Corso di storia

La resistenza polacca

La resistenza polacca

Il movimento di resistenza polacco fu molto attivo nella seconda guerra mondiale. Fino all'inizio dell'operazione Barbarossa nel giugno 1941, i polacchi avevano due nemici: la Russia comunista e la Germania nazista. Entrambi avevano attaccato la Polonia nel settembre del 1939. L'attacco della Germania alla Russia ha rimosso uno di questi nemici dall'equazione per ora. Il movimento di resistenza della Polonia potrebbe concentrare tutte le sue risorse su un nemico comune.

La Polonia era l'obiettivo principale del trasporto militare per i tedeschi dopo il giugno 1941. Il paese fungeva da condotto per il fronte in Russia. Pertanto, c'erano molti obiettivi per il movimento di resistenza polacco e dal giugno 1941 al dicembre 1941, distrussero 1.935 motori ferroviari, deragliarono 90 treni, fecero saltare tre ponti e incendiarono 237 camion di trasporto. Tuttavia, un tale successo ha avuto un costo in quanto le rappresaglie da parte dei tedeschi erano estremamente selvagge. In effetti, la reazione tedesca fu così estrema che la resistenza polacca finì il suo lavoro per circa 10 mesi nel 1942. La SOE a Londra non poté efficacemente aiutare i polacchi perché la distanza era semplicemente troppo grande per essere superata dalla SOE.

Come in Cecoslovacchia, il movimento di resistenza in Polonia è stato frammentato dalla politica. Un governo in esilio esisteva a Londra, ma a Mosca fu costituita una "Unione di patrioti polacchi" in diretta concorrenza al governo di Londra. Nel 1942, i comunisti polacchi furono fatti cadere in Polonia per creare il "Partito dei Lavoratori". Questo doveva includere un movimento di resistenza chiamato "Guardia del Popolo".

La risposta a Londra fu per il Capo di Stato Maggiore Generale Sikorski di riorganizzare il movimento di resistenza in Polonia che era fedele al governo in esilio. Era inevitabile che entrambi si scontrassero. Le cose non furono migliorate quando i tedeschi trovarono i corpi di 4.500 ufficiali polacchi a Katyn Wood. I russi furono ritenuti responsabili di ciò e il loro rifiuto di consentire un'inchiesta da parte della Croce Rossa Internazionale confermò ai non comunisti in Polonia che il governo di Stalin era responsabile di questi omicidi.

Tuttavia, la forza di resistenza polacca non comunista doveva accettare l'inevitabile - la Russia sarebbe arrivata in Polonia prima degli alleati. L'AK (Armia Krajowa) fu guidato dal generale Bor-Komorowski dopo il giugno 1943 (il suo precedente leader, Rowecki fu arrestato in quel mese) e elaborò un piano per accogliere l'avanzata della Russia. Il suo piano era che l'AK dovesse continuare con la sua politica di sabotaggio e raccolta di informazioni. Questa intelligenza andrebbe sia ai russi che alla Gran Bretagna. Nel gennaio del 1944, l'AK ottenne effettivamente parti di un V1 e le mandò a Londra. Mentre la Russia e gli Alleati hanno continuato a lanciare attacchi importanti contro la Wehrmacht in ritirata, l'AK ha usato attacchi di guerriglia diversivi per dividere le risorse militari tedesche. La parte finale del piano di Bor-Komorowski è stata chiamata "Rising". Era per una rivolta generale in tutta la Polonia guidata dall'AK. La parte finale del piano non è mai stata completamente attuata principalmente a causa della velocità dell'avanzata russa. Tuttavia, ogni volta che l'Armata Rossa incontrava unità del movimento AK, le disarma. Per i russi era molto più importante che la "Guardia popolare" avesse il sopravvento in Polonia.

Nella primavera del 1944, si pensava che la resistenza polacca fosse 400.000. Il governo in esilio ha svolto un ruolo chiave nella gestione della resistenza non comunista in Polonia - era concessa molta più libertà di qualsiasi altro governo in esilio in Gran Bretagna. La resistenza polacca era molto ben organizzata e un tempo c'erano oltre 100 stazioni radio che trasmettevano nella Polonia occupata.

List of site sources >>>


Guarda il video: Forze della Polonia libera. Seconda guerra mondiale. (Gennaio 2022).