaw. Qualche istante dopo e forse con l'aiuto di Pop. (Frank Shaw)

Fu Paulson a mettere insieme i pannelli innescati e una cinquantina di pittori e, quando necessario, ad acquistare anche i materiali d'arte. Paulson ricorda: “Potrebbero iniziare a dipingere lunedì. Martedì ha piovuto. Molto probabilmente questo è mercoledì o giovedì. C'è troppo da fare con i pannelli e troppo poche persone perché sia ​​la celebrazione di sabato dodicesimo».

Frank Shaw ha registrato diverse inquadrature della facciata anteriore che guardava a nord attraverso Pike Street. Un altro

Come cronista della storia del mercato di Pike Place, Joan Paulson nota le uniche energie "dal basso verso l'alto" che hanno reso la protezione del mercato un progetto delle persone. che collega la conservazione storica con il rinnovamento urbano e il suo finanziamento federale. Opportunamente, una forza chiamata Friends of the Market ha alimentato la vittoriosa iniziativa dei cittadini del 1971 per "Salvare il mercato". Nella maggior parte di questo, U.W. il professore di architettura Victor Steinbrueck non è mai stato fuori dai giochi, e qui (in alto) nella diapositiva di Frank Shaw, Joan Paulson ha trovato anche lui. All'estrema destra, all'ombra del suo cappello di paglia, possiamo rilevare sopra la sua spalla destra, che il "salvatore del mercato" sta lavorando sui propri contributi al "Paint-In". Nella foto "adesso" di Jean, sebbene trentanove anni dopo, Joan Paulson è in piedi in un angolo e tiene nella mano destra un foglio arrotolato.

Joan Paulson spiega che i 4 pannelli murali hanno permesso sia di aprire che di spostare la recinzione quando necessario. Questo, a quanto pare, è più tardi nella settimana della pittura rispetto allo scatto colorato in alto. (Frank Shaw)

Sabato 12 aprile, alla cerimonia di premiazione all'ora di pranzo, Steinbrueck è stato uno dei vincitori. I giudici hanno spiegato che a questo speciale "artista del paint-in diamo a tutto il mercato di fare ciò che vuole per il resto della giornata, e Roger Downey (uno dei giudici) laverà i suoi pennelli". Con i lavori completati sull'esterno del Corner Market Building alla fine di novembre, tutti i "capolavori unici sul mercato" sono scesi, inclusa la metà superstite del murale di Steinbrueck, la parte non perforata da una trave durante la costruzione.

Guardando ad est dal “elbow” nel 1919 con l'edificio del mercato d'angolo di sette anni sulla sinistra. (Cortesia, Archivio Comunale) Un tipico vigile Lawton Gowey ha registrato questo ritratto di un mercato usurato il 25 ottobre 1974, e così prima del restauro. Gowey tornò il 21 aprile 1976 per studiarne le conseguenze. (Lawton Gowey)

Qualcosa da aggiungere, Paolo? Sì Jean, un'attenzione prolungata al mercato pubblico di Pike Place nel 1975 con una selezione di fotografie scansionate dal volume 2 dei 5 volumi di negativi di Frank Shaw rannicchiati in 18 pollici su uno scaffale al mio fianco in questa cripta all'estremità nord. Cercheremo di fare le nostre scelte prima di salire i gradini per unirci agli orsi, ma potremmo non farlo. Altrimenti lo finiremo dopo sette o otto ore di sonno e una colazione tardiva. Le didascalie qui saranno minime. Elaboreremo con loro l'alterazione e speriamo che alcuni di voi possano aiutarci. (Vedi sopra. Puoi commentare.) Anche Joan Paulson li studierà e lei, ovviamente, è l'esperta di contenuti come quelli che seguono. Grazie ancora a Mike Veitenhauns, il nipote di Frank Shaw, che ho incontrato per la prima volta più di quaranta anni fa al Fairhaven College, lui uno studente e io un artista residente. Gli scatti Shaw che seguono non saranno disposti in nessun ordine particolare – a meno che non ne noti uno.

Diversi autoritratti di Frank Shaw spiegati come nel “Seattle Center Kaleidoscope, 11:45, 12 gennaio 1978.” Buskers al gomito (meglio delle vesciche sul ginocchio) Altri artisti di strada al gomito e un accenno di ordine. Guardando a nord su Pike Place – di nuovo all'angolo – con una prima cattura di Artis the Spoonman, in bianco al centro. Più Artis Spoonman, Wonder Bridge e Colei che fa la guardia. Un modo per il bagno degli uomini nel 1975. I passaggi per Lower Pike. . . Ye Olde General Store Rock-n-Roll – o forse il blues – sul tetto del Champion Building Coca Cola e buona volontà Scala del mercato per risparmiare spazio – e le curve. Il Liberty Malt Store e altro ancora. . . Cerchio di tamburi

Una variazione su “I’Preferirei avere una bambola di carta che potrei chiamare mia, che altri non potrebbero prendere o rubare!” Festeggiamo San Valentino in un negozio vicino.

L'angolo di Mary, molto probabilmente nel seminterrato o nei bassifondi. . . Un giocoliere di strada o un giocoliere di strada, a seconda del numero di palline.

Un caffè del mercato che non ricordo. Non credo che fosse la zuppa e insalata, che era in esecuzione allora. Guardando alla curva all'estremità nord di quello che il mercato chiama “Lower Post Alley” per distinguerlo, come spiega Joan Paulson, dal Post Alley che corre a nord da Pike Place. La banda di corde si è allargata di nuovo al gomito.

Il GOMITO ESPOSTO Le scale per il mercato non sono più salite.

RITORNO DOMENICA 1 GIUGNO 2014, INTORNO ALLA MEZZANOTTE

Apparecchio idraulico e tascabili Ten Cent vicino al mercato – più Frank Shaw nel 1975 Da qualche parte vicino al mercato Vista del mercato a ovest sulla baia di Elliott, con scala In attesa delle corse dei vagoni merci nella Pike Alley inferiore. Potrebbe esserci stata più di una corsa di vagoni merci al mercato nel 1975. Qui piove. In un altro record di corse limitate alla motivazione gravitazionale, il sole splende sul mercato. Un altro suonatore di strada all'Elbow. Busker alla ricerca di accordatura aperta. Torna alla Galleria Dexter Certamente Soup and Salad, un'immersione nutriente di livello inferiore con vista su Puget Sound, e visitata spesso. Gli sgabelli di Soup and Salad, dopo la chiusura della giornata o forse prima dell'apertura. Guardando a nord sulla Western Avenue e attraverso la vecchia Pike Hill Climb prima dei suoi grandi cambiamenti nel 1976. Guardando a sud sulla Western da vicino ai piedi di Stewart Street. Il Pane Caldo e il Panificio Rotante

Altri fan di Soapbox guardano nella fossa curva del Post Alley inferiore alla prima curva. Fare clic con il mouse. Riconosci qualcuno? Sul tuo segno o appena oltre. Ritorna alla fascia sul tetto dell'edificio dei campioni. Molto probabilmente era intrattenimento per il giorno di Soapbox. I negativi sono vicini nell'album di Shaw. Infine – per questa funzione anche se non per le foto di Frank’s &8211 notare il cartello Stage One Theatre appeso sopra (in basso) Pike Alley. Jean ha giocato lì, un ruolo importante nella sua adolescenza. Ha iniziato a visitare il mercato pubblico poi dopo la scuola. Era già un attore di talento con un baritono maturo ed era alto e quindi passava per qualcuno più grande. Jean ha ottenuto un ruolo importante nell'Amleto di Shakespeare – uno degli amici di Amleto, quello che alla fine lo pugnala e le storie che racconta di quella produzione sono meravigliosamente divertenti e meritevoli del loro teatro. Forse condividerà qui le sue storie di Amleto. Jean è ancora alto e ha anche talento. Frank Shaw è stato un membro di lunga data del Mountaineers Club e gran parte della sua collezione registra questa "Terra Incantata". L'autoritratto oscuro di Shaw si adatta al suo pantheon e/o al suo panteismo. Grazie Franco. Di nuovo, queste sono state alcune delle fotografie che ha registrato del mercato nel 1975. Ce ne sono molte altre per altri anni.

E qui segue, TRE LINK APT trovati e pubblicati da Ron Edge

Ho anche aggiunto un panorama con l'Hotel York, che è stato sostituito dall'edificio del Corner Market.


StoriaLink Tours

Originariamente un mercato all'aperto in una strada laterale recentemente battuta, il Pike Place Market è rimasto all'aperto fino al 1907, quando i fratelli Frank e John Goodwin hanno usato la loro ricchezza dalla corsa all'oro del Klondike per costruire le prime strutture. La costruzione è iniziata a causa di una costante di Seattle: la pioggia. Il primo edificio era una semplice struttura coperta costruita nel novembre 1907 che serpeggiava lungo la scogliera a ovest di Pike Place. Questo originariamente serviva per tenere gli agricoltori fuori dalla pioggia, ma negli anni '20 e '8217, quando le automobili divennero popolari, il mercato si espanse per consentire più traffico portando le bancarelle fuori dalle strade e mettendole al riparo.

Il mercato di Pike Place è stato animato negli anni che hanno preceduto la prima guerra mondiale ed è esploso negli anni '20 del dopoguerra. Altri edifici sorsero lungo Pike Place per soddisfare la domanda, e vi si trasferirono agricoltori, macellai e attività ausiliarie. L'architettura vernacolare del quartiere rimase accessibile, rendendo il mercato un luogo scomodo dove fare acquisti per persone di tutte le fasce dello spettro economico.

Sebbene la crescita sia rallentata negli anni '30 e '8217, l'importanza del mercato come luogo di ritrovo rimase fondamentale per i cittadini di Seattle e negli anni '60, quando il mercato fu minacciato di demolizione, crearono una campagna “Keep the Market” per salvarlo. Un raro esempio di rinnovamento urbano che combina nuova costruzione e conservazione storica, il mercato è stato designato come distretto storico nazionale nel 1971.

Il nostro tour esplora i nove acri che compongono il mercato con un occhio alla sua architettura. Mentre ti muovi attraverso i labirinti coltivati ​​biologicamente del mercato, nota gli edifici “umili e anonimi” e il senso umano delle dimensioni che hanno incubato una comunità di mercato diversificata e solida. Iniziamo dal nesso tra Pike Street e Pike Place, appena a ovest dello stand delle informazioni sul mercato.


Incontra i fantasmi che infestano il mercato

Nata nel 1811, la figlia maggiore di Chief Sealth viveva con aria di sfida in una baracca appena sotto Pike Street durante un periodo in cui nessun altro nativo americano poteva risiedere entro i confini della città.
Come si ossessiona “Il luogo più comune in cui trovare il suo fantasma è sulle scale di Western Ave, vicino a dove si trovava la sua casa. Le persone la prendono con la coda dell'occhio, la cercano e finiscono sui gradini. Ha un odore sgradevole, pungente e si muove lentamente e deliberatamente”.

Frank Goodwin

Uno dei fondatori originali del mercato, Goodwin, morto nel 1954, aveva un ufficio in uno spazio vicino al seminterrato e alla frequente pista da ballo di quella che oggi è la Sala Alibi.

Come infesta "È visto come un vecchio in fondo alle scale di Alibi, dove si presenta come Frank e chiede se i visitatori hanno bisogno di aiuto con le indicazioni, proprio come avrebbe fatto nella vita".

Giacobbe

L'epidemia di influenza spagnola del 1918 uccise oltre un migliaio di abitanti di Seattle. Si crede che lo spirito di una vittima, uno stalliere di otto-nove anni di nome Jacob, risieda nel negozio di giocattoli Merry Tales.
Come infesta “Era molto attivo nel 2007. Potevo entrare con un tour di un giorno e provocarlo, e lui iniziava a lanciare cose. È molto malizioso e poltergeisty. Ma si è calmato dopo che il proprietario del negozio gli ha fatto una piccola stanza con un letto”.

Reggicalze uomo

La struttura al 1921 First Avenue, attuale sede del Kell's Irish Pub ed ex sede dell'obitorio Butterworth and Sons, secondo quanto riferito si trova in cima a un cimitero della tribù Duwamish. I testimoni hanno osservato fantasmi, a volte dozzine alla volta, nell'edificio, incluso un uomo senza nome visto in una finestra del secondo piano.
Come infesta “Indossa bretelle e un cappello da strillone. Posso mostrarti una foto molto chiara e convincente in cui guarda in basso e puoi vedere l'ombra del cappello sul suo viso... Pensiamo che sia uno degli ex dipendenti dell'obitorio".


Guida del locale al mercato di Pike Place

BIOLOGICO . QUESTA È LA PAROLA le persone che lavorano al Pike Place Market usano per descriverlo. Non parlano solo di verdure. Il mercato è in continua trasformazione: proprio quando pensi di avere un controllo su chi gestisce il posto, o quale attività va dove, cambia per te e scopri qualcosa di nuovo su di esso, un conflitto storico che fa luce sulla sua confusione configurazione, un personaggio curioso che ti sussurra all'orecchio uno dei suoi innumerevoli segreti.

E così, sapendo che non avremmo mai potuto definire l'amato punto di riferimento di Seattle, senza dubbio il più grande mercato agricolo d'America, abbiamo usato questo spazio per raccontarvi le numerose scoperte che abbiamo fatto lì. Siamo andati in profondità tra i mercanti, abbiamo assaggiato la nostra strada attraverso le bancarelle della fattoria e del cibo, arrossito a spettacoli di cabaret osceni e sgattaiolato in giro nelle prime ore, quando il mercato è umido e silenzioso e non puoi fare a meno di immaginare tutte le vite viveva lì, dietro le sbarre scintillanti e dentro tutte quelle cucine scricchiolanti. Ecco il Pike Place Market come l'abbiamo trovato, oggi. Ma ricorda che anche mentre leggi questo, sta cambiando. Questa è la magia del mercato di Pike Place. È vivo.


Storia, fantasmi e segreti del mercato di Pike Place di Seattle

Il Pike Place Market di Seattle è, ovviamente, un buon posto per fare acquisti, ma anche il luogo più infestato di Seattle, se non di tutto lo stato di Washington. Il piano superiore del Pike Place Market di Seattle brulica di turisti che acquistano prodotti freschi e artigianato, ma il piano inferiore è qualcosa di strano: le sue pareti sono piene di negozi che sembrano appartenere a un'altra epoca.
La sua storia è iniziata quando le voci sulla fissazione dei prezzi hanno cominciato a circolare e, di conseguenza, otto agricoltori hanno deciso di eliminare gli avidi intermediari e vendere le loro merci direttamente al pubblico. Così, il consiglio comunale di Seattle stabilì presto un mercato pubblico lungo la passerella di quattro isolati di nuova costruzione conosciuta come Pike Place. Il giorno dell'inaugurazione, il 17 agosto 1907, i residenti erano così entusiasti del cibo fresco a un prezzo ragionevole che assalirono letteralmente i primi agricoltori, svuotando le loro auto in pochi minuti. In poco tempo, un proprietario terriero di Pike Place di nome Frank Goodwin, che aveva guadagnato la sua ricchezza con l'oro del Klondike, costruì il primo edificio del mercato, aperto il 30 novembre dello stesso anno.

La Grande Depressione ebbe scarso impatto sul mercato, poiché offriva il cibo più economico della città e durante questo periodo il mercato si espanse. Dopo questo periodo, un certo numero di hotel, ristoranti e teatri aprirono presto le loro porte in tutta l'area, spingendo Seattle a sostenere che Pike Place fosse "Il miglior mercato pubblico del mondo".
Il mercato continuò a prosperare anche durante la seconda guerra mondiale anche se, negli anni '40 e '50, il mercato iniziò a diminuire a causa dell'aumento del numero di autoveicoli e dell'avvento dei supermercati nelle periferie.
Tuttavia, anche se il mercato ha continuato a resistere, sostenuto principalmente da una comunità di artigiani, negli anni '60 il labirinto di edifici obsoleti era destinato alla demolizione. Fu un architetto di Seattle che iniziò la campagna "Save the Market" e il 2 novembre 1971, la città di Seattle istituì un'Autorità per lo sviluppo pubblico per riabilitare e gestire gli edifici principali del mercato.
Oggi, lo storico Pike Place Market, con la sua caratteristica vista sul lungomare di Seattle, è una delle attrazioni più visitate della città. Qui puoi trovare cibi freschi di ogni tipo, un'ampia varietà di prodotti colorati, ma anche pesce fresco ed erbe aromatiche, mentre altri venditori vendono fiori, belle arti e mestieri e souvenir di Seattle. Considerato da molti come la sede dell'anima di Seattle, il mercato espone ogni giorno gli articoli di circa 600 venditori in uno dei quartieri più storici della città.

Ok. Probabilmente la maggior parte delle guide ti dirà dove acquistare il miglior formaggio sul mercato o quando catturare i ragazzi della Pike Place Fish Co. che fanno il loro spettacolo aereo. Ma ecco una breve guida agli angoli più insoliti e pittoreschi di Pike Place.
Ad esempio… puoi trovare il Gum Wall. Per alcuni potrebbe essere l'arte. Ad ogni modo, il Gum Wall esiste dai primi anni '90, quando alcuni clienti in fila per uno spettacolo di improvvisazione al Market Theatre si sono annoiati e hanno deciso di schiacciare la gomma contro il muro di mattoni. In qualche modo la pratica è diventata popolare e le gocce di gomma di tutte le forme e colori sono incollate sul muro e continuano in un vicolo vicino. La gomma è stata raschiata più volte, ma intorno al 1999 le autorità di mercato hanno deciso di conservarla come attrazione. Ora è una tappa frequente per i gruppi di turisti e una delle prime location per uno dei tanti tour dei fantasmi del mercato. Ma, in realtà, è anche un luogo stranamente popolare per le foto di matrimonio….

Nel misterioso negozio Tenzing MoMo ci sono barattoli d'ambra giganti pieni di erbe, centinaia di bottiglie di oli essenziali e pacchetti di incenso da tutto il mondo e il negozio sembra sempre più fioco del resto del mercato. Il personale esperto mescolerà tè e oli personalizzati e i lettori di tarocchi in loco tendono a problemi esistenziali.

Il Pike Place Magic Shop, che si dice sia il negozio di magia più longevo del Pacifico nord-occidentale, è ricoperto di immagini di leggendari maghi dell'inizio del XX secolo. All'esterno, una cartellina gigante contiene pile di bellissimi poster vintage, mentre un misterioso manichino dirà la tua fortuna per pochi centesimi.

A proposito di vintage, aperto nel 1976 da un ex commerciante di libri rari, Old Seattle Paperworks è pieno di vecchie cartoline, poster, pubblicità, riviste, fotografie e altri oggetti simili. Che si tratti di storia dell'aviazione, motori, vecchi annunci medici o pin-up vintage, ce l'avranno! Anche se non è chiaro come possano inserirsi nel negozio di 46 metri quadrati…

Tuttavia, sembra che il mercato non ospiti solo i suoi numerosi venditori, i suoi sapori storici e le sue stranezze, ma anche ad alcuni spiriti irrequieti…
Uno dei visitatori più popolari del mercato è la principessa Angeline, la figlia maggiore del capo Seattle. Il suo nome Duwamish (i Duwamish sono una tribù di nativi americani nella parte occidentale di Washington) era Kikisoblu, ma i primi coloni di Seattle la soprannominarono "principessa" e così fu chiamata per la maggior parte della sua vita. Though the 1855 Treaty of Point Elliott required that all Duwamish Indians were to leave their lands for reservations, the Princess ignored the order and remained in the city. She lived in a waterfront cabin on Western Avenue between Pike and Pine Streets, and made her living taking in laundry and selling hand-woven baskets on the downtown streets of Seattle. The bent and wrinkled old woman, most often seen with a red handkerchief over her head, a shawl around her shoulders, who walked slowly with the aid of a cane, became soon a familiar character along the waterfront and during this time a young photographer, Edward Curtis, became intrigued by her and often took some pictures.
At the age of 85 on May 31, 1896, Princess Angeline died and Seattle residents gave her a fine funeral and burial. Her funeral was held at the Church of Our Lady of Good Help which was magnificently decorated and her casket was made in the form of canoe and her body rest at Lake View Cemetery on Capitol Hill.
But Angeline was apparently not ready to leave this world, as she has been spotted at the Pike Market for decades. As story goes, the market was built upon the site of her former cabin, and is said to remain the home of her restless spirit. Over the years, many people have reported seeing her, believing that she is a person in the flesh, until she suddenly disappeared right before their eyes. Just like the real Angeline, this spirit is said to move very slowly as if her feet barely touch the ground, and other have reported that the figure sometimes changes colors from a glowing white shade to lavender, blue and pink. It seems, she is most often spotted near a wooden column in the center of the lower level and several have reported that the column itself is surrounded by cold air and that photographs have displayed abnormalities. Others have seen her near the old Goodwill store, and even if several exorcism attempts have been made by a Native American Shaman, Angeline continues to roam the market.

But Angeline is not alone. In fact, also the restless spirit of Arthur Goodwin, the nephew of original Pike Place Market developer Frank Goodwin, has also been spotted around the market. Arthur helped Frank in the continued development of the market since its early days and, from 1918 to 1941, he held the job of Market Director. He was often known to look down upon the happenings of the market from his upper-level office. Now called the Goodwin Library and utilized as a meeting room, Arthur’s silhouette is often seen looking down from the library and he has also been seen while would swing a golf club in his old office.
Another story tells about a spirit, most often referred to as the “Fat Lady Barber,” who continues to lurk in the market at night. Evidently, in the 1950’s this fat barber was known to sing her customers to sleep with soft lullabies, and after they were comfortably snoozing, she took any cash in their pockets. However, sometime later, before the renovations were made to the market in the 1970’s, an area in the floor gave way and she fell, meeting her death. Today, maintenance workers report that they hear the sounds of her lullabies when they are cleaning at night.

However, several shops inside the historic market tell a variety of stories. For example, at the Bead Emporium, a small boy is said to continue to haunt the area. When renovations were completed on the business a few years ago, a basket of beads was found in a wall that had not been accessed for many years, before the store itself even opened. It is believed that the little boy was hoarding the beads in the wall to play with. Moreover, other strange things happen at night: the cash register drawer opening and closing of its own accord, and the same little spirit has also been known to visit the marionettes in the puppet shop.
It seems that Sheila’s Magic Shop is also to be haunted by the spirit of a woman who inhabits a crystal ball. Know as Madame Nora, this restless spirit haunted a shop called Pharaoh’s Treasure before landing at Sheila’s. As the story goes, Pharaoh’s Treasure received the crystal ball from an old woman who wanted to trade it for a scarab. Even if the old woman warned the shop owner that the spirit of Madame Nora was residing in the crystal ball, the owner thought little of it and made the exchange. Almost immediately, unexplainable things began to happen, like numerous objects being moved during the night. Madame Nora is said to have been the owner of a place called the Temple of Destiny in the early days of the market. Known to have practiced crystal gazing, Egyptian sand divining, and Indian psychic projection, she evidently continues to leave her paranormal imprint still today. Weary and bored with the strange occurrences in Pharaoh’s Treasure, the crystal ball was passed on to the owner on to Sheila’s Magic Shop.
At a Greek deli called Mr. D’s in the triangle building, the owner tells of spirits who are known to fight in a downstairs walk-in freezer. Some of his staff are so frightened of the spirits, they refused to go in there!
At the Shakespeare and Co. Bookstore the owners would arrive every morning to find the same book off the shelf and on the floor. Brushing it off each day, it was placed back on the shelf, only to find it on the floor again the next morning. At the end, the book was destroyed.

Whether you’re looking to see a ghost, shop or simply watch the myriad of interesting people in a very characteristic place, Pike Place Market is undoubtedly a “must see” if you are in Seattle!

Author’s note: the first source is my brother. unfortunately I’ve never been here, and all the photos come from the web. Contact Information below

Pike Place Market
85 Pike Street, Room 500
Seattle, Washington 98101
206-682-7453


Guarda il video: Seattle - Pike Place Market Walkthrough - 4K (Potrebbe 2022).