Podcast di storia

Miltos, la polvere magica del mondo antico

Miltos, la polvere magica del mondo antico


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Quale pigmento potrebbe essere usato per la manutenzione delle navi, l'arte, l'agricoltura, la medicina, e cosmetici? Nel mondo greco-romano, il pigmento ocra multiuso chiamato Miltos ricopriva tutti questi ruoli. La potente tonalità infuocata del pigmento ha ravvivato i dipinti murali classici. Ed era anche usato marchiare le pecore... e macchiare i ritardatari assistenti dell'Assemblea nell'antica Atene.

Questa ampia varietà di applicazioni ha portato gli scienziati a chiedersi perché sia ​​stato utilizzato in modo così prolifico. Una possibile spiegazione è che il milto avesse proprietà geochimiche e microbiologiche diverse a seconda di dove veniva estratto, portando a una varietà di possibili forme, ciascuna ideale per uno scopo diverso. Vale anche la pena notare che l'ocra (anche scritta ocra) è stata usata dagli umani per centinaia di migliaia di anni.

Origine dell'ocra e suo uso

L'ocra è un tipo di pigmento a base di terra composto principalmente da ossidi di ferro. Sebbene sia comunemente pensato come rosso, si trova anche l'ocra gialla. L'ocra gialla può essere resa rossa modificando l'idratazione e l'ossidazione dei suoi minerali.

  • Il valore artistico delle magnifiche sculture di Anfipoli
  • Antiche espressioni: le opere d'arte preistorica più antiche del mondo
  • Il pastello di 10.000 anni trovato nell'antico lago è stato usato per decorare le pelli degli animali

Tre diversi pigmenti ocra. (Marco Almbauer/ CC BY SA 3.0 )

La grotta di Blombos in Sud Africa è la posizione di un sito archeologico di 100.000 anni che mostra segni di ocra utilizzata come pigmento. Sembra anche che gli abitanti abbiano inciso disegni astratti in pezzi di ocra, creando alcune delle opere d'arte più antiche. Ciò rappresenta alcune delle prime prove per l'uso dell'ocra come pigmento da parte dell'uomo, sebbene sia stato anche suggerito che fosse in uso anche prima, forse 300.000 anni fa.

Miltos nell'antichità classica

In epoca classica, un tipo di ocra rossa veniva chiamato miltos. Miltos nel mondo antico proveniva principalmente da tre località, le isole greche di Kea e Lemnos e la Cappadocia nella moderna Turchia. Miltos è stato anche considerato di avere usi diversi a seconda della fonte da cui è stato derivato. Miltos di Kea doveva essere efficace nel mantenere le navi, per esempio. C'erano anche alcuni miltos che avevano scopi medicinali. Alcune forme di miltos venivano persino usate come fertilizzante.

Vaso in terracotta a figure nere raffigurante un'antica nave greca. A prua l'oftalmo apotropaico (occhio) e l'ariete (a forma di cinghiale). Si diceva che alcuni tipi di milto fossero efficaci nel mantenere le navi. (CC0)

Questa prolifica applicazione di miltos ha affascinato archeologi e storici che si sono chiesti perché avesse così tanti usi. Uno studio recente suggerisce che potrebbe aver avuto a che fare con la diversa geochimica e microbiologia di ogni luogo in cui si trova miltos.

La scienza dietro la polvere miracolosa: microbi, piombo e biossido di titanio

Un team guidato dallo scienziato dell'Università di Glasgow, Effie Photos-Jones, ha studiato le proprietà dei campioni di Kea e Lemnos, ma non della Turchia. Hanno trovato differenze interessanti.

Miltos di Kea, ad esempio, è risultato avere un alto contenuto di piombo. Il piombo nel miltos Kean potrebbe potenzialmente interrompere l'accumulo di melma dai microrganismi sulle navi marittime. Questo è importante perché questa melma può consentire a organismi più grandi, come i cirripedi, di crescere all'esterno di una nave, con conseguente incrostazione dello scafo della nave. Ciò può far sì che la nave non si muova così velocemente, tra le altre cose. In questo modo, l'applicazione di vernice miltos ricca di piombo sullo scafo di una nave potrebbe inibire la crescita biotica, prevenendo le incrostazioni. Questo potrebbe essere il motivo per cui il miltos di Kea era apprezzato ad Atene poiché poteva essere utilizzato nella manutenzione delle navi.

Campioni di Miltos da Kea e Lemnos. ( Foto-Jones et al. )

È stato scoperto che Miltos di Lemnos ha tracce di biossido di titanio, un efficace agente antibatterico. Questo potrebbe spiegare perché il miltos fosse usato anche per curare ferite e malattie. Potrebbe inibire la crescita di infezioni batteriche.

Inoltre, è stato scoperto che alcuni miltos hanno comunità microbiche collegate al fissaggio dell'azoto nei terreni in cui il ferro svolge un ruolo importante. La presenza di queste comunità microbiche consentirebbe di utilizzare il miltos come fertilizzante, spiegando il suo utilizzo in agricoltura.

  • Trovato un negozio di cosmetici di 4.000 anni a Cipro
  • Wilgie Mia, la più antica operazione di estrazione continua al mondo
  • L'uomo preistorico in Sudafrica produceva vernici a base di latte 49000 anni fa

Fare Milto finti

Oltre ai milto naturali, ci sono anche prove che i milto "falsi" (o artificiali) potrebbero essere prodotti riscaldando l'ocra gialla in modo da ottenere un colore rosso. Questo falso miltos era considerato inferiore, sebbene fosse ancora usato come pigmento. Uno dei motivi per cui era inferiore potrebbe essere stato perché il riscaldamento ha ucciso tutte le comunità microbiche preesistenti che gli hanno conferito proprietà uniche.

Un antico dipinto murale romano con ocra gialla. ( Dominio pubblico )

Miltos, l'ocra rossa e l'evoluzione umana

Miltos è importante non solo per il suo ruolo nell'antichità classica, ma anche per il suo ruolo nella storia della specie umana sotto il nome più generale di ocra rossa. L'ocra rossa è stata utilizzata per quasi tutta la storia umana e la preistoria. L'uso dell'ocra come pigmento rappresenta uno dei primi progressi tecnologici della specie umana. Inoltre, l'uso prolifico di miltos nel mondo antico mostra che la sostanza è stata utilizzata per far progredire la civiltà umana su molti fronti; tra cui arte, cosmetici, medicina, agricoltura e cantieristica.

Questo ruolo fondamentale dell'ocra rossa nel primo sviluppo tecnologico della specie umana rende miltos non solo polvere prodigiosa per l'antico mondo mediterraneo, ma anche per l'intera razza umana.


Nuove "maledizioni" emergono dallo studio della tomba di Tut che ha fatto la storia

Dalle "lentiggini" microbiche alla polvere appiccicosa, i conservatori hanno risolto alcuni problemi nel monumento funerario del faraone di 3.300 anni, ma nel frattempo hanno sollevato nuove preoccupazioni.

Quando Howard Carter aprì la tomba di Tutankhamon nel 1922, diede il via a una serie di scoperte che cattureranno l'immaginazione del mondo e scateneranno una duratura storia d'amore con la camera funeraria del ragazzo re e il suo tesori d'oro. Quasi un secolo dopo, un team di scienziati ha portato a termine l'esame più significativo della tomba fino ad oggi: un progetto decennale di scrupoloso studio e conservazione che ha risolto alcuni misteri ma ha anche sollevato nuove domande sul futuro di una delle monumenti antichi più famosi.

Un simposio a Luxor questa settimana illustra i risultati complessivi del progetto, intrapreso congiuntamente dal Ministero delle Antichità egiziano e dal Getty Conservation Institute di Los Angeles. I lavori sulla tomba di 1.182 piedi quadrati, eseguiti da una dozzina di conservatori alla volta, sono iniziati nel 2009 e originariamente si prevedeva di concludersi entro il 2014. Il progetto è stato tuttavia ritardato dalla rivoluzione in Egitto nel 2011 e dai successivi disordini nel 2013.

"Tutti quelli che vanno nella Valle dei Re vogliono andare alla tomba di Tut", ha detto Neville Agnew, scienziato capo del Getty e conservatore del progetto. Per fare un piano era necessaria un'ampia documentazione, diagnosi e prognosi delle condizioni della tomba per il futuro: "Cosa succede se non facciamo nulla? Eravamo interessati all'intero spettro di attività, passate, presenti e future, e a come affrontarle in modo completo".


Sabbie d'Egitto: dai misteri del deserto alle spiagge rilassanti

Le date sono flessibili e personalizzabili per partenze private.

Tesori affascinanti e atmosfere contrastanti contraddistinguono le sabbie d'Egitto. Piramidi sorgono dal deserto, cammelli attraversano dune epiche, acque turchesi lambiscono spiagge deserte mentre capolavori medievali vengono bruciati dalla polvere rossa. Collegando destinazioni toccanti, questo tour artigianale di 11 giorni celebra le meraviglie delle sabbie egiziane, dalle delizie di Giza e del Cairo all'atmosfera serena del Mar Rosso e del surreale deserto del Sahara.

Servizio gratuito - nessuna carta di credito richiesta

Il Cairo ti impressionerà da molti punti di vista. Un senso di storia risuonerà dalle periferie della città, dove l'architettura mostra i secoli. Troverai moderni centri commerciali e stili contemporanei nel centro, mentre l'abbondanza contraddistingue i viali alberati dell'isola di Gezira. Questa è la suggestiva capitale nel deserto mentre la metropoli sorge dalla sabbia lungo il fiume Nilo. Dopo che il tuo autista privato ti ha incontrato all'aeroporto, ti trasferirai a Giza, un sobborgo della città dove le sabbie del deserto continuano ad abbellire il paesaggio. Rimarrai stupito dalle Grandi Piramidi di Giza che si ergono in alto sopra di te mentre questa antica meraviglia del mondo sarà visibile dal tetto con giardino delle tue sistemazioni a cinque stelle. Domani ispezionerai i dettagli delle piramidi, ma oggi ti siederai e ammirerai l'antico skyline dal tuo hotel. La serata sarà a tuo piacimento.

La mattina dopo scoprirai che stare vicino alle piramidi è il modo migliore per battere la folla. Esplorare il complesso è speciale in qualsiasi momento della giornata, ma l'esperienza assumerà una nuova dimensione quando sarai praticamente solo con questi epici punti di riferimento. Passerai davanti alla Sfinge di Giza, la scultura surreale che fa la guardia all'ingresso del complesso. Quindi avvicinati alle piramidi mentre ammirerai prima il panorama di tutte le piramidi, quindi osserva la polvere che si alza mentre ti avvicini a questi stupendi monumenti. La prima antica meraviglia del mondo, la Piramide di Khufu, conosciuta anche come la Grande Piramide di Giza, è la più grande di quelle mai costruite. Inizierai a capirne le dimensioni solo quando sarai in piedi accanto alle lastre di calcare bianco, osservando la sua enormità.

Khufu era considerato un tiranno indisciplinato e la piramide che costruì ha una storia tutt'altro che salubre. La tua guida egittologa esperta ti racconterà questa storia mentre cammini verso la Piramide di Chefren, che in realtà sembra più alta a causa delle sue pareti ripide e della posizione elevata nel deserto. Sebbene i frammenti delle pareti a gradini si stiano sgretolando e parti di pietra ti si staccheranno in mano, la conservazione di queste piramidi è semplicemente notevole. Mentre ti trovi tra le piramidi, il cielo del deserto brucerà di un azzurro felice. Con poche altre persone in giro, viaggerai nei giorni delle dinastie egiziane e sentirai davvero la grandezza del vecchio mondo di tutto questo. La tua ultima tappa a Giza sarà la Piramide di Menkaure, che è più piccola di statura ma più interessante all'interno. Fai una passeggiata all'interno e assapora l'atmosfera storica, insieme alle statue che si ergono misticamente sotto l'iconica facciata.

Ci sono altre piramidi e antiche città tra la sabbia. Dopo aver esplorato i resti di Menfi, verrai guidato a Saqqara, il sito della prima piramide costruita. Anche se non sembra così impressionante dalle foto, l'età visibile di questa struttura accattivante sarà ricordata a lungo. La tua guida egittologa continuerà la lezione dettagliata, informandoti delle dinastie e dei metodi di costruzione dall'antichità. Goditi un meze pranzo, poi il pomeriggio sarà a vostra disposizione, con un autista a vostra disposizione per un viaggio ovunque attraverso il Cairo.


La dottrina della creazione in prospettiva storica

I cristiani hanno perso la loro capacità di parlare della "fede data ai santi". Non è che questa lingua abbia perso la sua intensità intellettuale. Rimane persuasivo oggi come lo è stato nei secoli in cui ha formato alcune delle più grandi menti umane della storia. Il problema è che la fede storica si è frammentata. Dopo essere passati attraverso i relitti e i relitti della storia, varie permutazioni, grandi e piccole, si sono attaccate ad essa. La struttura razionale della tradizione storica cristiana è ancora forte. Tuttavia, è stato oscurato da una nuvola di polvere che vortica dentro e intorno. Oggi frammenti di fede fluttuano liberi in varie configurazioni per essere afferrati e riassemblati come una scatola di giocattoli Lego da intellettuali e laici, amici e nemici allo stesso modo.

Ciò è particolarmente evidente quando si parla della dottrina cristiana della creazione, insegnamento che la Chiesa condivide nelle sue linee più basilari con ebrei e musulmani. Storicamente tutte queste tradizioni hanno confessato che Dio ha creato tutto ciò che è "i cieli e la terra" - dal nulla. Questa visione della natura stessa delle cose è venuta al mondo con la forza di una rivoluzione scientifica. L'antico mondo greco, al contrario, ha fatto un'affermazione alternativa: qualcosa non può venire dal nulla – tutto ciò che è esiste eternamente.

Le antiche tradizioni filosofiche greche promuovono la credenza che Dio e il mondo appartengano sempre insieme. Dio alla fine condivide lo stesso sistema del mondo. Dio e il mondo sono entrambi “naturali” – Dio implica necessariamente il mondo e viceversa. Inevitabilmente si collocherà Dio in una categoria già richiesta per assicurare la stabilità del sistema. Poiché il mondo è considerato necessario, le domande principali sono dove e come Dio si inserisce nel sistema, e forse come gli esseri umani possono lavorare con o contro Dio, se necessario. Tutto il mistero si dissolve sotto la coerenza razionale del sistema.

Un esempio di questo oggi si trova nel movimento del Design Intelligente. L'Intelligent Design God diventa una Causa nel mondo per aiutare a spiegare come il mondo si è sviluppato. Dio e la creazione si appartengono naturalmente. Dio diventa come Hansel e Gretel, lasciando briciole di pane all'interno della creazione che potrebbero portare la persona veramente razionale a un livello di intelligenza che Dio e la persona razionale condividono. La ragione umana può afferrare questo Dio senza fede. Si usa la ragione per trovare "scatole nere" in cui Dio funge da forza all'interno della creazione, un agente molto scaltro e oscuro che lascia indizi misteriosi per la decifrazione scientifica. Dio l'agente non è misterioso, gli indizi che Dio ha lasciato forniscono un enigma che le menti indagatrici possono risolvere. Piuttosto che la misteriosa Sorgente dietro e dentro e attraverso e prima della creazione, il Disegno Intelligente sviluppa una concezione moderna di Dio come Causa tra altre cause. Sebbene abbia un intento cristiano apologetico, questo Dio è molto più vicino all'antica divinità greca di quanto non sia il Dio testimoniato nella fede consegnata ai santi che crea dal nulla.

Quando gli antichi ebrei, cristiani e musulmani incontrarono il mondo, non incontrarono qualcosa di necessario o di "naturale". Hanno scoperto un mondo che non deve essere, un mondo a cui Dio ha donato l'esistenza per grazia e misericordia di Dio, un mondo che diventa pienamente comprensibile attraverso la fede nel Dio Creatore. Ebrei, cristiani e musulmani incontrano la "creazione", non la "natura". La creazione ci chiama a indagare il cosmo nel suo insieme con lo stupore, lo stupore e la gratitudine che sono appropriati alla natura della creazione come dono. La bellezza delle sue parti che partecipano al tutto diventa un segno del Creatore della creazione, forse un segno percepito vagamente ma ancora molto visibile attraverso la fede. Dio non è un agente all'interno della creazione da indagare o escludere dai microscopi elettronici e dai logaritmi evolutivi o dall'apertura di scatole nere. Come Creatore di tutto ciò che viene dal nulla, Dio è il mistero che è la fonte, il sostenitore e il fine di tutta la creazione. Come affermano le Scritture cristiane, "Poiché da Dio e per mezzo di Dio e a Dio sono tutte le cose" (Romani 11:36). Non è un caso che il brano si concluda con un'articolazione di lode: "A Dio sia la gloria per sempre!" Dio è Dio, il mistero ultimo attraverso il quale tutte le cose diventano pienamente comprensibili.

La dottrina della creazione non nega la ragione scientifica. Tale motivo è facilmente reso comprensibile dalle storiche tradizioni ebraiche, cristiane e musulmane. Poiché Dio crea dal nulla, Dio ha creato e sostiene la creazione come ciò che è altro da Dio. La creazione ha una certa esistenza autonoma da Dio, non per necessità ma perché Dio l'ha concessa liberamente. Ecco un paradosso veritiero: la creazione è "contenuta in sé stessa" in quanto ciò che non è Dio, anche se dipende completamente e unicamente da Dio come sua fonte, sostenitrice e fine. Ovviamente questo significa che Dio non è affatto un agente come le altre agenzie che si trovano all'interno della creazione. Con implacabile meraviglia, gli umani sono liberi di esaminare, investigare e teorizzare senza riserve sulle agenzie all'interno della creazione. Non "vedremo mai Dio" o l'agenzia di Dio direttamente: Dio non è creazione. Dio è così radicalmente diverso da ciò che è all'interno della creazione che ogni tentativo umano di descrivere Dio è sempre caratterizzato da un'inadeguatezza infinitamente maggiore.

Con la dottrina della creazione, ebrei, cristiani e musulmani fedeli alle proprie radici sono liberi di utilizzare la ragione scientifica con abbandono. Ma confessiamo che la ragione umana è anche più di un semplice strumento. La nostra ragione, elevata e perfezionata dalla fede, spiega l'origine e la fine della creazione oltre i propri confini. Formata dalla fede nel Dio Creatore, la ragione apre l'uomo a ciò che è radicalmente “altro”: la verità, la bontà e la bellezza della creazione che vanno oltre l'ordine creato per culminare nell'adorazione dell'indescrivibile mistero di Dio. Si comprende la meraviglia che prova la scienziata nello studio delle strutture genetiche e la bellezza che un matematico trova nell'eleganza di una formula matematica. Comprendiamo per fede perché la creazione, essendo da Dio e per mezzo di Dio ea Dio, renderebbe testimonianza al suo Creatore. Comprendiamo anche perché questi segni non vengono su di noi in modo coercitivo o necessariamente - poiché ciò ridurrebbe Dio a un agente all'interno della creazione, e quindi negherebbe ironicamente ciò che confessiamo nel Dio Creatore che crea dal nulla.

Affermando la dottrina della creazione dal nulla, è impossibile avere un conflitto tra ciò che descrive l'indagine empirica e la nostra confessione del Dio che crea dal nulla. È possibile avere un conflitto tra gli scienziati e la cultura dello scientismo – una cultura che vuole ridurre ogni razionalità alla propria ragione strumentale potente ma limitata che rifiuta un'origine e un fine oltre se stessa. Alla fine gli esseri umani devono scoprire dall'interno della propria esperienza incarnata della "natura" che il cosmo nel suo insieme punta al di là di se stesso nella sua verità, bontà e bellezza come creazione di Dio, il mistero che suscita dall'interno la lode, la meraviglia e il significato con cui partecipiamo alla vita.

Parola di Dio. Il mondo di Dio. Consegnato alla tua casella di posta.

BioLogos mostra alla chiesa e al mondo l'armonia tra scienza e fede biblica. Ottieni risorse, aggiornamenti e altro ancora.


A caccia delle meraviglie perdute della Gran Bretagna medievale

Severn Bore

Galles

Regno Unito

Il giorno stava finendo quando arrivammo alla vecchia chiesa grigia e al suo cimitero di lapidi inclinate. Al di là, la foresta nascondeva le rovine di un castello normanno insieme a una delle meraviglie della Gran Bretagna.

Apparve un uomo alto e ordinato con un berretto, fuori con il suo cane per una passeggiata serale, e Andrew Evans, che indossava un soprabito scuro e oscillante, gli si avvicinò. “Posso chiederti… vivi da queste parti? Stiamo cercando il pozzo delle ossa….” L'uomo non fece segno di riconoscimento. “Dovrebbe esserci una sorgente sotto il castello da qualche parte.”

“Una sorgente naturale?” rispose, per nulla turbato dalla suggestione di una catacomba acquosa piena di scheletri. “C’c'è una pista che porta laggiù a sinistra. È un bel po' di chilometri

“Va bene,” disse Evans. “Sembra così.”

Il sentiero per la sorgente passava attraverso un cancello che si chiudeva con fragore e oltrepassava un campo popolato di pecore bianche e soffici che punteggiano la campagna britannica. "È sulla mappa, quindi non può essere troppo difficile da trovare", ha detto Evans, indicando la nostra posizione sul suo telefono, dove il pozzo era etichettato in blu brillante. “Gireremo intorno ai piedi del castello, e poi eccolo—‘Boney Well.’”

Questo particolare pozzo era noto, nel XIX secolo, per il suo trucco di rigurgitare le ossa dei pesci e delle rane, ed è stato il miglior vantaggio che Evans ha avuto nella sua ricerca di un altro luogo, descritto nella nostra guida molto più antica di questo viaggio, un elenco di “meraviglie” compilato un millennio fa. In questo elenco, c'è "un pozzo da cui vengono costantemente sollevate le ossa degli uccelli". Solo, non è del tutto chiaro dove si possa trovare questo meraviglioso sito. Valeva la pena di inseguire qualsiasi pozzo collegato a ossa di piccoli animali.

La pista si snodava attraverso la foresta abbagliante e il sorriso di Evans assunse un aspetto entusiasta. "Sono entusiasta di vederne uno nuovo", ha detto. Di solito sono solo buchi fangosi nel terreno. Ma forse sarà spettacolare

Controllò di nuovo il telefono. “Attento alle ossa.”

Le rovine del castello di Richard, una fortificazione preconquista costruita da un cavaliere normanno. James Lancaster/Castles Forts Battles UK

Nel II secolo a.C., lo scrittore greco Antipatro di Sidone catalogò le meraviglie del mondo antico: i giardini pensili di Babilonia, il Colosso di Rodi, la Grande Piramide di Giza e da allora gli scrittori hanno raccolto testimonianze di luoghi meravigliosi. Quando, tra il IX e il XII secolo, un figlio indigeno assunse il compito di elencare le meraviglie della Gran Bretagna, incluse un lago con 60 isole e una fontana di sale, un altare levitante e un tumulo reale mutevole e #8212in tutto, 26 fenomeni naturali e piccoli miracoli.

Queste meraviglie erano concentrate in due aree della Gran Bretagna, a nord, verso la Scozia, e a ovest, in quello che oggi è il Galles, luoghi dove le tribù celtiche dominavano ancora dopo che anni di incursioni sassoni avevano eroso il loro territorio. L'autore sconosciuto dell'elenco proveniva da quelle terre, probabilmente dalla regione di confine gallese, e sebbene scrivesse in un'epoca di crescente potere sassone, il suo cuore sembrava essere legato alle tradizioni celtiche che rischiavano di scomparire.

Questa è la storia dell'età oscura, spesso trascurata nella corsa dai romani al Rinascimento, con dettagli dimenticati o registrati solo nella leggenda. Anche le meraviglie della Gran Bretagna sono scomparse dalla memoria. Secondo i curatori dei manoscritti della British Library, "poche caratteristiche geografiche reali" conosciute oggi corrispondono alle descrizioni dell'elenco.

Ma se le grandi linee delle divisioni politiche medievali indugiano sulla moderna Gran Bretagna, alcune delle meraviglie si nascondono ancora anche lì. Evans, docente senior nel dipartimento di geografia dell'Università di Leeds e autoproclamatosi "esperto in nulla", ha iniziato a cercare di rintracciarli più di dieci anni fa. “Entriamo nel solco di andare alla deriva attraverso i luoghi senza pensarci davvero,” ha detto. Ma trovare il sito di una meraviglia medievale può far brillare un paesaggio familiare con una lucentezza strana e misteriosa.

Alcune delle meraviglie si sono rivelate impossibili da trovare, forse non sono mai esistite in primo luogo. Altri hanno perso il loro splendore, ma, mi ha assicurato Evans quando abbiamo parlato per la prima volta, “Alcuni di loro sono attivi e ancora davvero spettacolari.” Il Severn Bore, per esempio—un'onda di marea fluviale che può raggiungere più di nove piedi in altezza—gioca un ruolo in quattro delle meraviglie e può ancora essere visto.

Fu così che pochi mesi dopo, stavamo girovagando per le campagne dell'Inghilterra e del Galles, scavalcando recinti, calpestando l'erica e vagando nei cimiteri, nella speranza che, mille anni dopo, non tutta la meraviglia del Medioevo fosse scomparsa . Anche nel 21° secolo, una guida turistica medievale, immaginavamo, potesse ancora portare in luoghi con la capacità di stupire.

Andrew Evans a Carngafallt. Sarah Laskow

Gli alberi si aprirono in una radura e il nostro sentiero attraversò il filo d'acqua proveniente dal Pozzo delle ossa. Non era la varietà del pozzo scavato nel terreno, ma uno zampillo di acqua sorgiva, poco più di un umido canale tra gli alberi. Nulla del luogo sembrava giustificare la sua inclusione su una mappa, moderna o medievale, meravigliosa o mondana.

Ma lì, tra le radici muscose, ho notato una distesa di piume grigie e alcune ossa delicate.

“Oh mio Dio,” disse Evans, ridendo. “Quello è convenientemente morto nel posto giusto.” Non si aspettava di trovare ossa fresche al Pozzo delle ossa, indipendentemente da come ci fossero arrivate. La descrizione della lista evocava l'immagine di un luogo macabro e magico, ma Evans stava cercando una meraviglia naturale, non qualcosa di una fiaba. Per quanto fantastiche potessero sembrare alcune delle meraviglie della lista, di solito avevano una sorta di fondamento nella realtà, o almeno nel possibile.

La lista delle meraviglie proviene da un testo medievale, Historia Brittonum, che una volta era considerato un resoconto affidabile della storia della Gran Bretagna. Inizia con i discendenti dei profughi troiani che si stabiliscono sull'isola e include uno dei primi riferimenti conosciuti a Re Artù, insieme a cataloghi di battaglie tra britannici e sassoni e genealogie di sovrani dimenticati. Per secoli, storici e classicisti si sono affidati al StoriaIl racconto degli anni tra la fine del '300, quando i romani cominciarono a perdere il controllo della Britannia, e la metà dell'800, la prima Storia avrebbe potuto essere scritto. Ora, però, gli studiosi considerano queste storie più leggenda che realtà.

Come il resto del Storia, la lista delle meraviglie, che è virata alla fine di alcune versioni del manoscritto, ha parti verificabili. Comprende, ad esempio, le famose terme costruite dai romani nel Somerset, che attingono dall'unica sorgente geotermica dell'isola. Ma altre meraviglie: l'altare levitante, presumibilmente sorretto dalla volontà di Dio, o l'asse di legno che ritorna, che galleggia lungo il fiume Severn prima di riapparire, tre giorni dopo, nel suo posto originale, suona come se appartenessero al regno della fantasia .

Le terme romane a Somerset. Julian P Guffogg/CC BY-SA 2.0

La presenza delle meraviglie sopravvissute crea l'allettante possibilità che anche quelle fantastiche e dimenticate possano avere spiegazioni scientifiche e possano aver lasciato indizi che potrebbero corroborare la loro esistenza. “Dato che alcune delle meraviglie esistono, è probabile che tutte siano esistite una volta,”, dice Evans. All'inizio della sua ricerca, decise di cercare spiegazioni plausibili per ogni meraviglia, anche quelle più strane. “La tua prima impressione è che qualcuno abbia messo insieme un sacco di cose folli, e una parte di me ha pensato—perché vorresti scavare e capire questo?”, dice. Ma l'autore sconosciuto della lista sembra cercare di spiegare i fenomeni insoliti che ha incontrato nei suoi viaggi. “Questa persona è sinceramente curiosa del mondo. E, occasionalmente, le interazioni nel mondo naturale generano cose completamente strane

The Boney Well, per esempio, è stato ancora una volta più impressionante di quanto ci fosse apparso per la prima volta. Sembrava che il pozzo fosse stato tappato: la conformazione del terreno indicava che un tempo il ruscello avrebbe potuto scorrere forte e profondo qui.

Mentre ce ne stavamo andando, Evans mi ha mostrato alcune delle rocce che aveva rovesciato nel ruscello. Incastonati in essi c'erano fossili di conchiglie e ossa, di una sorta. Aveva un'ipotesi. Forse il pozzo d'ossa stava sbattendo attraverso un letto fossile e portando pezzi in superficie. Se i fossili non fossero comuni nella zona e una singolare sorgente continuasse ad accumularli, disse: "Allora penseresti: "Che emozione".

Alla ricerca del pozzo osseo. Sarah Laskow

Evans incontrò per la prima volta le meraviglie della Gran Bretagna mentre cercava vecchi testi gallesi per un nome da dare al figlio maggiore. Sua moglie proviene da una famiglia gallese e lui si è innamorato della letteratura gallese alla Aberystwyth University mentre studiava geologia e geografia. Il suo interesse per il folklore è un'attività secondaria: si è laureato come glaciologo in Islanda e in Antartide e ora si concentra sulla geografia umana, attingendo all'informatica e alle scienze sociali per capire come le persone si relazionano tra loro e con il loro ambiente.

È un buon campo per le persone con una mente vagabonda, come Evans. Aveva almeno un interesse passeggero per cattedrali e castelli, teoria letteraria e jazz, storia del cinema e cultura britannica, voodoo e disegno di nature morte. Apparteneva a un club di speleologia al college e dopo la laurea viaggiò in Europa con gli amici, alla ricerca di ossari e pitture rupestri. Ora vive ai margini di una brughiera nello Yorkshire e tiene un teschio di ippopotamo nel suo ufficio. Una mattina a colazione stava leggendo del primo processo per stregoneria in Irlanda e rimuginava su come i concetti che usiamo per comprendere il mondo, come il peccato e il crimine, non siano sempre così senza tempo come potrebbero sembrare che qualcuno abbia dovuto immaginarli. Ma questo è il motivo per cui vale la pena cercare le meraviglie: usare l'elenco medievale come guida ai fenomeni naturali significa "prendere qualsiasi metafora stanca e impolverata che usi per il mondo e scuoterla", dice.

Quella mattina partimmo attraverso la campagna gallese con la morbida luce del sole che faceva capolino da dietro le nuvole. Questa parte del mondo è servita da modello per J.R.R. L'idilliaca Contea di Tolkien è la "Terra verde e piacevole" di William Blake, fatta di dolci colline e pascoli, che si è trasformata, nel Galles centrale, in vette più scoscese. Abbiamo guidato attraverso una foresta dove il muschio riempiva il centro della strada come un tappeto e poi abbiamo seguito un sentiero attraverso i pascoli boschivi di una riserva naturale, sotto i rami storti delle querce della Cornovaglia e su per un ripido pendio di spinose ginestre verdi. Sulla cresta della collina, abbiamo raggiunto un trio di tumuli dell'età del bronzo, tombe che un tempo avevano protetto i morti ei loro tesori, che sorgevano dalla boscaglia basse e larghe come isole dal mare.

In cima a un grande tumulo, fatto di roccia ruvida e irregolare, Evans iniziò a leggere ad alta voce. “‘C'è un'altra cosa meravigliosa nella regione che si chiama Bucit. C'è un mucchio di pietre’—Quindi menziona il tumulo—‘e una pietra posta sopra ha l'impronta di un cane. … Durante la caccia al maiale Troynt, Cabal, che era il cane del soldato Artù, batté il suo passo nella pietra, e in seguito Arthur raccolse pietre … e si chiama Carn Cabal.’”

Gli ometti hanno dominato queste colline deserte per millenni. Sarah Laskow

“Quindi,” disse, “dobbiamo trovare un'impronta.” Idealmente, un'impronta mitica e sovradimensionata appartenente al cane preferito di Re Artù, Cabal.

Le prime storie arturiane hanno una qualità ultraterrena, persino più strana della giocosa magia di Merlino, che è stata aggiunta alla leggenda in seguito. Sir Kay combatte giganteschi gatti marini e lupi mannari, può passare nove giorni e nove notti sott'acqua senza dormire o respirare. Un altro compagno, Bedwyr, è un bellissimo cavaliere con una mano sola con una lancia magica. Arthur ha uomini che possono risucchiare un mare, emettere scintille dai loro piedi, livellare una montagna, parlare ogni lingua e sentire una formica che si muove a 50 miglia di distanza. Uno, quando è triste, lascia cadere il labbro inferiore sotto la vita e gira il labbro superiore sopra la testa. Gwenhwyfar, la moglie di Arthur, è la figlia di un gigante e il galante, abile e adultero Lancillotto non si trova da nessuna parte.

Durante il XII e il XIII secolo questi racconti celtici viaggiarono in Francia, dove le storie più antiche scomparvero dalla leggenda di Artù e Lancillotto si unì alla corte, ora tradito dal romanzo cavalleresco. Secoli dopo, gli antiquari britannici del XIX secolo riscoprirono il vecchio Artù nei manoscritti medievali gallesi che, come il Storia, tratto da antiche tradizioni orali. Carn Cabal è legato al racconto della caccia a un cinghiale di nome Troynt (o Twrch Trwyth, Trwyd, Troit o Terit, a seconda di chi chiedi), che in realtà è un principe maledetto trasformato in un animale selvatico. Culhwch, cugino di Arthur, si innamora della figlia di un gigante e per sposarla deve completare 40 compiti impossibili, tra cui afferrare un paio di forbici, un pettine e un rasoio attaccato alla testa di Troynt.

La roccia conglomerata del tumulo presenta forme a forma di zampa. Sarah Laskow

Secondo l'elenco delle meraviglie, Cabal ha calpestato una pietra e ha lasciato un segno durante quell'inseguimento. Quella roccia è stata segnalata per l'ultima volta nel 1830 o 󈧬, quando Lady Charlotte Guest, linguista e studiosa di letteratura, inviò un signore senza nome qui a Carngafallt—the Rock of Cafall, una variante di Cabal—in cerca di esso. La montagna corrisponde al luogo descritto nella meraviglia.

Il gentiluomo di Lady Guest ha trovato quello che pensava potesse essere "l'oggetto identico di cui all'elenco delle meraviglie" una roccia pesante con un segno impressionante, lungo quattro pollici e profondo due, affondato in esso. "Qualche geologo privo di fantasia potrebbe persistere nel sostenere che questa impronta non è altro che la cavità lasciata dalla rimozione di un ciottolo arrotondato", ha scritto. C'è del vero in questa visione: quando i frammenti di questo conglomerato si staccano, lasciano spazi vuoti che possono assomigliare a un'impronta di zampa. Ma secondo i signori, “Una tale opinione non richiede quasi un'osservazione.”

Evans, sebbene formato in geologia, non è privo di immaginazione. Abbiamo iniziato a cercare la forma dell'impronta di un cane e in pochi minuti abbiamo trovato una mezza dozzina di candidati. Con "l'occhio della fede", come dice Evans, queste forme naturali sembravano distintamente di origine canina, sebbene nessuna fosse grande come quella descritta dal gentiluomo di Guest.

Un percorso attraverso le querce della Cornovaglia. Sarah Laskow

Quel signore ha scritto che un uomo potrebbe “senza alcun grande sforzo” portare via la roccia, e sembra che potrebbe aver fatto proprio questo. Ora questo luogo silenzioso, popolato principalmente da uccelli migratori, è protetto dallo sviluppo. Ma nei secoli passati gli ometti sono stati rotti, ogni tesoro rimasto all'interno è sparito da tempo. Un gentiluomo del XIX secolo potrebbe non aver esitato a rimuovere una roccia meravigliosa.

O forse l'uomo di Guest voleva metterlo alla prova. L'elenco delle meraviglie affermava anche che, se la pietra fosse stata spostata dal suo posto, sarebbe riapparsa in cima al tumulo il giorno successivo. Anche se quella magia fosse fallita, in questo luogo solitario, nessuno si sarebbe accorto che mancava la roccia.

“Quando ho ricominciato a dedicarmi alla prima poesia gallese, una delle cose che mi ha colpito è stata quanta parte della storia britannica fosse stata cancellata dai programmi scolastici,”, dice Evans. Sul suo sito web, scrive che le meraviglie della Gran Bretagna "funzionano da spilli, fissando la Gran Bretagna oggi a un paesaggio nascosto della mitologia dell'era oscura". Il cane gigante e il principe cinghiale maledetto potrebbero essere stati miti, ma i tumuli e le rocce butterate non lo sono. Le persone che vivevano qui mille anni fa pensavano che questo posto fosse speciale, così come le persone dell'età del bronzo migliaia di anni prima. Senza il testo che accenna a questi strati di storia, oggi sarebbe una piacevole riserva naturale, abbastanza bella ma priva del richiamo di un cimitero legato al leggendario re della Gran Bretagna.

Quando Historia Brittonum era stato scritto, il mondo celtico che descriveva stava già svanendo nell'oscurità. Y Gdoddin, un poema medievale datato più o meno allo stesso periodo, descrive uno degli ultimi tentativi dei britannici, nel VII secolo, di cacciare i Sassoni dalle loro terre. Qualunque sia il suo valore storico, "si tratta in realtà della cosa più britannica che sia mai stata scritta", afferma Evans. “Vanno a Edimburgo e si ubriacano per un anno intero, dicendo—alla fine, andremo a cacciare gli anglosassoni. Poi perdono. Perdono terribilmente. Gli inglesi hanno questa vera gioia per gli eroi che falliscono, e questo è il primo esempio

Nel IX secolo, l'influenza anglosassone si stava insinuando su tutta l'isola. Historia Brittonum stesso ne è la prova. Alcune delle fonti principali del testo sono inglesi, non gallesi, e sono le informazioni che provengono da quei resoconti anglosassoni che ora sono considerate le più affidabili. Nel tempo, ogni conferma della storia tramandata da fonti gallesi è andata perduta. Salvo una serie di scoperte a sorpresa di documenti perduti, i fatti completi di quei secoli medievali non saranno mai conosciuti con certezza.

I paesaggi possono resistere al tempo meglio dei record umani, ma alcune delle meraviglie sono state chiaramente perse per sempre. Uno stagno con diverse specie di pesci che popolano ogni angolo è probabilmente riempito. Un'isola settentrionale di uccelli nuotatori potrebbe riferirsi a una colonia di uccelli marini, ma non c'è alcun indizio su quale isola potesse essere. Un'altra meraviglia, la tomba miracolosa del figlio di Arthur, si trovava probabilmente una volta nella città di Wormelow Tump, ma nel XX secolo, forse anche prima, i locali hanno livellato il sostanziale tumulo funerario. Ora le uniche caratteristiche sono una stazione di servizio, un pub e una fermata dell'autobus.

Wormelow Tump è ora uno spazio senza caratteristiche. Sarah Laskow

In una mattinata di pioggia, Evans ed io siamo andati a vedere il sito dimenticato di Linn Liuan, un vortice che risucchiava il mare e poi lo faceva eruttare. L'elenco delle meraviglie indica che si trovava da qualche parte lungo il Severn, il fiume più lungo della Gran Bretagna.Dopo aver cercato su e giù per le sue sponde, Evans aveva perso la speranza di trovare il vortice, fino a quando un giorno nel 2006, quando ricevette un'e-mail da uno sconosciuto, John Nettleship, che aveva letto la descrizione online di Evans della meraviglia e aveva un'idea dove avrebbe potuto essere.

Nettleship, morto nel 2011, era stato un insegnante di chimica severo e irascibile, e si dice che uno dei suoi allievi, J.K. Rowling, ha modellato l'insegnante di pozioni di Severus Snape—di Harry Potter—dopo di lui. “Era molto secco,” dice Evans. “E discretamente socialmente consapevole.” Nettleship apparteneva a una piccola società storica, e descrisse strane caratteristiche geografiche note come i Whirlyholes, pozze ora secche che, secondo la tradizione locale, si svuotavano improvvisamente d'acqua, lasciando dietro di sé pericolose doline.

I record non hanno posizionato le pozze sul corso attuale del fiume, ma era il miglior vantaggio che Evans avesse trovato. Nettleship aveva iniziato a intervistare gli agricoltori locali e insieme hanno cercato nelle biblioteche locali e hanno esaminato vecchie mappe, alla ricerca di prove che un tempo i Whirlyholes fossero sul fiume. Il vicino villaggio di Caerwent era sul bordo del fiume, c'è anche un antico muro romano chiamato "muro del porto". Con l'aiuto di uno studente, Evans e Nettleship furono in grado di dimostrare che l'acqua una volta raggiunta la posizione di Whirlyholes’. La gente del posto ricordava di essere stata avvertita dei pericoli di queste piscine, che erano rimaste in uno stato diminuito fino agli anni '70. La loro descrizione dei fori corrispondeva anche all'intuizione di Evans sul vortice, che fosse collegato a grotte sotterranee che immagazzinano e rilasciano acqua, rendendo imprevedibile il deflusso. Nel 2008, quando hanno pubblicato le loro scoperte, Evans e Nettleship erano convinti di aver trovato la posizione più probabile della meraviglia.

La depressione dei Whirlyholes a destra di un cavalcavia. Sarah Laskow

Evans mi aveva avvertito che non ci sarebbe stato molto da vedere. Il fiume si è spostato nel tempo e un progetto infrastrutturale di epoca vittoriana ha alterato definitivamente l'idrogeologia dell'area. Ma fece strada lungo un sentiero e attraverso un affascinante arco fino a un sottopasso dell'autostrada, dove si erano radunati i cavalli per ripararsi dalla pioggia. Indicando oltre il campo, indicò una leggera rientranza nel terreno, un tuffo nel paesaggio che sarebbe difficile notare.

“Ora, come fai a sapere che era lì?”, disse Evans. “È un pezzo di terreno agricolo poco profondo.” Un vortice un tempo spettacolare era diventato un campo dove le pecore potevano pascolare in sicurezza.

Forse l'unica meraviglia della lista che mantiene uno status veramente esaltato è la famosa spa romana di Bath, che oggi è custodita da strade lastricate e catene di negozi internazionali invece di fango e pecore. A differenza delle altre, questa meraviglia ha un'audioguida, che spiega che i bagni sono stati "nascosti per la maggior parte dei 2000 anni in cui sono stati qui".

Nelle terme, sulle pareti delle stanze sono proiettate figure spettrali di rievocatori romani. Non c'è bisogno di immaginare il passato qui, poiché una figura fantasma riposa su una panchina o un'altra riceve un massaggio. La meraviglia naturale delle acque geotermiche che alimentano le terme è citata solo di sfuggita. E le meraviglie della Gran Bretagna non appaiono. È come se il periodo medievale non fosse mai accaduto. Nella versione audioguida del racconto, ci sono solo due momenti importanti della sua storia: quando i romani costruirono le terme e quando gli archeologi del XIX secolo le riscoprirono.

Stare in piedi sulle pietre vecchie di 2000 anni delle terme romane e immergere un dito nell'acqua minerale calda, trasmetteva un tocco di stupore. Ma l'esperienza di stare in piedi a Caerwent, guardando fuori dal muro del porto per vedere il percorso di un tempo del fiume Severn e trovando i tuffi dei vortici prosciugati, sebbene non spettacolare, aveva il suo potere. L'elenco delle meraviglie può fungere da decodificatore per il paesaggio, rivelando segreti in un sottopassaggio anonimo, un campo senza caratteristiche, un'intersezione ordinaria. Questi luoghi potrebbero sembrare senza storia, ma una volta erano straordinari.

Colline di erica primaverile e ginestre conducono agli ometti. Sarah Laskow

Non tutti hanno lo stesso entusiasmo di Evans nel calpestare sentieri sbiaditi nella campagna inglese e gallese. Lui lo sa. Ma aveva ragione quando ha detto che ne sarebbe valsa la pena. La prima notte che l'ho incontrato, prima di andare nei siti di Carn Cabal, Linn Liuan o del Pozzo d'Ossa, siamo andati a vedere il Severn Bore.

Un foro è un fenomeno di marea—a marea di piena si riunisce in un'onda che si precipita su una baia o un fiume, contro corrente. La forma del letto del fiume incanala la marea in arrivo lungo un sentiero che si restringe così rapidamente che l'acqua sale in un'onda che accelera il fiume, alla velocità di 13 miglia all'ora sul Severn. Queste onde possono essere drammatiche e i surfisti cercano di cavalcarle controcorrente. (Nel 2006, uno ha guidato la canna per 7,6 miglia, un record mondiale all'epoca.) La canna arriva solo una manciata di volte al mese, come ha fatto per secoli, anche se raramente con una forza che vale la pena vederla. La noia più potente di solito arriva intorno agli equinozi di primavera e autunno Io e Evans abbiamo visitato all'inizio di novembre, per una noia che si prevedeva avrebbe valutato tre stelle su cinque. Ma l'oste del nostro hotel, che ci aveva augurato ogni bene per la nostra “noiosa” avventura, ha detto che le onde sono imprevedibili. Un predetto quattro stelle potrebbe passare con un lamento, un tre stelle potrebbe rombare come un pacco di motociclette su un'autostrada di montagna.

Il Severn Bore. Libreria di immagini della galassia/ Alamy

Il fiume Severn si snoda attraverso il paesaggio in lunghe curve a S, quindi è possibile vedere il foro più volte mentre risale il fiume. Il primo posto in cui abbiamo aspettato di vederlo, vicino a Bristol, il fiume si allargava e le sponde di fango scuro erano basse nell'acqua. In lontananza, le luci della città brillavano e i fuochi d'artificio di Guy Fawkes Night spuntavano di tanto in tanto sull'acqua ferma.

Dopo molto tempo, ho sentito un rombo in lontananza, come il motore di un aereo attutito, che diventava sempre più forte.

"È piuttosto spaventoso, vero?" ha detto Evans. “Come uno tsunami.”

Abbiamo sentito il suono dell'acqua che lambiva la riva diventare agitato. Poi un'onda inconfondibile e di buone dimensioni, che solca l'acqua.

Risalimmo il fiume e in pochi minuti eravamo in piedi su una curva dove un pub stava sparando a tutto volume Journey’s “Don’t Stop Believin’.” La canna si avvicinò di nuovo, questa volta come una linea tracciata attraverso il fiume, incredibilmente diritta. L'onda era più alta e più veloce: prima, il fiume era piatto, nero e vitreo e poi, un attimo dopo, tre o quattro piedi più alto, ruvido e aggressivo. Era come guardare due paesaggi diversi contemporaneamente, una serie di foto prima e dopo unite insieme.

“Vuoi vedere se riusciamo a prenderlo più indietro?” disse Evans.

Eravamo di nuovo fuori, come gli uomini di Arthur che inseguono il cinghiale incantato, vertiginosi e intenti. Abbiamo tirato fuori una strada fiancheggiata da siepi, il fiume proprio dall'altra parte, qui più stretto. Dove la strada si allontanava dal fiume, trovammo un sentiero che portava a una pausa tra gli alberi. Di nuovo arrivò un basso rombo torbido in un crescendo.

“È sempre più spaventoso man mano che diventa più rumoroso, le onde proprio sul bordo, che si infrangono contro quello …” Evans stava dicendo, quando il foro ha girato l'angolo, si è schiantato contro la curva di terra dove ci trovavamo, e ingrandito il fiume. L'acqua si è precipitata lungo la sponda, ed entrambi ci siamo arrampicati indietro dal bordo prima che l'ondata potesse trascinarci dentro. Sembrava pericoloso, nella notte buia, vicino al fiume fangoso e freddo, troppo vicino a un'onda abbastanza potente da abbattere una persona e strapparli via.

Questa noia non sarebbe stata una sorpresa per le persone medievali. Molte delle meraviglie della Gran Bretagna erano alberi, rocce e sorgenti perché quelle caratteristiche naturali dominavano il paesaggio. Viaggiare significava trascorrere lunghi tratti su strade che portavano lontano dai luoghi umani, oa seconda dei ritmi del fiume. Avrebbero seguito le maree e avrebbero saputo quando il foro sarebbe arrivato, anche se era debole quando pensavano che sarebbe stato forte, ruggendo quando si aspettavano che fosse sottomesso. Come qualsiasi cosa selvaggia, può essere studiata e meglio conosciuta, ma rimane per certi versi imprevedibile. Mille anni dopo che le meraviglie della Gran Bretagna sono state registrate, hanno ancora il potere di sorprendere. Non ho mai visto nulla di simile.


Quando il vecchio incontra Van Gogh, ottieni Arles e Avignone

L'altro giorno ho comprato una maglietta da H&M. Dopo un lavaggio, due bottoni sono caduti e una cucitura si è strappata. Pensavo di poterlo recuperare, ma l'ho indossato e si è immediatamente disintegrato in polvere.

Sembra che nella nostra moderna cultura usa e getta, gli oggetti realizzati in questi giorni non siano progettati per durare molto a lungo (a meno che tu non abbia una Toyota quelle cose dureranno per sempre).

Sono contento che ingegneri storici, artisti, architetti e tutti gli altri che hanno documentato il loro lavoro del passato non abbiano adottato lo stesso atteggiamento che abbiamo oggi. Grazie a loro, io e il mister abbiamo sperimentato le bellezze di Avignone e di Arles.

Come Le Palais de Papes, patrimonio mondiale dell'UNESCO ad Avignone. Ha ospitato diversi papi nel suo tempo e si trova ancora oggi, un bel ricordo che Avignone ha davvero conservato il suo antico patrimonio.

Le Palais de Papes

Le Palais des Papes

O l'Anfiteatro di Arles, una struttura romana splendidamente restaurata. Come è ancora in piedi, non lo saprò mai. Ma immaginare che combattimenti di gladiatori di proporzioni gigantesche abbiano avuto luogo proprio in questo colosseo dove ora vengono eseguiti i concerti estivi è sorprendente.

Anfiteatro di Arles

Arles di notte, tres belle.

L'Anfiteatro è stato creato a causa di alcune pratiche di lavoro molto crudeli di epoca romana. Ma quelle crudeli pratiche lavorative costringevano le persone a costruire e scolpire con le proprie mani, mettendo vera grinta e passione in ogni mattone e pietra.

Lo stesso si potrebbe dire per gli artisti e le professioni dell'epoca.

Prendi le opere d'arte di Van Gogh. Van Gogh era un uomo profondamente turbato, come tendono ad essere alcuni artisti non apprezzati. Era così incredibilmente turbato che si è tagliato l'orecchio - TAGLIATO L'ORECCHIO! Van Gogh diede il suo orecchio a una prostituta vicina e chiese alla povera donna (che probabilmente pensava di aver visto tutto finché non vide un orecchio nella sua mano) di tenerlo al sicuro. Mi piacerebbe pensare che una testa sarebbe il posto più sicuro dove tenere un orecchio, ma Van Gogh ha un sistema per il suo caos.

Nei suoi sforzi per ritrovare se stesso, ha finito per dipingere praticamente tutti i paesaggi panoramici di Arles e un paio di parti della vicina Avignone. Li abbiamo catturati in foto e siamo rimasti sorpresi e sbalorditi dal fatto che quei paesaggi siano rimasti intatti.

Le Cafe La Nuit, grazie Van Gogh

O, buongiorno, l’artista Van Gogh

Grazie a Van Gogh, alla sua disperazione, ai suoi guai e alla sua arte diligentemente folle, abbiamo una cronaca straordinaria nella storia. E grazie ai ragazzi che hanno costruito l'Anfiteatro. Molti di loro probabilmente morirono e ricevettero una degna sepoltura all'interno dei mattoni. Ma la ferocia di Roma ha creato alcune bellissime attrazioni turistiche. Mi chiedo come la nostra generazione catturerà gli eventi del nostro tempo. Immagino che abbiamo Facebook per questo.

Vicoli stretti di Arles

Ami Van Gogh, ma odi l'arte? Odi l'arte, ma ami Van Gogh? Facci sapere!

CHIEDENDO cosa succederà dopo? Unisciti a noi nella nostra prossima avventura via e-mail! Andare fuori di testa!
Puoi anche seguire questo blog su Bloglovin!


Miltos, la polvere magica del mondo antico - Storia

La piramide di Giza

L'antica piramide di Giza

Chi ha costruito la Grande Piramide e come l'hanno costruita? Sin dai tempi più antichi la "Grande Piramide" di Giza (Arab. Al Jizah) insieme alle sue altre 2 piramidi principali sono state considerate una delle meraviglie del mondo.

Una delle meraviglie del mondo antico
La Grande Piramide è ancora tra le strutture più grandi del mondo, alta quasi quanto un grattacielo di 50 piani. Le 3 piramidi principali furono costruite come tombe per 3 faraoni egizi, considerati divinità sulla terra. La prima e più grande piramide, conosciuta come la Grande Piramide, era una tomba del faraone Khufu (Cheope per i greci), che governò la IV dinastia intorno al 2575 a.C., che sarebbe stata secoli prima di Abramo, il primo ebreo. Ma la vera meraviglia di questa Grande Piramide erano le sue enormi dimensioni.

"Stiamo parlando di una società in cui non avevano macchine fotografiche, non si vedevano grandi immagini. E così ecco queste cose stupende, gigantesche, sollevate verso il cielo, levigate pietre calcaree, ardenti al sole. e c'è Khufu, la cosa più grande del pianeta in realtà in termini di costruzione fino alla fine del secolo, il nostro secolo. E vedi, per la prima volta nella tua vita, non poche centinaia, ma migliaia. di lavoratori e persone e industrie di ogni tipo." - Mark Lehner

Dimensioni e descrizione
La vera piramide esiste solo in Egitto, sebbene il termine sia stato applicato anche a strutture simili in altri paesi. La Grande Piramide è alta 480 piedi con una base di 750 piedi in ogni direzione che forma un quadrato nella parte inferiore. La piramide contiene circa 2.300.000 singoli blocchi di pietra ciascuno del peso medio di oltre 2,5 tonnellate, con alcuni che pesano più di 16 tonnellate e le lastre del tetto in granito della camera funeraria di Cheope pesano oltre 50 tonnellate. Le pietre formano una scala gigante con ogni gradino alto fino alla vita. Le fondamenta sotto la piramide sono solide rocce. Oggi la città del Cairo si estende molto vicino alle piramidi ma anticamente si stagliava nel deserto. Originariamente le pietre erano incassate in un brillante calcare bianco lucido che le conferiva un aspetto scintillante tanto che uno storico greco di nome Diodoro Siculo, vissuto nel I secolo a.C., disse:

"Le piramidi. dall'immensità dell'opera e dalla maestria della loro costruzione colpiscono chi le vede con stupore e timore."

Un capolavoro di ingegneria
Khufu è forse il più grande edificio singolo mai eretto dall'umanità. I suoi lati si elevano con un angolo di 51,52' e sono accuratamente orientati ai quattro punti cardinali della bussola. La Grande Piramide è un capolavoro di abilità tecnica e abilità ingegneristica. La precisione geometrica del suo layout e l'accuratezza della sua lavorazione della pietra sono davvero sorprendenti, soprattutto se si considerano le proporzioni colossali delle sue dimensioni massicce e il peso dei blocchi utilizzati. I muri interni e le pietre di rivestimento esterno che rimangono ancora al loro posto, alcune delle quali pesano fino a 16 tonnellate, mostrano giunture più fini di qualsiasi altra muratura costruita forse in tutto il mondo. Le pietre dell'involucro che sono state tagliate e incastonate su misura, l'una sull'altra, con così tanta precisione che non è possibile inserire una lama di coltello tra le giunture sono davvero sorprendenti.

Chi ha costruito le piramidi e come è stato costruito?
La domanda su chi abbia costruito le piramidi, e come, è stata a lungo dibattuta da egittologi e storici e non esiste davvero una risposta completamente soddisfacente. Secondo il primo storico conosciuto dell'età delle piramidi egiziane, l'antico storico greco Erodoto (V sec. a.C.), la Grande Piramide impiegò 20 anni per essere costruita e richiese il lavoro di 100.000 uomini, eppure è difficile credere che qualcuno di questi enormi monumenti avrebbero potuto essere costruiti durante la vita di un faraone. Anche l'antico Erodoto era ancora 2200 anni dopo l'effettiva costruzione delle piramidi.

Cosa hanno scoperto gli archeologi
Gli archeologi hanno cercato di risolvere l'enigma di dove vivevano i forse 100.000 lavoratori che hanno costruito le piramidi. Una volta trovata l'area in cui vivono i lavoratori, possono saperne di più sulla forza lavoro, sulla loro vita quotidiana e forse da dove provengono. Così sono stati scoperti gli insediamenti dei campi, sono stati trovati panifici per nutrire i lavoratori, così come cimiteri, strumenti, iscrizioni geroglifiche, nomi degli artigiani, sorveglianti, ispettori, 25 nuovi titoli unici e altro ancora. Hanno anche trovato 600 scheletri di egiziani, alcuni dei quali avevano ricevuto cure mediche di emergenza essendo stati feriti mentre lavoravano alla piramide. Ci sono anche prove che questi lavoratori lavorassero tutto l'anno, visto che, secondo le loro convinzioni, gli veniva assicurato un certo posto nell'aldilà. Il loro duro lavoro per il loro re e faraone avrebbe giovato anche al futuro e alla prosperità dell'Egitto nel suo insieme.

Secondo MARK LEHNER, archeologo, Istituto orientale dell'Università di Chicago e Museo semitico di Harvard,

"Tutto quello che ho visto (a Giza) mi ha detto, giorno dopo giorno, anno dopo anno, che erano molto umani e che i segni dell'umanità sono ovunque su di loro. il mio rispetto aumenta per quelle persone e quella società, che potrebbero farlo. è un lavoro molto impressionante, straordinario per le persone che vissero allora e là, ma si potrebbe fare. Sono monumenti umani."

Hanno trasportato questi blocchi con buoi e bande di uomini con vari nomi di gruppo come: "boat Gang," Vigourous Gang," "North Gang,", Friends of Khufu Gang,", "Powerful Gang,", ecc. Lo sappiamo perché questi nomi sono ancora segnati su alcuni dei blocchi. Nessuno di questi nomi indica che fossero schiavi, ma piuttosto erano devoti lavoratori per Khufu, che credevano fosse dio sulla terra. Ci sono anche prove che questi lavoratori dovevano anche una tassa sul lavoro, eppure ruotavano da dentro e fuori la forza lavoro. Quindi sembra che i costruttori fossero egiziani come affermato da ZAHI HAWASS, Direttore Generale di Giza:

"C'è supporto (che) i costruttori delle piramidi erano egiziani. Non sono gli ebrei come è stato detto, non sono persone di una civiltà perduta. Non sono fuori dallo spazio. Sono egiziani e i loro scheletri sono qui, e sono stati esaminati da studiosi, medici e la razza di tutte le persone che abbiamo trovato confermano completamente che sono egiziani."


Gli attrezzi
È interessante che la ruota non sia stata inventata per alcuni secoli dopo, ma con strumenti primitivi gli egizi dovettero cavare e tagliare a misura i massicci blocchi di roccia. In questo periodo gli egiziani conoscevano solo 2 leghe, oro e rame. Poiché l'oro era troppo tenero, usavano strumenti di rame, come una sega, uno scalpello e un trapano, (affilati dai molti metalmeccanici) con robusti manici di legno, e altri. Ecco alcuni degli strumenti scoperti:

Scalpelli di rame. Poiché l'oro era l'unico altro metallo disponibile, scelsero il rame più forte per la fabbricazione degli utensili. Hanno martellato con palline di roccia di granito dolerite e mazze di legno in granito per dividere il substrato roccioso.

Seghe di rame. Questi erano usati per tagliare i blocchi di pietra tenera. Hanno anche segato in grandi pali di legno che sono stati usati per far leva sui blocchi in posizione.

Ascia con una lama di rame. Lo usavano come un piano e per levigare gli oggetti e modellarli alla finitura corretta.

Trapani in rame. Questi sono stati filati da spago attaccato a una traversa che è stata mossa avanti e indietro come un arco. Erano anche usati per realizzare mobili e altri strumenti.

Dove hanno preso le pietre?
HAWASS afferma che:

"Tutte le pietre sono state prese dall'altopiano, eccetto le pietre dell'involucro che provenivano da Tura e il granito nella camera funeraria che proveniva da Assuan."

Hanno estratto i blocchi (principalmente calcare) e li hanno rivestiti a misura. Il bel calcare bianco proveniva da Tura, a circa 8 miglia di distanza dall'altra parte del Nilo. Il granito proveniva dalle cave di Assuan, circa 600 miglia a monte. In alcuni di questi siti ci sono evidenti segni lasciati nella roccia. Usavano gli scalpelli di rame, indurito e temprato dal calore e dalla tempra, per farsi strada nel calcare, separando gradualmente blocco dopo blocco dalla parete rocciosa. Il calcare è una roccia sedimentaria che si spaccherà lungo i suoi strati, mentre il granito, essendo una roccia ignea, doveva essere riscaldato dal fuoco con un'improvvisa colata di acqua fredda che avrebbe causato la rottura delle imperfezioni lasciando al di sotto il granito della migliore qualità.

Livellamento del sito.
Non avevano livelli come quelli che abbiamo oggi e sapendo che l'acqua trova il suo livello, avrebbero fatto scorrere un canale intorno alla collina pieno d'acqua, e poi avrebbero scavato molti altri canali avanti e indietro e poi li avrebbero riempiti di rocce e sabbia.

Come è stato allevato?
La risposta più plausibile è che gli Egiziani, che non avevano paranchi e pulegge per sollevare pesi pesanti, impiegavano un terrapieno inclinato di mattoni, terra e sabbia, che aumentava in altezza e in lunghezza man mano che si alzava la piramide e su cui venivano sollevati i blocchi di pietra. trainato mediante slitte, rulli e leve. Avrebbero potuto usare una rampa o 4 (una per ogni angolo).

Rivolto a nord, sud, est e ovest.
Erano molto particolari riguardo alla direzione in cui sarebbe stata rivolta la piramide. Gli astronomi egizi avevano un'incredibile abilità nell'allineare i lati delle piramidi su una particolare stella che fa sì che i lati siano rivolti quasi esattamente a nord, sud, est e ovest. Poiché gli egiziani erano noti per la loro abilità in matematica, avevano familiarità con i triangoli e che un triangolo con i lati di 3, 4 e 5 unità avrebbe prodotto automaticamente un angolo retto e usando quadrati simili a quelli che usano oggi i costruttori e i muratori assicurandosi che gli angoli erano perfettamente squadrati. Il lavoro dei topografi è stato così brillante che i lati della Grande Piramide non hanno una lunghezza diversa di più di 7 pollici su 750 piedi. Un capolavoro di ingegneria. Lo studio della camera funeraria e di come fu sepolto il Faraone dovrà venire in seguito.

Non c'è dubbio che molti dei personaggi menzionati nella Bibbia abbiano visto la Grande Piramide di Giza una volta o l'altra.

Clic qui per vedere un'immagine 3D della grande Piramide.

Egitto nel dizionario biblico di Smith

Egitto
(terra dei copti), un paese che occupa l'angolo nord-est dell'Africa. I suoi limiti sembrano essere sempre stati quasi gli stessi. Confina a nord con il Mar Mediterraneo, a est con la Palestina, l'Arabia e il Mar Rosso, a sud con la Nubia e a ovest con il Grande Deserto. È diviso in Alto Egitto -la valle del Nilo -e Basso Egitto, la pianura del Delta, dalla lettera greca è formata dalle foci ramificate del Nilo e dal Mar Mediterraneo. Le porzioni rese fertili dal Nilo comprendono circa 9582 miglia geografiche quadrate, di cui solo circa 5600 sono coltivate. --Enc. Brit. Il Delta si estende per circa 200 miglia lungo il Mediterraneo e l'Egitto è lungo 520 miglia da nord a sud dal mare alla Prima Cataratta. NOMI. --Il nome comune dell'Egitto nella Bibbia è "Mizraim". È nel numero duale, che indica le due divisioni naturali del paese in una regione superiore e una inferiore. Il nome arabo dell'Egitto --Mizr-- significa "fango". L'Egitto è anche chiamato nella Bibbia "la terra di Cam", Sal 105:23,27 comp. Sal 78:51 Articolo completo

Scrittura egizia nell'enciclopedia biblica - ISBE

Egitto
4. Quattro visioni della vita futura:
La religione dell'Egitto è un argomento enorme, e quello per cui l'Egitto è forse più conosciuto. Qui possiamo solo dare un abbozzo della sua crescita e delle sue suddivisioni. Non c'è mai stata una religione in Egitto durante i tempi storici. C'erano almeno quattro religioni, tutte incompatibili e tutte in cui si credeva contemporaneamente in vari gradi. Le diverse religioni possono essere meglio viste separatamente dalla loro incongruenza riguardo alla vita futura.
(1) I morti vagavano per il cimitero in cerca di cibo e venivano in parte nutriti dalla dea nel sicomoro. Avevano quindi bisogno di avere piatti di cibo e orci d'acqua nella tomba, e forniti perennemente dai loro discendenti davanti alla porta della tomba. In un caso, il defunto è rappresentato mentre guarda su questa porta. Qui è entrato in gioco il grande principio di sostituzione. Al cibo, sostituisci la sua immagine che non può decadere, e ne risulta la tavola intagliata delle offerte. Per la fattoria degli animali, sostituisci la sua immagine scolpita sui muri e il risultato delle sculture di animali. Per la vita della famiglia, sostituisci le loro figure scolpite facendo tutto ciò che si voleva, sacrificando e servendo, e ne risultavano le sculture di famiglia. Per la casa, sostituisci un modello sulla tomba e le case dell'anima in ceramica appaiono con i loro mobili e provviste. Per i servi, metti le loro figure a fare i lavori domestici, e il loro servizio è eterno. Per il maestro stesso, metti l'immagine più realistica che possa essere fatta, e la sua anima la occuperà come una casa riposante adatta ad essa. Questo principio è ancora creduto. Le offerte funebri di cibo sono ancora messe anche nelle tombe musulmane, e una donna visiterà una tomba e, rimuovendo una tegola, parlerà attraverso un buco con il marito morto.
(2) I morti andarono nel regno di Osiride, al quale furono ammessi solo i buoni, mentre i malvagi furono respinti e consumati o dai mostri o dal fuoco. Questo regno celeste era un duplicato completo della vita terrena. Hanno piantato e raccolto, fatto sport e giocato. E come la felicità egiziana consisteva nel far lavorare altri per loro, così ogni uomo era provvisto di un seguito di servi per coltivare la terra per lui. Queste figure ushabti in tempi successivi di solito sono 400, e spesso 1 su 10 di loro è vestito come un sovrintendente. Per animarli va recitato un capitolo speciale del Libro dei Morti, e questo, più o meno abbreviato, è spesso iscritto sulle figure.
(3) I morti si unirono alla compagnia degli dei immortali, che galleggiano sull'oceano celeste nella barca del sole. Con loro devono affrontare i terrori delle ore notturne in cui il sole attraversa gli inferi. Sono necessari lunghi amuleti e indicazioni per la sicurezza in questo passaggio, e questi costituiscono gran parte delle prove funerarie, specialmente sulle Tombe dei Re nelle Dinastie XVIII-XXI. Per raggiungere la barca del sole bisogna fornire una barca nella tomba, con i suoi marinai e vele e remi. Tali sono frequenti dalle dinastie VI-XIII.
(4) I morti venivano portati via dalla mucca Hathor, o da un toro, in attesa di una resurrezione corporea. Al fine di preservare il corpo per un po' di vita dopo l'età attuale, ogni parte deve essere protetta da un amuleto appropriato, quindi sul corpo sono stati collocati dozzine di amuleti diversi, in particolare dal 600 al 400 a.C. circa.
Ora si vedrà che ognuna di queste credenze contraddice le altre tre, e rappresentano, quindi, origini religiose diverse.
5. Quattro gruppi di divinità:
La mitologia è similmente varia, ed è stata unificata unendo dèi analoghi. Quindi, quando vediamo i composti come Ptah-Sokar-Osiride, o Amen-Ra o Osiris-Khentamenti, è chiaro che ogni dio del composto appartiene a una religione diversa, come Pallade-Atene o Zeus-Labrandeus, in greco composti. Per quanto possiamo vedere attualmente, gli dei collegati a ciascuna delle credenze sull'anima sono i seguenti:
(1) L'anima nelle tombe e nel cimitero.
A questa credenza appartengono gli dei animali, che formano il primo strato della religione anche Sokar, il dio del "Silenzio", e Mert Sokar, "l'Amante del Silenzio", come gli dei dei morti. Con questo si alleò la credenza nell'anima che a volte andava a ovest, e quindi, Khent-amenti, un dio dalla testa di sciacallo, "quello che è a ovest", divenne il dio dei morti.
(2) L'Anima nel Regno dei Cieli.
Osiride è il signore di questo regno, Iside sua sorella-moglie, Horus loro figlio, Nebhat (Nephthys) la sorella di Iside e Set suo marito. Anche Set era considerato uguale a Horus. Tutta questa mitologia deriva probabilmente dalla fusione di tribù che erano originariamente monoteiste e che ciascuna adorava una di queste divinità. È certo che le parti successive di questa mitologia sono la storia tribale, considerata come le vittorie e le sconfitte degli dei che le tribù adoravano.
(3) L'anima nella barca del sole.
Ra era il dio del sole, e in altre forme adorato come Khepera e Atmu. Gli altri dei cosmici dello stesso gruppo sono Nut, il cielo, e suo marito Geb, la terra Shu, lo spazio, e sua sorella Tefnut. Anher il dio del cielo appartiene all'Alto Egitto.
(4) La mummia con amuleti, conservata per una vita futura.
Probabilmente a questo gruppo appartengono gli dei dei principi, Hathor il principio femminile Min il principio maschile Ptah l'architetto e creatore dell'universo sua sposa Maat, verità astratta e giustizia. Articolo completo

La Bibbia menziona spesso "l'Egitto"

Esodo 34:18 - Osserverai la festa degli azzimi. Per sette giorni mangerai pane azzimo, come ti ho comandato, nel tempo del mese di Abib, perché nel mese di Abib sei uscito da Egitto.

Genesi 46:7 - I suoi figli e con lui i figli dei suoi figli, le sue figlie e le figlie dei suoi figli e tutta la sua progenie portò con sé in Egitto.

Geremia 2:18 - E ora cosa hai da fare nel modo di Egitto, per bere le acque di Sihor? o che cosa hai da fare sulla via dell'Assiria, per bere le acque del fiume?

Geremia 44:14 - In modo che nessuno del rimanente di Giuda, che è andato nel paese di Egitto dimorare là, scamperanno o rimarranno, per tornare nel paese di Giuda, al quale desiderano tornare per abitarvi: poiché nessuno tornerà se non quelli che scamperanno.

Isaia 19:22 - E il SIGNORE colpirà Egitto: lo colpirà e lo guarirà: ed essi ritorneranno [anche] al SIGNORE, ed egli sarà trattato da loro, e li guarirà.

2 Re 17:4 - E il re d'Assiria trovò una congiura in Osea: poiché aveva inviato messaggeri a So, re di... Egitto, e non portò alcun regalo al re d'Assiria, come [aveva fatto] di anno in anno; perciò il re d'Assiria lo fece rinchiudere e lo fece mettere in prigione.

Esodo 23:15 - Osserverai la festa degli azzimi: (mangerai pane azzimo per sette giorni, come ti ho comandato, nel tempo fissato del mese di Abib perché in esso sei uscito da Egitto: e nessuno mi comparirà vuoto :)

Esodo 10:13 - E Mosè stese la sua verga sul paese di Egitto, e l'Eterno mandò un vento d'oriente sulla terra tutto quel giorno, e tutta quella notte [e] quando fu mattina, il vento d'oriente portò le locuste.

Esodo 9:25 - E la grandine colpì tutto il paese di Egitto tutto ciò che [era] nel campo, uomini e bestie e la grandine percosse ogni erba del campo, e spezzò ogni albero del campo.

Geremia 44:30 - Così dice il SIGNORE Ecco, io darò a Faraone Hofra re di... Egitto nelle mani dei suoi nemici e nelle mani di quelli che cercano la sua vita, come ho dato Sedekia, re di Giuda, nelle mani di Nebukadnetsar, re di Babilonia, suo nemico, e che hanno cercato la sua vita.

Ezechiele 20:5 - E di' loro: Così parla il Signore, l'Eterno, nel giorno in cui scelsi Israele e alzai la mano verso la stirpe della casa di Giacobbe e mi feci conoscere a loro nel paese di Egitto, quando ho alzato la mia mano verso di loro, dicendo: Io [sono] il SIGNORE, il tuo Dio

Numeri 11:18 - E di' al popolo: Santificatevi per domani e mangerete carne, perché avete pianto agli orecchi del Signore, dicendo: Chi ci darà carne da mangiare? perché [era] bene con noi in Egitto: perciò il SIGNORE vi darà carne e voi ne mangerete.

1 Re 8:16 - Dal giorno che ho fatto uscire il mio popolo Israele da Egitto, non ho scelto nessuna città di tutte le tribù d'Israele per costruire una casa, affinché il mio nome potesse essere lì, ma ho scelto Davide per essere sopra il mio popolo Israele.

Giosuè 5:6 - Poiché i figli d'Israele camminarono quarant'anni nel deserto, finché tutto il popolo [che era] uomini di guerra, che uscì Egitto, furono consumati, perché non avevano ubbidito alla voce del SIGNORE: ai quali il SIGNORE aveva giurato di non mostrare loro il paese che il SIGNORE aveva giurato ai loro padri di dare a noi, un paese dove scorre latte e miele.

Geremia 43:11 - E quando verrà, colpirà la terra di Egitto, [e consegna] quelli [come sono] per la morte alla morte e quelli [come sono] per la cattività in cattività e quelli [come sono] per la spada alla spada.

Genesi 47:6 - La terra di Egitto [è] davanti a te nel migliore del paese, fa' abitare tuo padre e i tuoi fratelli nel paese di Gosen, lasciali abitare; e se conosci fra loro [qualcuno] degli uomini attivi, allora rendili capi del mio bestiame.

Ezechiele 29:12 - E farò la terra di Egitto desolato in mezzo ai paesi [che sono] desolati, e le sue città fra le città [che sono] devastate saranno desolate per quarant'anni; e io disperderò il Egittoians tra le nazioni, e li disperderà attraverso i paesi.

Esodo 12:42 - [È] una notte da osservare molto per il SIGNORE per averli fatti uscire dal paese di Egitto: questa [è] quella notte del SIGNORE che sarà osservata da tutti i figli d'Israele nelle loro generazioni.

Deuteronomio 16:1 - Osserva il mese di Abib e celebra la Pasqua in onore del Signore tuo Dio: perché nel mese di Abib il Signore tuo Dio ti ha fatto uscire dal Egitto di notte.

Deuteronomio 17:16 - Ma non moltiplicherà i cavalli a se stesso, né farà tornare il popolo a Egitto, al fine di moltiplicare i cavalli: poiché il SIGNORE vi ha detto: D'ora in poi non ritornerete più per quella via.

Giosuè 24:4 - E diedi a Isacco Giacobbe ed Esaù: e diedi a Esaù il monte Seir, per possederlo, ma Giacobbe e i suoi figli scesero in Egitto.

Giudici 6:8 - Che il SIGNORE mandò un profeta ai figli d'Israele, il quale disse loro: Così dice il SIGNORE, Dio d'Israele: Io vi ho fatto salire da Egittoe ti ho fatto uscire dalla casa di schiavitù

Genesi 41:36 - E quel cibo sarà per immagazzinare nel paese contro i sette anni di carestia, che saranno nel paese di Egitto che la terra non perisca per la carestia.

Deuteronomio 13:5 - E quel profeta, o quel sognatore, sarà messo a morte perché ha parlato per allontanarti dal Signore tuo Dio, che ti ha fatto uscire dal paese di Egitto, e ti ho riscattato dalla casa di schiavitù, per cacciarti dalla via per la quale l'Eterno, il tuo DIO, ti aveva comandato di camminare. Così toglierai il male di mezzo a te.

Giosuè 24:32 - E le ossa di Giuseppe, che i figli d'Israele hanno tratto fuori da Egitto, li seppellirono a Sichem, in un appezzamento di terra che Giacobbe acquistò dai figli di Camor, padre di Sichem, per cento pezzi d'argento: e divenne eredità dei figli di Giuseppe.

Giosuè 5:5 - Ora tutto il popolo che uscì fu circonciso: ma tutto il popolo [che nacque] nel deserto lungo la via, come uscì dal Egitto, [loro] non avevano circonciso.

Genesi 45:23 - E a suo padre mandò dopo questo [modo] dieci asini carichi delle cose buone di Egitto, e dieci asine cariche di grano e pane e carne per suo padre lungo la strada.

Esodo 8:17 - E così fecero perché Aaronne stese la mano con la sua verga e percosse la polvere della terra, e nell'uomo divenne pidocchio, e nella bestia tutta la polvere del paese divenne pidocchio in tutto il paese di Egitto.

Ezechiele 30:6 - Così dice il SIGNORE Anche quelli che sostengono Egitto cadrà e l'orgoglio della sua potenza scenderà: dalla torre di Siene cadranno in essa per la spada, dice il Signore, l'Eterno.

2 Cronache 6:5 - Dal giorno che ho fatto uscire il mio popolo dalla terra di Egitto Non ho scelto alcuna città tra tutte le tribù d'Israele per costruire una casa, affinché il mio nome fosse lì, né ho scelto alcun uomo per essere un capo sul mio popolo Israele.


Bibliografia sull'antico culto di Baal

Elia, Yahweh e Baal di Gunkel e Hanson, 106 pagine, Pub. 2014


Scimpanzé: intelligenti, sociali e violenti

Gli scimpanzé sono uno dei nostri parenti viventi più stretti e condividono molti degli stessi tratti degli umani. Sono creature molto intelligenti e sociali, ma sono anche capaci di estrema violenza.

Orche: fatti sulle orche

Di Alina Bradford, Patrick Pester

Le orche, o orche assassine, sono le più grandi della famiglia dei delfini.

Panda giganti: fatti sui carismatici orsi bianchi e neri

I panda giganti, noti per i loro segni distintivi e le personalità giocose, sono considerati il ​​tesoro nazionale della Cina.

Foto: gli 8 luoghi più freddi della Terra

Locali con raffreddore da record.

Galleria fotografica: crepe del ghiacciaio di Pine Island in Antartide

Il ghiacciaio di Pine Island, il ghiacciaio più lungo e più veloce dell'Antartide, ha generato diversi iceberg, come si può vedere in una serie di foto.

I 25 reperti archeologici più misteriosi sulla Terra

Di Heather Whipps, Elizabeth Peterson

Queste scoperte hanno lasciato perplessi gli scienziati e catturato l'immaginazione.

Arriva Matthew: l'approdo di un enorme uragano catturato dai satelliti

Un satellite della NASA segue l'approccio dell'uragano Matthew verso Haiti.

Hawaii: rivelate le barriere coralline di "Twilight Zone"

Nelle profonde barriere coralline al largo delle Hawaii ci sono pesci che non si trovano da nessun'altra parte sulla Terra.

Scoperta la grotta sottomarina più profonda del mondo

La grotta ceca è stata esplorata per la prima volta dai subacquei nel 1999, ma ora l'abisso è stato raggiunto da un veicolo robotico e ne è stata misurata la profondità. Ora è il più profondo del mondo.

L'inquinamento luminoso sta svegliando presto gli alberi per la primavera

L'inquinamento luminoso strisciante può colpire piante e animali.

Nave "Boaty McBoatface" intitolata a David Attenborough

Una nave da ricerca destinata a solcare i mari polari è stata onorata con il nome Sir David Attenborough, anche se il nome preferito dal pubblico, Boaty McBoatface, continuerà a vivere.

Quali sono le cause dei fulmini vulcanici inquietanti?

Gli scienziati hanno scoperto che i fulmini che lampeggiano nel cielo durante le eruzioni vulcaniche derivano sia dalla cenere che dal ghiaccio.

Oasi d'acqua dolce: 10 splendidi laghi in cui puoi nuotare

Cerchi un buon modo per rinfrescarti quest'estate? Prova a saltare in un lago d'acqua dolce.

I ruggiti vulcanici in lontananza rivelano i pericoli delle eruzioni

Il ruggito di un vulcano in eruzione su una remota isola dell'Alaska rivela importanti dettagli sull'esplosione, come le sue dimensioni e la sua posizione, secondo un nuovo studio. E ora gli scienziati stanno ascoltando.

12 Supereruzioni Pockmark Path of Yellowstone Hotspot

Fino a 12 massicce esplosioni vulcaniche si sono verificate tra 8 milioni e 12 milioni di anni fa nella pianura del fiume Snake in Idaho, portando all'odierno supervulcano Yellowstone, rivela una nuova ricerca.

La rana "Wasteland" si adatta a una miniatura, cinguetta come un grillo

Una specie di rana appena descritta è così piccola che può sedersi comodamente sulla punta del pollice e ha un richiamo caratteristico che suona come il cinguettio di un grillo.

Il primo oceano della Terra non era un mare bollente

Le profondità infuocate della terra piene di zolfo

Le 11 più grandi eruzioni vulcaniche della storia

Alcuni di questi cataclismi hanno cambiato la storia e il clima.

"Warm Blob" ha causato sbalzi climatici durante l'ultima era glaciale

Un nuovo studio rivela come il clima instabile dell'era glaciale della Groenlandia sia stato influenzato dalle correnti dell'Oceano Atlantico.

Rimani aggiornato sulle ultime notizie scientifiche iscrivendoti alla nostra newsletter Essentials.

Grazie per esserti iscritto a Live Science. Riceverai a breve un'email di verifica.


Realta virtuale

La Biblioteca Pubblica di Lima è orgogliosa di presentare il nostro sistema di realtà virtuale HTC Vive fornito dalla Lima Library Association. La comunità di Lima/Allen County può sperimentare gratuitamente la realtà virtuale in biblioteca durante uno dei nostri eventi. Per domande sul nostro prossimo evento di realtà virtuale, contatta il desk Ask Here chiamando il 419-228-5113 int. 1.
Abbiamo molti giochi di realtà virtuale tra cui scegliere, tra cui:

  • Entro- Dai racconti avvincenti ambientati in mondi di pura immaginazione ai documentari che ti portano più all'interno delle notizie che mai, Within riunisce contenuti coinvolgenti premium basati su storie in una varietà di generi
  • Apollo 11- Questa esperienza VR è una ricreazione degli eventi che hanno avuto luogo tra il 16 e il 24 luglio 1969. Ora, per la prima volta in assoluto, puoi vivere questo evento storico attraverso gli occhi di coloro che lo hanno vissuto
  • Fovos- Un horror post-apocalittico, sparatutto su rotaia ambientato in un futuro in cui un'IA onnipotente sta prendendo il controllo del cervello umano attraverso impianti genetici
  • Google Earth VR- Esplora il mondo da prospettive totalmente nuove nella realtà virtuale. Passeggia per le strade di Tokyo, sorvola il Grand Canyon o gira intorno alla Torre Eiffel
  • Simulatore di lavoro- In un mondo in cui i robot hanno sostituito tutti i lavori umani, entra nel "Simulatore di lavoro" per imparare com'era "lavorare"
  • No Limits2 Montagne Russe- l'ultima simulazione di montagne russe che ti consente di provare autentiche emozioni da montagne russe
  • L'esperienza della tavola di Richie- Hai paura delle altezze- prendi un ascensore fino alla nostra tavola che si trova a 160 m dal suolo, quindi osa camminare fino alla fine
  • Tiro al piattello- Un simulatore di tiro al bersaglio VR: usa uno dei tre fucili e spara ai piattelli e ad altri bersagli
  • Star Trek: Bridge Crew- Ti immergerà nell'universo di Star Trek: prendi decisioni strategiche e coordina le azioni con il tuo equipaggio
  • theBlu- Vivi la meraviglia e la maestosità dell'oceano attraverso una serie di habitat e trova faccia a faccia con alcune delle specie più impressionanti del pianeta.
  • Pennello inclinabile- ti consente di dipingere nello spazio 3D con la realtà virtuale - libera la tua creatività con pennellate tridimensionali, stelle, luce e persino fuoco
  • Marius- Questa esperienza VR immerge il giocatore in un'enorme libreria che può essere completamente esplorata. Mentre il giocatore cammina e gioca con gli oggetti in giro, Marius sta spostando il suo carrello. Un'ottima esperienza introduttiva.
  • Soundscape - Edizione demo - Soundscape trasporta l'eccitazione visiva della musica dal vivo e della produzione teatrale del festival nella realtà virtuale, eliminando gli inconvenienti, aprendo la strada alla prossima generazione di esperienze musicali. Prova una demo di un singolo brano dell'innovativo visualizzatore musicale VR Soundscape.
  • VRchaeology: Prologo- Equipaggiato con i tuoi strumenti archeologici e un po' di tritolo, sei a caccia di tesori: ossa, oro. tutto ciò che pagherà. In lontananza scorgi l'ingresso di una specie di miniera abbandonata. Sarà questa la strada per la ricchezza o il tuo destino? Questa esperienza di 10 minuti funge da prologo alla serie episodica di VRchaeology.
  • Museo Lifeliqe VR - Scopri una cella, unisciti agli antichi dinosauri per una passeggiata o visita un insediamento preistorico che risale al settimo millennio a.C. Visualizzando concetti scientifici e ambienti che sarebbero altrimenti inaccessibili, gli studenti possono aumentare la loro curiosità e passione per l'apprendimento.
  • Google Spotlight Stories presenta Pearl - Ambientato all'interno della loro casa, un'amata berlina, Pearl segue una ragazza e suo padre mentre attraversano il paese inseguendo i loro sogni. È una storia sui doni che trasmettiamo e sul loro potere di portare amore. E trovare grazia nei luoghi più improbabili.
  • Google Spotlight Stories presenta Son of Jaguar- Nella partita più importante della sua vita, il potente luchador mascherato, Son of Jaguar, affronta la sua eredità, la sua famiglia e cosa significa far parte di qualcosa di più grande di lui. Diretto da Jorge Gutierrez, creatore e regista Il libro della vita.
  • Google Spotlight Stories presenta Sonaria- In questa esperienza VR, Sonaria segue due creature in continua evoluzione mentre scorrono da una forma di vita all'altra in un vivido viaggio di suoni e luci. Il linguaggio visivo di Sonaria è semplice e astratto, progettato per suggerire, mentre il linguaggio sonoro è stratificato e coinvolgente, progettato per rispondere.
  • Multigiochi VR- Include: Drone Fight, un gioco di spada laser con droni, ispirato sia a Lightblade VR che all'allenatore di pirati spaziali. Last Stand, usa il tuo arco per sopravvivere il più a lungo possibile. Portiere, difendi l'obiettivo con enormi mani telescopiche.
  • Buzz Aldrin: Percorsi in bicicletta su Marte- Buzz Aldrin vuole essere ricordato per qualcosa di più che "sollevare polvere di luna". Vuole che la sua eredità includa la posa delle basi per un insediamento umano permanente su Marte, e ha un piano. Nel primo progetto VR legacy olografico al mondo, gli spettatori avranno un'opportunità unica di "incontrare" l'astronauta attraverso il suo ologramma. Fai un viaggio con il Dr. Aldrin dal suo sito di atterraggio sulla luna a Marte mentre ti mostra il suo piano per abitare il Pianeta Rosso.
  • The Body VR: Viaggio all'interno di una cellula- Questa esperienza educativa di realtà virtuale porta l'utente all'interno del corpo umano. Viaggia attraverso il flusso sanguigno e scopri come funzionano le cellule del sangue per diffondere l'ossigeno in tutto il corpo. Entra in uno dei miliardi di cellule viventi all'interno del nostro corpo e scopri come gli organelli lavorano insieme per combattere i virus mortali.
  • Discovr™ Egypt: King Tut's Tomb- 1323 aC: epoca in cui l'Egitto è una potenza mondiale riconosciuta. Il suo giovane leader, il re Tutankhamon, è morto ed è stato sepolto in quella che diventerà una delle più grandi icone dell'Antico Egitto. La tomba è disseminata di tesori e manufatti simbolici della cultura dell'antico Egitto. Secoli dopo la tomba viene scoperta dall'archeologo britannico Howard Carter, e ora anche tu puoi esplorare la tomba. Guardati intorno e scopri i suoi contenuti nella modalità Scoperta, o prendi tutto il tesoro prima che scada il tempo in Caccia al tesoro. Questa mini esperienza dura circa 10-20 minuti.
  • Mappa Stellare- Goditi l'esplorazione del sistema solare, dal Sole alle lune più piccole di Saturno e fino ai confini più freddi, più oscuri e più lontani di Plutone. Guarda in basso e ammira il nostro sistema solare dall'alto. Guarda con meraviglia gli anelli di Saturno. Prova lo stupore di fluttuare nello spazio intorno a mondi su cui nessun essere umano ha ancora messo piede. Comprendi come le costellazioni del nostro cielo notturno sono costituite da stelle distanti tra loro sia nello spazio che nel tempo. Abbraccia le distanze impossibili del nostro sistema solare e la scala eccessiva del nostro universo.
  • Titanic VR- Immergiti nel fondo del Nord Atlantico, assumi il ruolo del Dr. Ethan Lynch, Professore Associato di Archeologia Marittima presso l'Università fittizia della Nuova Scozia. Con il finanziamento di un misterioso investitore, il dottor Lynch e il suo dottorando Jean Robinson sono partiti a bordo di una nave da ricerca per immergersi nel relitto del Titanic e rispondere a domande rimaste sommerse per un secolo.
  • 7VR Wonders- Hai mai immaginato come sarebbe esplorare le grandi meraviglie del vecchio mondo? Viaggia nel tempo nel mondo antico, scopri meraviglie colossali e lasciati stupire da queste strutture artificiali perse nel passato. I giardini pensili di Babilonia, la statua di Zeus, il mausoleo di Alicarnasso, la grande piramide di Giza, il colosso di Rodi, il tempio di Artemide, il faro di Alessandria. Ogni meraviglia ha un tempo di sessione di circa 3 minuti di esperienza.
  • Ricordando Pearl Harbor- Raccontata in tre atti, la storia è raccontata attraverso il punto di vista del tenente James Downing, che a 103 anni è il secondo veterano americano vivente più anziano ad aver assistito a quel giorno. Come direttore delle poste della USS West Virginia, Downing si diede il compito di scrivere lettere alle famiglie degli uomini morti o feriti durante l'attacco. Quelle lettere formano un arco che l'utente segue attraverso l'esperienza di Downing del 7 dicembre 1941. In un Patria americana del 1941, sentiamo da Downing come l'arrivo della guerra abbia colpito tutti gli Stati Uniti a Pearl Harbor dopo l'attacco, vediamo l'ampiezza della distruzione e al giorno d'oggi, apprendiamo come l'esperienza sia rimasta con lui per 75 anni. Durante l'esperienza, gli utenti interagiscono con. Questa esperienza è stata creata in collaborazione con il Museo della Seconda Guerra Mondiale e la Biblioteca del Congresso che hanno fornito competenze, manufatti e fonti primarie e con il pluripremiato storico Craig Nelson come consulente storico. L'esperienza è stata creata per essere adatta a un pubblico di tutte le età

Biblioteca principale
650 West Market Street
Lima, Ohio 45801
419-228-5113
Ore

Filiale del Cairo
108 West Main Street
Cairo, Ohio 45820
419-641-7744
Ore

Filiale di Elida
500 E. Kiracofe Avenue.
Elida, OH 45807
419-339-6097
Ore

Ramo di Lafayette
225 East Sugar Street
Lafayette, Ohio 45854
419-649-6482​
Ore

Filiale di Spencerville
2489 Guida dei desideri
Spencerville, Ohio 45887
419-647-4307​
Ore


Meraviglia [modifica]

Dopo aver completato il capitolo finale della loro missione di fazione, ogni fazione sblocca la capacità di costruire il tempio del nucleo terrestre. La prima fazione che completa questa costruzione ottiene una vittoria Meraviglia. Questa vittoria è più facilmente ottenuta dai Wild Walkers.

Attiva la Wonder Victory una volta costruita
Limitato a una copia nel tuo impero

Quest [modifica]

Dopo che la serie di missioni della fazione è stata completata, inizia una serie di missioni di vittoria. Questa ricerca in cinque parti prevede la ricerca e la riparazione di un'astronave schiantata in modo che la tua fazione possa lasciare Auriga. Questo tipo di vittoria è anche considerato il finale canonico di Endless Legend, con i Vaulters che hanno ricostruito l'Argosy e se ne sono andati. Questa vittoria è più facilmente ottenuta dall'Allayi.

Espansione [ modifica ]

Questa vittoria è ottenuta da una fazione che possiede più dell'80% delle regioni del mondo. Questa vittoria è irraggiungibile per i Cultisti o Mykara, poiché non sono in grado di produrre coloni e quindi fondano nuove città a causa della loro affinità di fazione "Alto Seggio della Regina" e "Presenza strisciante", rispettivamente. Questa vittoria è più facilmente ottenuta dai Signori Infranti, Morgawr e Kapaku.

Supremazia [modifica]

Questa vittoria sarà data all'ultima fazione che controlla la propria capitale originaria. Nota che la fazione vincente non ha necessariamente bisogno di conquistare altre capitali. Questa vittoria è più facilmente ottenuta dai Cultisti, Dimenticati, e Mykara.

Eliminazione [modifica]

Questa vittoria viene assegnata all'ultima fazione rimasta, quando tutte le altre fazioni sono state completamente eliminate. Di solito si ottiene prima una vittoria di Supremazia o Espansione se non sono disattivate all'inizio del gioco e una vittoria Condivisa non può essere ottenuta contemporaneamente poiché questo tipo di vittoria richiede che Tutti altre fazioni saranno uccise, anche quelle con cui la vittoria potrebbe avere un'alleanza. Questa vittoria è più facilmente ottenuta dai Necrofagi.

Scientifico [modifica]

Questa vittoria viene assegnata alla prima fazione che ricerca 5 delle 6 tecnologie nell'era di ricerca VI. Questa vittoria è ottenuta più facilmente dai Vaulters e dai maghi ardenti. Le tecnologie che si applicano a questo tipo di vittoria sono le seguenti:

+100% sulle città
contato per il Vittoria scientifica

+100% sulle città
contato per il Vittoria scientifica

+100% sulle città
contato per il Vittoria scientifica

+100% sulle città
contato per il Vittoria scientifica

+100% di vita sull'unità
+100% danni alle unità
contato per il Vittoria scientifica

+100% sulle città
contato per il Vittoria scientifica

Economico [modifica]

Questa vittoria viene ottenuta dalla prima fazione che accumula una certa quantità totale di Spolverare l'intero gioco. Ciò non significa che la data quantità di Polvere deve essere immediatamente in possesso della fazione, ma piuttosto che la fazione ha prodotto quella quantità di Polvere nel corso dell'intero gioco. L'importo richiesto per la vittoria dipende dalle dimensioni della mappa e dalla velocità di gioco, come mostrato nella tabella sottostante. Questa vittoria è più facilmente ottenuta dai Clan Erranti e dai Signori Spezzati.

Polvere richiesta per la vittoria economica:
Dimensione mappa:
Velocità: Minuscolo Piccolo Normale Grande Enorme
Veloce 124,988 187,481 249,975 349,965 449,955
Normale 277,750 416,625 555,500 777,700 999,900
Lento 472,175 708,263 944,350 1,322,090 1,699,830
Infinito 777,700 1,166,550 1,555,400 2,177,560 2,799,720
con ELCP (ha bisogno di conferma):
Dimensione mappa:
Velocità: Minuscolo Piccolo Normale Grande Enorme
Veloce 174,825 262,238 349,650 454,545 559,440
Normale 388,500 582,750 777,000 1,010,100 1,243,200
Lento 660,450 990,675 1,320,900 1,717,170 2,113,440
Infinito 1,087,800 1,631,700 2,175,600 2,828,280 3,480,960

Diplomatico [modifica]

Questa vittoria viene ottenuta dalla prima fazione che accumula un certo numero totale di Punti Diplomatici durante l'intera partita. I Punti Diplomatici si ottengono tramite interazioni diplomatiche con altri imperi. Negoziare trattati o scambi darà una somma forfettaria di Punti Diplomatici pari a circa il 20% dell'Influenza spesa da te nella negoziazione. Dichiarazioni unilaterali come avvertimento/complimento, pace forzata, guerra, nonché dichiarazione di guerra in un commercio, non forniscono alcun punto. I punti diplomatici vengono guadagnati anche nel tempo in base al tuo stato diplomatico con altri imperi: 4 / (5 con ELCP) in Alliance, 2 / in pace, e 1 / altrimenti. L'importo richiesto per la vittoria dipende dalle dimensioni della mappa e dalla velocità di gioco, come mostrato nella tabella sottostante. Questa vittoria è più facilmente ottenuta dai Drakken.

Punti Diplomatici Richiesti per la Vittoria Diplomatica:
Dimensione mappa:
Velocità: Minuscolo Piccolo Normale Grande Enorme
Veloce 675 1,013 1,350 1,890 2,430
Normale 1,500 2,250 3,000 4,200 5,400
Lento 2,550 3,825 5,100 7,140 9,180
Infinito 4,200 6,300 8,400 11,760 15,120

Punteggio [modifica]

Questa vittoria verrà assegnata alla fazione con il punteggio più alto dopo un determinato numero di turni. Il numero di turni necessari per raggiungere questo punto è mostrato nella prima tabella e i fattori che contribuiscono al totale dei punti - e quanto contribuiscono - sono mostrati nella seconda tabella.


Guarda il video: Statua di Zeus a Olimpia le le 7 meraviglie del mondo antico - ARCHEOLOGIA (Potrebbe 2022).