Popoli, Nazioni, Eventi

La battaglia di Kohima 1944

La battaglia di Kohima 1944



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La battaglia di Kohima fu uno dei punti di svolta nella guerra in Estremo Oriente. Kohima, a una trentina di miglia dal confine con la Birmania, doveva essere presa dai giapponesi se la loro "Marcia su Delhi" del 1944 avrebbe avuto successo. Il fatto che le forze britanniche e del Commonwealth le abbiano trattenute a Kohima, insieme alla mancata presa giapponese di Imphal, ha posto fine a questa offensiva.

La "Marcia su Delhi" è iniziata il 7 marzoesimo/8esimo 1944. Imphal fu un importante obiettivo per i giapponesi e due divisioni attaccarono questa città. Il 15 marzoesimo un'altra divisione giapponese, la XXXI, attaccò Kohima. I giapponesi si spostarono rapidamente su Kohima. Nelle due settimane precedenti l'attacco, un piccolo gruppo di soldati giapponesi aveva riconquistato l'intera area e aveva selezionato i percorsi migliori da utilizzare. Le loro informazioni e la scelta delle rotte erano di vitale importanza e il loro lavoro "doveva essere considerato una delle imprese più brillanti della ricognizione nella storia della guerra". I giapponesi portarono con sé 5.000 buoi per nutrire le loro truppe. Si credeva che questi avrebbero fornito carne per 50 giorni, cosa che i giapponesi credevano fosse sufficiente. Tuttavia, molti morirono durante il viaggio e una carenza di cibo stava diventando un grave problema per i giapponesi.

Le forze britanniche a Kohima hanno appreso dell'avanzata giapponese il 18 marzoesimo quando hanno ricevuto informazioni da rifugiati in fuga. Lo stesso giorno il generale Slim decise di spostare il 7esimo Divisione indiana a Imphal per rafforzare lì la guarnigione. Imphal era a circa 50 miglia a sud di Kohima. Slim ha anche ordinato che il 2ND La divisione britannica dovrebbe essere spostata nell'area. Questa divisione conteneva reggimenti come 1st Royal Scots, il 1st Queen's Own Cameron Highlanders, il 2ND Royal Norfolk e il 2ND Fanteria leggera di Durham. Alcuni avevano combattuto ed erano stati evacuati a Dunkerque, ma fino alla primavera del 1944, molti non avevano preso parte a un'operazione offensiva per molti mesi. Tuttavia, riunendo tutte le unità del 2ND La divisione impiegò tempo poiché furono disperse in tutta l'India. Il tempo era una cosa che i difensori di Kohima non avevano avuto mentre i giapponesi avanzavano con una certa velocità. Slim non era nemmeno a conoscenza della forza della forza giapponese che avanzava su Kohima e tale era la generale confusione che un comandante della guarnigione era stato nominato per Kohima solo il 22 marzoND - ben quattro giorni dopo che si sapeva che i giapponesi stavano avanzando sulla base. Al comandante della guarnigione - il colonnello Hugh Richards - fu detto che tre battaglioni giapponesi stavano avanzando su Kohima con quasi sicuramente uno tenuto in riserva. Quando arrivò a Kohima, Richards scoprì che pochi ufficiali sapevano cosa stava succedendo. Molto peggio, nessuno poteva dire a Richards quanti uomini avesse al suo comando a Kohima - e in quel momento i giapponesi erano a sole 60 miglia di distanza. Il 24 marzoesimo, il 2ND Il Reggimento del West Yorkshire arrivò ma fu rapidamente ridistribuito altrove. Richards ha scoperto che non poteva acquisire filo spinato per proteggere il perimetro della base, in quanto un regolamento stabiliva che non sarebbe stato collocato filo spinato nelle colline di Naga, dove si trovava Kohima, dopo le lamentele della popolazione locale che avevano interrotto la loro agricoltura.

Uomini del Reggimento Assam formarono zone difensive a circa 35 miglia a est di Kohima a Jessami e Kharasom. Le forze indiane entrarono per la prima volta in contatto con i giapponesi a Jessami il 28 marzoesimo. Gli era stato ordinato di combattere fino all'ultimo uomo, sebbene l'ordine sia stato successivamente ritirato poiché si pensava che avrebbe portato a un massacro all'ingrosso. Tuttavia, quelli di Jessami hanno combattuto coraggiosamente:

“I sepoy giovani e inesperti stavano combattendo come veterani; i barili delle mitragliatrici roventi sarebbero stati strappati via, indipendentemente dalle ustioni subite nel processo; Granate e bombe a cracker giapponesi furono raccolte e gettate via dalle trincee con tutta la calma del mondo e non sembrava esserci un uomo nella guarnigione che avesse paura di svolgere qualsiasi compito affidatogli. "Capitano Peter Steyn, Assam Reggimento.

Tuttavia, entro il 1 aprilest, questi uomini si ritirarono a Kohima. L'ordine di ritirare l'ordine precedente di combattere fino all'ultimo uomo di Kharasom non fu mai ricevuto e mentre alcuni uomini tornarono a Kohima, molti non lo fecero, incluso il comandante lì, il Capitano Young.

Con Jessami e Kharasom presi, la strada per Kohima era aperta per i giapponesi.

Uomini del 161st Le brigate erano di stanza a Jotsoma, due miglia a ovest di Kohima, inclusa un'unità di artiglieria. Fu questa artiglieria a svolgere un ruolo vitale nel sostenere la guarnigione di Kohima.

Quando i giapponesi iniziarono il loro attacco a Kohima alle 04.00 del 5 aprileesimo, Il colonnello Richards aveva circa 1.500 uomini al suo comando. Di fronte a lui c'erano 12.000 truppe giapponesi. Hanno attaccato posizioni difensive periferiche, a cui erano stati dati vari soprannomi come Jail Hill e FSD. Sebbene i giapponesi prendessero queste posizioni, subirono pesanti perdite.

Il 13 aprileesimo, i giapponesi lanciarono un grave attacco alla stessa Kohima. Tuttavia, fecero i conti senza l'artiglieria che era stata allestita a Jotsama. Un accurato fuoco di artiglieria su posizioni giapponesi si dimostrò molto efficace. Ma i giapponesi avevano numeri dalla loro parte e dal 17esimo ricominciarono il loro attacco a Kohima. Una colonna di rilievo era prevista a Kohima il 18esimo Aprile. Richards in seguito disse che credeva che all'epoca sarebbe stato troppo tardi per 12 ore.

Alle 08.00 del 18 aprileesimo, un grande assalto di artiglieria colpì posizioni giapponesi come uomini dall'1 / 1st Il reggimento del Punjab ha marciato su Kohima. Questi rinforzi significarono che i giapponesi non presero Kohima. Il sollievo di Kohima fu completato quando il Royal Berkshire Regiment arrivò il 20 aprileesimo.

I giapponesi hanno ripreso il loro tentativo di catturare Kohima il 22 aprileND/23rd. Tuttavia, questo attacco di notte fallì. L'attacco è iniziato con un grosso attacco di mortaio giapponese a Kohima. Gli uomini in buca erano al sicuro, ma fu colpita una discarica di munizioni. L'esplosione incendiò gli alberi vicini e quando la fanteria giapponese attaccò su Kohima Hill, furono chiaramente proiettati contro il cielo notturno. Uomini del Royal Berkshire e della Durham Light Fanteria rastrellarono l'avanzato giapponese con un accurato fuoco con armi leggere. La mattina del 23rd, Le forze britanniche contrattaccarono per rimuovere i giapponesi da Kohima Hill. Il tentativo di attacco giapponese era stato un triste fallimento. Il comandante delle forze giapponesi lì, Sato, disse al suo ufficiale di intelligence, il colonnello Yamaki:

"Stiamo perdendo così tante truppe in questo modo che in poco tempo saremo troppo magri per terra per ottenere qualcosa".

Sato ha affrontato un altro grave problema: una carenza cronica di cibo. Solo 1.000 dei 5.000 buoi avevano raggiunto il quartier generale di Sato. La popolazione locale aveva fatto il possibile per rimuovere qualsiasi alimento che potesse essere stato disponibile localmente.

Sato ricevette erroneamente un telegramma dai suoi comandanti, congratulandosi con lui per la sua cattura di Kohima. Sato rispose:

"Non sono le tue congratulazioni che vogliamo, ma cibo e munizioni."

Anche coloro che difendono Kohima hanno sofferto di problemi di approvvigionamento. A peggiorare le cose, la RAF ha annunciato che avrebbe dovuto ridistribuire i suoi aerei da trasporto in Medio Oriente, il che significa che i cali aerei sarebbero cessati. Il problema è stato sollevato con Mountbatten che ha ordinato all'aeromobile di rimanere nella regione. In questo Winston Churchill lo ha supportato:

“Non lasciare che nulla vada dalla battaglia di cui hai bisogno per la vittoria. Non accetterò la negazione di questo da nessun trimestre e ti ricondurrò al massimo. "

Il 3 maggiord, il 2ND La divisione ha lanciato il suo attacco contro le posizioni giapponesi intorno a Kohima. Il fuoco di mortaio giapponese si è dimostrato particolarmente efficace nel contrastare questo attacco, così come la serie di trincee interbloccate che i giapponesi avevano scavato intorno a Kohima. Anche il terreno collinare stava prendendo piede, così come il tempo. La pioggia è diventata un grave problema che riguarda l'uso dei trasporti. Gli uomini si ammalarono di dissenteria. Il sonno era un lusso. Tuttavia, il successo dei giapponesi è stato completamente compromesso dal loro problema di approvvigionamento. A Sato erano state promesse 250 tonnellate di cibo, ma nessuna era arrivata. Gli uomini che perlustrarono la campagna alla ricerca di cibo non tornarono mai più: il popolo dei Naga disprezzava i giapponesi. Gli ufficiali junior sotto Sato iniziarono a mettere in discussione il suo comando, credendo che fosse troppo lontano da Kohima per capire appieno cosa stesse succedendo.

Il 12 maggioesimo, I carri armati Lee-Grant furono usati per attaccare i bunker giapponesi - con grande gioia della fanteria che era stata dettagliata per attaccarli. Alle 15.00 i carri armati avevano completato il loro compito. Il 13 maggioesimo, I soldati giapponesi sono stati visti lasciare le loro trincee in altre aree intorno a Kohima. Sato ha inviato un messaggio al suo comandante:

“A causa della pioggia e della fame non c'è tempo. Ha deciso che questa divisione, che accompagna i malati e i feriti, dovrebbe spostarsi al punto in cui può ricevere rifornimenti. "

L'ufficiale comandante di Sato, Mutaguchi, rispose:

“È molto difficile capire perché la tua divisione dovrebbe evacuare con il pretesto di difficoltà di approvvigionamento, dimenticando i suoi brillanti servizi. Mantieni la posizione attuale per dieci giorni. Una volontà risoluta fa sì che gli dei cedano ”.

Sato seguì i suoi ordini e mantenne la sua posizione. Ironia della sorte, mentre aveva perso la via di mezzo a Kohima, i suoi uomini avevano ancora posizioni molto forti su entrambi i fianchi attorno a Kohima. Questi furono attaccati in una serie di mosse di grande successo da parte di uomini dei Ghurkha. Entro il 3 giugnord, I carri armati Lee-Grant erano in grado di attaccare quei difensori giapponesi rimasti.

Sato ordinò ai suoi uomini di ritirarsi. Mutaguchi gli ha inviato un messaggio:

"Ritirati e ti corteggerò."

Sato rispose:

"Fai quello che ti pare."

L'ultima grande unità giapponese è tornata indietro il 6 giugnoesimo/7esimo. La battaglia di Kohima era durata 64 giorni.

Un corrispondente di guerra giapponese, Shizuo Maruyama, scrisse:

“Non avevamo munizioni, né vestiti, né cibo, né pistole. A Kohima eravamo affamati e poi schiacciati. "

Sia Sato che Mutaguchi persero i loro ordini e ricevettero posizioni amministrative.

Kohima “è stata una delle più grandi battaglie della Seconda Guerra Mondiale, rivaleggiando con El Alamein e Stalingrado, sebbene rimanga ancora relativamente sconosciuto. Tuttavia, per gli uomini che hanno combattuto lì, rimane "La battaglia". (Swinson)


Guarda il video: The Battle of Monte Cassino #WWII (Agosto 2022).