Cronologia

Cause della guerra

Cause della guerra

La guerra tra Russia e Finlandia, generalmente definita guerra invernale, durò dal 30 novembre 1939 al 13 marzo 1940. La guerra invernale fu il risultato diretto del patto di non aggressione nazista-sovietico dell'agosto 1939. Il volto pubblico di questo trattato fu un periodo di dieci anni di non aggressione tra la Germania nazista e la Russia di Stalin. Vi era tuttavia un lato segreto, secondo il quale la Russia avrebbe attaccato la Polonia nel settembre 1939 e avrebbe avuto più diritti per determinare la sua sfera di influenza nell'Europa orientale.


Carl Gustaf Mannerheim - c-inc forze finlandesi

Dopo la caduta della Polonia nel settembre 1939, la Russia cercò di estendere la sua influenza sul Baltico e tra settembre e ottobre 1939, Lituania, Estonia e Lettonia furono tutti firmati per firmare trattati "di mutua assistenza" che consentivano alla Russia di stabilire basi militari in ogni dei tre stati baltici. Molte persone presumevano che la Finlandia sarebbe stata il prossimo obiettivo della Russia.

Il 5 ottobre 1939, la Russia invitò i rappresentanti finlandesi a Mosca per discutere di "questioni politiche". La Finlandia ha inviato all'incontro J K Paasikivi che ha incontrato Stalin e Molotov per discutere di questioni di terra al confine tra Finlandia e Russia. L'incontro è iniziato il 12 ottobre.

Per difendere l'approccio a Leningrado, Stalin voleva che le isole finlandesi nel Golfo di Finlandia, inclusa l'isola di Suursaari, fossero consegnate alla Russia; voleva affittare Hanko come base militare e stabilire un presidio di 5.000 uomini lì e chiese che fosse ceduta alla Russia più terra finlandese al confine con la Russia. In cambio, Stalin offrì alla Finlandia terre nella Carelia sovietica e il diritto alla Finlandia di fortificare le Isole Aaland. Stalin ha respinto tutti i suoi requisiti di terra in termini di difesa di parti della Russia, che si tratti di Leningrado o Murmansk, dagli attacchi.

“Non possiamo fare nulla per la geografia, né tu. Dato che Leningrado non può essere allontanato, la frontiera deve essere più lontana. ”Stalin

Paasikivi tornò a Helsinki per discutere con il governo finlandese le richieste di Stalin.

La Finlandia era altamente sospettosa di qualsiasi cosa richiesta da Stalin. Le relazioni tra Russia e Finlandia erano state difficili per molti decenni e quasi tutti in Finlandia videro le richieste di Stalin come un tentativo da parte della Russia di ristabilire nuovamente la sua autorità sulla Finlandia. Storicamente, la Finlandia era stata parte dell'Impero russo; dal 1809 al 1917, la Finlandia ebbe lo status di ducato autonomo. Furono i bolscevichi sotto Lenin a riconoscere la piena indipendenza della Finlandia nel dicembre 1917. Pertanto, qualsiasi cosa riguardante la terra e la Finlandia fatta dalla Russia nell'era di Stalin fu comprensibilmente considerata sospetta all'interno della Finlandia.

Tuttavia, Stalin era lui stesso sospettoso della Finlandia. Credeva che la Finlandia avrebbe accolto con favore la sconfitta della Russia comunista - dopo tutto, la Finlandia aveva aiutato i gruppi anticomunisti nella guerra civile russa e Stalin credeva che la Finlandia avrebbe permesso alla sua terra di essere utilizzata come base invadendo le forze per un attacco alla Russia .

Dopo discussioni a Helsinki, le proposte di Stalin furono respinte. Ironia della sorte, due persone hanno mostrato un certo "supporto" per loro: Paasikivi e Marshall Mannerheim, c-in-c designato dell'esercito finlandese in tempo di guerra. Entrambi ritenevano che alcune isole del Golfo di Finlandia dovevano essere cedute per "riacquistare" la Russia, poiché entrambi temevano che se si fosse verificata la guerra, la Finlandia avrebbe dovuto combattere la Russia da sola senza l'aiuto di nessun altro paese. Tuttavia, le loro convinzioni furono respinte dal governo finlandese, anche se la Germania sollecitò la Finlandia ad accettare le richieste della Russia. Alla fine di novembre del 1939, tra Finlandia e Russia sembrava inevitabile.

Quando scoppiò la guerra, l'esercito finlandese era piccolo. Il paese aveva solo una popolazione di 4 milioni e di conseguenza qualsiasi esercito avrebbe potuto essere solo piccolo. La Finlandia potrebbe radunare un piccolo esercito di professionisti. Il paese aveva anche un esercito di coscritti in tempo di pace che veniva potenziato ogni anno da un'assunzione annuale di nuovi uomini. C'era anche una riserva in cui passarono tutti i coscritti dopo un anno di servizio. Rispetto alle vaste potenziali risorse dell'Armata Rossa, l'esercito finlandese è stato sminuito.

In tempo di guerra, Mannerheim aveva pianificato che l'esercito in tempo di pace avrebbe dovuto agire come forza di copertura per ritardare qualsiasi attacco fino a quando i riservisti non fossero arrivati ​​al fronte. L'esercito era anche a corto di equipaggiamenti tra cui uniformi e pezzi di artiglieria moderna - l'esercito aveva solo 112 decenti cannoni anticarro contro carri armati nel novembre 1939. I mezzi per produrre armi moderne erano anche al di sotto degli standard dei paesi dell'Europa occidentale. Cose di base come le munizioni non potevano essere prodotte in grandi quantità e il sistema di comunicazione dell'esercito era basilare, basandosi in parte sui corridori. Da qualunque angolazione fosse guardato l'esercito finlandese, sembrava una facile vittima per i russi.

Tuttavia, in un certo senso, l'esercito finlandese era in una posizione eccellente per difendere la sua nazione. Le truppe finlandesi furono addestrate per usare il proprio terreno a loro vantaggio. Le truppe finlandesi erano adatte alle foreste e alle regioni innevate della Finlandia e conoscevano la superficie del terreno. Le truppe di sci finlandesi erano altamente mobili e ben addestrate. Tuttavia, questi uomini erano abituati a lavorare in piccole unità e le manovre su larga scala erano estranee non solo a loro ma agli ufficiali al comando di loro. Il denaro non era stato semplicemente speso in Finlandia prima del 1939 per molti esercizi di addestramento militare su larga scala. Tuttavia, poiché divenne sempre più ovvio che era probabile un conflitto con i russi, il patriottismo prese una posizione ferma e nessuno era disposto a tollerare un'invasione russa della sua patria.

Per andare con l'esercito, la Marina finlandese era piccola e l'aeronautica finlandese aveva solo 100 aerei, ma alcuni di questi non erano in grado di volare in battaglia.

L'esercito russo era completamente diverso. Tuttavia, nel settembre del 1939, la Russia aveva impegnato un certo numero di uomini nella campagna polacca. Ma con 1.250.000 uomini nell'esercito regolare, ce n'erano molti altri che Stalin poteva invocare. Per la guerra invernale, la Russia ha usato 45 divisioni - ogni divisione aveva 18.000 uomini; quindi, secondo quel calcolo, la Russia ha usato 810.000 uomini; quasi il 25% dell'intera popolazione finlandese. In effetti, per tutta la durata della guerra, i russi usarono 1.200.000 uomini in totale in qualche forma di capacità militare. I russi usarono anche 1.500 carri armati e 3.000 aerei. Mentre i finlandesi avevano difficoltà a fornire munizioni alle sue truppe, i russi avevano una scorta illimitata e un sistema di comunicazione di gran lunga superiore. Ma l'esercito russo aveva due principali debolezze.

Era usato per giochi di guerra su vaste distese di terreno aperto. Le foreste innevate della Finlandia erano una questione diversa e i russi dovevano scoprire che erano spesso confinati nell'area intorno alle strade poiché molti dei loro uomini erano inutilizzati sul terreno finlandese e la maggior parte dei loro veicoli non era in grado di andare fuori strada. Le loro tattiche sviluppate durante l'allenamento non includevano tale terreno.

Anche l'esercito russo aveva un'altra debolezza fondamentale: la sua struttura di comando era così rigida che i comandanti sul campo non avrebbero preso una decisione senza l'approvazione di un ufficiale superiore che di solito doveva ottenere il permesso da un commissario politico che le sue tattiche fossero corrette. Un simile assetto ha creato importanti ritardi nel processo decisionale. Pertanto il leviatano che era l'esercito russo, era spesso un dinosauro che si muoveva lentamente, ostacolato sia dalla geografia della Finlandia sia dalla sua rigidità in termini di processo decisionale. Mentre Blitzkrieg era stato progettato per incorporare tutti gli aspetti dell'esercito e dell'aeronautica tedeschi, ogni parte dell'esercito russo agiva come entità separate. È difficile sapere se questo sia stato il risultato delle purghe nell'esercito che hanno decimato il suo corpo di ufficiale o il risultato della paura di prendere una decisione inaccettabile per le autorità politiche superiori: probabilmente era una combinazione di entrambi.

L'Armata Rossa era mal equipaggiata per una guerra invernale. Mentre l'esercito era ben fornito di equipaggiamento militare standard, aveva poco che fosse necessario per le foreste innevate della Finlandia. L'abbigliamento mimetico bianco non è stato rilasciato e i veicoli semplicemente non sono stati in grado di far fronte al freddo. L'inverno del 1939-40 fu particolarmente severo.

I russi furono anche costretti a combattere su un piccolo fronte nonostante le dimensioni del confine russo-finlandese. Molte parti del confine di 600 miglia erano semplicemente impraticabili, quindi i finlandesi avevano una buona idea del percorso che qualsiasi forza russa avrebbe potuto percorrere nelle fasi iniziali di un'invasione. L'aeronautica russa era anche limitata nella quantità di tempo che poteva aiutare l'esercito perché le giornate erano così brevi durante i mesi invernali. Quando volarono, i russi subirono gravi perdite, perdendo 800 aerei - oltre il 25% dei loro aerei utilizzati in guerra.

L'Alto Comando finlandese, guidato da Mannerheim, credeva che l'unico punto debole che avevano fosse nell'istmo careliano, a sud-ovest del lago Ladoga. Questa zona è stata fortificata con la Linea Mannerheim - un complesso di trincee, filo metallico, campi minati e ostacoli. Furono costruite postazioni di cemento ma erano poche e distanti tra loro e ogni postazione aveva poca capacità di dare fuoco a qualsiasi altra copertura. In nessun modo la Linea Mannerheim poteva essere paragonata alla Linea Maginot. Tuttavia, l'istmo careliano dovette essere trattenuto poiché la sua perdita avrebbe dato alla Russia una linea diretta per Helsinki, a meno di 200 miglia a ovest.

La guerra scoppiò il 30 novembre 1939.

Post correlati

  • Cronologia dell'evento

    Cronologia della guerra invernale 1939, 5 ottobre: ​​i finlandesi vengono invitati a parlare a Mosca il 12 ottobre: ​​iniziano i colloqui a Mosca tra Stalin e Paasikivi. Stalin ...

  • La guerra

    La guerra invernale La guerra invernale fu combattuta tra Finlandia e Russia tra novembre 1939 e marzo 1940. Dopo l'attacco lampo alla Polonia da parte di ...

  • Joseph Stalin

    oseph Stalin guidò la Russia durante la seconda guerra mondiale e fino alla sua morte nel 1953. Joseph Stalin era il leader della Russia quando Hitler lanciò l'Operazione ...

List of site sources >>>


Guarda il video: Le cause della prima guerra mondiale (Gennaio 2022).