Podcast storici

La resistenza olandese

La resistenza olandese


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il movimento di resistenza olandese nacque per due semplici fatti: l'indignazione per il fatto che il loro paese fosse stato invaso e il puro orrore per ciò che accadde agli ebrei olandesi. L'Olanda era rapidamente caduta a seguito dell'assalto di Blitzkrieg nel 1940. C'erano molti nella Germania nazista, incluso Joseph Goebbels, che speravano che molti olandesi avrebbero assorbito il nazionalsocialismo nella loro cultura. In questo avevano torto. Gli olandesi si radunarono attorno alla loro famiglia reale in esilio e la resistenza olandese doveva fornire agli alleati preziose informazioni di intelligence.

Qualsiasi forma di resistenza nei Paesi Bassi ha impiegato del tempo per evolversi. Ciò è principalmente dovuto al fatto che il paese era isolato da Londra e dall'influenza dello Special Operations Executive (SOE). Ciò rimase fino al 1944. I tedeschi avevano difeso pesantemente la costa olandese. Qualsiasi supporto da parte della SOE che ha comportato uno sbarco in mare - per quanto nascosto - sarebbe stato difficile. Lo spazio aereo olandese fu anche ben difeso dai tedeschi poiché i bombardieri alleati spesso sorvolavano la costa olandese sulla rotta per la Germania. L'area era piena di radar, quindi anche il modo tradizionale di ottenere agenti SOE in un paese (di Lisandro) era pieno di problemi.

Essere un piccolo paese in termini di dimensioni geografiche ha reso più facile per la Gestapo far valere la sua autorità. Già nel marzo del 1942, la Gestapo aveva arrestato un operatore wireless in Olanda e aveva usato i suoi codici per inviare falsi messaggi alla Gran Bretagna incoraggiando gli inglesi ad aiutare il movimento di resistenza olandese. Tutti gli agenti e le forniture rilasciati in Olanda dagli inglesi furono immediatamente intercettati dai tedeschi. Questo inganno durò fino all'autunno del 1943. Pertanto, durante questo periodo la resistenza olandese fu privata dell'aiuto esperto che la SOE era stata in grado di offrire agli altri.

Ciò che ha provocato una grande reazione in Olanda è stata l'ondata di arresti di ebrei. Questo il popolo olandese non poteva tollerarlo. I primi arresti sono stati accolti con scioperi di solidarietà da parte di lavoratori olandesi non ebrei. Nel maggio del 1943, ci fu un altro sciopero generale in Olanda quando i tedeschi rimandarono ai campi di prigionia i soldati olandesi catturati nella primavera del 1940 ma che dovevano essere rimpatriati in Olanda tre anni dopo. I tedeschi hanno reagito a questo sciopero con brutalità, sparando a 150 persone. Quando un noto collaboratore olandese, il generale Seyffardt, fu assassinato dagli olandesi, furono uccisi anche 250 ostaggi.

La resistenza olandese ha lasciato il segno con la raccolta di informazioni che potrebbero essere utili agli alleati. Fu la resistenza olandese che informò gli Alleati del fatto che le divisioni SS IX e X si trovavano nella regione di Arnhem nel settembre 1944 - informazioni che furono essenzialmente ignorate con conseguenze disastrose. La resistenza olandese ha anche aiutato gli ebrei olandesi a fuggire, soprattutto i bambini. Nove organizzazioni sono state create per fare questo e si sono specializzate nel nascondere le persone, forgiare documenti d'identità, ecc. Questo, insieme al suo lavoro di intelligence, si è rivelato il suo lavoro più importante in contrapposizione all'immagine classica di unità di resistenza che fanno esplodere ponti ecc.


Guarda il video: Museo della Resistenza di Amsterdam (Giugno 2022).