Inoltre

Il bombardamento di Dresda

Il bombardamento di Dresda


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il bombardamento di Dresda nel febbraio 1945 è rimasto uno degli aspetti più controversi della seconda guerra mondiale. Dresda, una città non colpita dai bombardamenti fino a quel punto della guerra, perse molte migliaia di civili durante la tempesta di fuoco creata dagli Alleati. Mentre i russi avanzavano a Berlino da est e gli alleati da ovest, perché Dresda fu bombardata quando sembrò che la guerra sarebbe finita nel prossimo futuro?

Storicamente, Dresda era stata il centro culturale della Germania settentrionale, una città piena di musei e palazzi storici. Il Museo e Palazzo Zwinger e la Cattedrale Frauenkirche erano edifici di fama mondiale. Dal 1939 alla fine del 1944, la città era stata risparmiata dai bombardamenti che gli Alleati avevano lanciato sulla Germania nazista. Nel febbraio del 1945, la città era piena di rifugiati, persone che si spostavano da est a ovest nel tentativo di sfuggire all'avanzata dell'Armata Rossa. La macchina della propaganda nazista aveva riempito le menti dei tedeschi di storie horror su cosa aspettarsi se l'Armata Rossa fosse arrivata in Germania. Migliaia di persone sono fuggite da questo esercito mentre avanzava incessantemente verso Berlino. Nessuno sa quante persone fossero a Dresda quando la città fu bombardata. Ufficialmente, la popolazione della città era di 350.000, ma con il numero di rifugiati lì sarebbe stato molto più alto di così.

Tra il 13 febbraio e il 14 febbraio 1945, tra 35.000 e 135.000 persone furono uccise dai bombardamenti degli Alleati a Dresda. Gli storici discutono ancora sul numero di morti. Tuttavia, all'epoca c'erano così tanti rifugiati in città che la figura reale non sarà quasi mai conosciuta.

Allora perché Dresda è stata scelta come obiettivo? Arthur Harris, capo del Comando Bombardieri, aveva sempre ritenuto che qualsiasi città che avesse a che fare con lo sforzo bellico nazista fosse un bersaglio. Esistono diverse teorie sul perché Dresda fu scelta così tardi nella guerra.

1) La città era nella Germania nazista e per questo motivo era un obiettivo legittimo per l'attacco in quanto gli alleati erano in guerra con la Germania nazista.

2) La città non era semplicemente un centro culturale - c'erano fabbriche lì che producevano armi e attrezzature per lo sforzo bellico nazista. Pertanto, la città era un obiettivo legittimo. Era anche una base ferroviaria per inviare truppe sul fronte di guerra con i russi.

3) Sebbene i russi fossero alleati, Churchill e Roosevelt avevano già deciso che Stalin sarebbe stato un grosso problema dopo la fine della guerra. Pertanto, mentre l'Armata Rossa avanzava contro un esercito che era stato effettivamente sconfitto, non aveva idea di cosa potesse fare una forza militare uguale e possibilmente superiore. Pertanto, Dresda fu bombardata per mostrare ai russi il fantastico potere degli Alleati e per metterli in guardia per non allontanarsi dagli accordi che avevano preso durante le conferenze di guerra.

Un memo RAF interno diffonde un po 'di luce sul motivo dell'attentato:

“Dresda, la settima città più grande della Germania e non molto più piccola di Manchester, è anche di gran lunga la più grande costruzione non abbattuta che il nemico abbia avuto. Nel bel mezzo dell'inverno, con i rifugiati che si riversano verso ovest e le truppe da riposare, i tetti sono un premio. Le intenzioni dell'attacco sono di colpire il nemico dove lo sentirà di più, dietro un fronte già parzialmente crollato, per impedire l'uso della città come ulteriore avanzamento e per inciso mostrare ai russi quando arrivano ciò che il Comando Bombardiere può fare."

RAF gennaio 1945

La superiorità aerea degli Alleati significava che molti dei 1.300 bombardieri raggiunsero il loro obiettivo. La RAF guidò il loro attacco con i bombardieri Lancaster mentre gli USAAF usavano le loro fortezze volanti B-17.

In tutto, oltre tre ondate di attacchi, furono lanciate sulla città 3.300 tonnellate di bombe. Molte delle bombe sganciate erano bombe incendiarie. Questi hanno creato così tanto fuoco che si è sviluppata una tempesta di fuoco. Più la città bruciava, maggiore era l'aspirazione dell'ossigeno e maggiore era la tempesta di fuoco. Si pensa che la temperatura abbia raggiunto il picco a 1.800 gradi Fahrenheit. La superficie delle strade si è sciolta e le persone in fuga hanno scoperto che i loro piedi erano bruciati mentre correvano. Alcuni sono saltati nei serbatoi costruiti nel centro della città per assistere i vigili del fuoco. Tuttavia, questi erano profondi dieci piedi, i lati lisci e non avevano scale - molti affogarono. Pochissimi di quelli nel centro della città sono sopravvissuti - quelli che hanno fornito un'immagine vivida di com'era essere in una tempesta di fuoco.

“Non c'erano sirene di avvertimento. Siamo rimasti completamente sorpresi e ci siamo precipitati di nuovo nelle cantine dell'ospedale. Ma questi diventarono rapidamente irrimediabilmente sovraffollati di persone che non riuscivano più a trovare rifugio nei loro edifici in fiamme. La cotta era insopportabile, eravamo così stretti che non si poteva cadere. ""A parte il rischio di incendio, stava diventando sempre più impossibile respirare in cantina perché l'aria veniva espulsa dalla forza crescente dell'incendio."

“Non potevamo alzarci, eravamo a carponi, strisciando. il vento era pieno di scintille e portava pezzi di mobili ardenti, detriti e pezzi di corpi in fiamme. "

"C'erano corpi carbonizzati ovunque."

"L'esperienza del bombardamento è stata molto peggio che essere sul fronte russo, dove ero un mitragliere di prima linea".

Rudolph Eichner

Dopo che l'incursione fu terminata, le guardie delle SS portate da un campo vicino, bruciarono i corpi nella Piazza Vecchia della città (l'Altmarkt). C'erano così tanti corpi che ci vollero due settimane per completare.

Gran parte della città fu distrutta e quando l'Armata Rossa la prese in consegna, la città aveva quasi cessato di esistere. Gran parte del centro della città rimase macerie negli anni '50, quando i russi che rimasero in città durante la guerra fredda, fecero i loro sforzi per ricostruire le città distrutte nella stessa Russia, piuttosto che ricostruire la Germania orientale.


Guarda il video: TEMPESTA DI FUOCO SU DRESDA - COMPLETO (Giugno 2022).