Popoli, Nazioni, Eventi

I mille bombardieri

I mille bombardieri

Bomber Command ottenne un nuovo comandante nel febbraio del 1942: Air Marshall Arthur "Bomber" Harris. Credeva che il Comando Bombardieri non avesse ancora dimostrato il suo vero valore in guerra e temeva che non fosse stato completamente strategicamente utilizzato. Harris voleva che questo cambiasse. Harris voleva che il Comando Bombardieri partecipasse a un raid che utilizzava quasi tutta la sua linea frontale e riservava la forza in un raid contro una città tedesca che sarebbe stato così devastante che il popolo tedesco avrebbe costretto i suoi leader a chiedere la pace. La sua idea era conosciuta come il "Mille piano".

Leader nazisti nella bombardata Cattedrale di Colonia

Harris discusse per la prima volta del piano con il vice-marshall Air Saundby nel maggio del 1942. Saundby passò alcuni giorni a controllare le cifre e informò Harris che il suo piano da 1000 bombardieri era praticamente fattibile.

Nel maggio 1942, il Comando Bombardieri comprendeva 37 squadroni di bombardieri medi e pesanti (16 Wellington, 6 Halifax, 6 Lancaster, 5 Stirling, 2 Manchester e 2 Hampden). Supponendo che in un dato momento in cui alcuni bombardieri sarebbero fuori servizio, ciò ha dato a Harris circa 400 bombardieri riparabili - ben al di sotto della sua cifra di 1000. Se i raid fossero sospesi per 48 ore e gli aerei non serviti fossero tutti sottoposti a manutenzione, ciò aumenterebbe il figura a 500. Tuttavia, quando la figura fu aggiunta al Comando Costiero - armato con i bombardieri Whitley, Hudson e Hampden, la cifra aumentò drammaticamente. Se Harris aggiungeva anche quei bombardieri che venivano sostituiti con i nuovi bombardieri Lancaster, si avvicinava alla sua cifra di 1000.

Un bombardiere Wellington

Il raid ha avuto tutti i problemi anche in fase di pianificazione:

1000 aerei in volo sarebbero un facile bersaglio per il fuoco antiaereo. Il Comando Bombardiere potrebbe subire gravi perdite?

I nuovi lanciatori e altri nuovi bombardieri avevano a bordo moderne attrezzature di navigazione - molti dei vecchi bombardieri no. In che modo Bomber Command potrebbe compensare questo? Quanto possono essere acute le collisioni a mezz'aria?

Harris ha previsto un raid della durata di appena un'ora. Possibile che 1000 aerei potessero raggiungere l'obiettivo e far cadere le loro bombe in così poco tempo?

Un simile attacco aveva chiaramente bisogno di un tempo notturno decente.

Harris ha trasmesso questi problemi agli esperti e si aspettava che trovassero soluzioni ai problemi. Gli scienziati hanno fatto proprio questo - con una condizione. Stimarono che ci sarebbe stata solo una collisione a mezz'aria all'ora se il raid fosse esteso a 90 minuti e se la forza avesse tre obiettivi separati da puntare all'interno della città colpiti con le altezze di volo di ciascuna forza sfalsata. Sostenuto da tali notizie, Harris prese un appuntamento per vedere il suo superiore, Charles Portal, capo dello staff aereo britannico, con il suo piano. Per assicurarsi di avere il supporto per il suo piano, Harris vide anche Winston Churchill che era entusiasta. L'unica "disputa" riguardava l'obiettivo prefissato.

Harris voleva Amburgo per il suo status simbolico; Churchill voleva Essen come il cuore della potenza industriale della Germania. Tuttavia, gli scienziati hanno avvisato Harris che Essen non era un buon obiettivo in quanto la città era coperta da una foschia industriale anche di notte e il puntamento di una bomba poteva rivelarsi difficile. Coloro che lavoravano presso la sezione di ricerca operativa hanno avvertito che Colonia sarebbe stata l'obiettivo ideale in quanto era ragionevolmente vicina agli aerei in termini di volo e come un importante nodo ferroviario, la sua distruzione potrebbe danneggiare seriamente la capacità della Germania di spostare merci in quella zona di Germania. Fu deciso che l'obiettivo sarebbe stato selezionato nella notte dell'incursione e che il tempo sarebbe stato il fattore determinante. Il 20 maggio 1942, Portal diede il suo sostegno al piano. Questo ora ha permesso a Harris di fare piani concreti per il raid.

Il Comando costiero e il Comando combattente ricevettero i loro requisiti, il primo ad assistere ai bombardamenti (e ai soccorsi aerei / marittimi) e il secondo ad attaccare le note basi di caccia notturne tedesche. Il raid era previsto per la notte tra il 27 e il 28 maggio. Tuttavia, l'Ammiragliato si rifiutò di consentire al Comando costiero di partecipare e il numero totale di bombardieri fu improvvisamente ridotto a 800. Harris lo inventò usando ogni bombardiere che poteva con gli allievi e gli equipaggi degli istruttori. Sia Harris che Saundby avevano anticipato che l'Ammiragliato avrebbe potuto rifiutare di consegnare gli aerei del Comando costiero - e avevano già programmato un simile evento. Sebbene non desiderasse usare equipaggi inesperti, Harris sentiva di non avere altra opzione e gli inesperti non potevano che guadagnare dall'esperienza.

Il tempo ha ritardato il piano di alcuni giorni ma il 30 maggio il tempo è cambiato in meglio. Amburgo era sotto una coltre di nuvole, ma Colonia no. Harris ordinò l'avvio del raid. Harris scrisse al suo gruppo e ai comandanti delle stazioni:

“Nella migliore delle ipotesi il risultato potrebbe portare a una conclusione più o meno brusca della guerra a causa della riluttanza del nemico ad accettare il peggio che deve accadere sempre di più man mano che la nostra forza bombardiera e quella degli Stati Uniti d'America si accumulano. Nel peggiore dei casi deve avere il più terribile effetto morale e materiale sullo sforzo bellico del nemico nel suo insieme e costringerlo a ritirare vaste forze dalle sue aggressioni esterne per la propria protezione. "

Bombardiere è decollato alle 22.30 da 53 basi in tutta la Gran Bretagna. Agli equipaggi fu detto di scegliere il fiume Reno, una volta sorvolando l'Europa occidentale, e di usarlo per condurli a Colonia. I primi bombardieri ad arrivare furono i più moderni equipaggiati con apparecchiature di navigazione GEE - Stirlings e Wellingtons di 1 e 3 gruppi. Avevano un obiettivo specifico e per 15 minuti avevano quell'obiettivo per se stessi: il Neumarkt nella città vecchia della città. L'idea era di dargli fuoco con bombe incendiarie in modo che fungesse da faro per gli altri bombardieri che arrivavano. Questi aerei avrebbero bombardato aree un miglio a nord o sud del Neumarkt.

Gli uomini dell'ufficio meteorologico del Comando Bombardiere avevano ragione. I bombardieri volarono sopra la nuvola dall'Olanda fino al confine tedesco - qui scomparve, come era stato previsto. Quando i primi bombardieri arrivarono a Colonia, la luna offrì agli equipaggi una visibilità perfetta. Entro 15 minuti dallo sbarco delle prime bombe, il centro storico era in fiamme.

Nella stessa Colonia, la reazione della forza di difesa civile è stata lenta. Questa era la 105a volta nella guerra in cui le sirene dei raid aerei avevano indicato un bombardamento. Quando divenne evidente che si trattava di un'incursione, i bombardieri stavano già facendo cadere le loro bombe. Gli aggressori iniziali avevano lanciato bombe incendiarie sulla città vecchia e gli incendi in essa contenuti avevano reso gli attacchi molto più facili per quegli attentatori che stavano ancora arrivando. Solo 4 attentatori furono persi nelle collisioni sulla città. L'intensità dell'attacco era tale che la corsa finale dei bombardieri poteva vedere il bagliore delle fiamme della città a 100 miglia di distanza. Il fumo degli incendi saliva a 15.000 piedi. Tale era la densità del fumo, la RAF non riuscì a ottenere foto di ricognizione decenti della città per una settimana dopo l'attacco. L'attacco distrutto:

600 acri (300 acri di centro città)

13.000 case furono distrutte

6.000 case sono state gravemente danneggiate

45.000 persone sono diventate senzatetto

La città ha subito 5.000 vittime, tra cui 469 morti

Tuttavia, nonostante tutte le bombe sganciate, Colonia non fu distrutta. La vita industriale intorno alla città fu paralizzata per una settimana ma nel giro di sei mesi si riprese. Dei 1.046 bombardieri che presero parte al raid, 39 furono persi, principalmente a caccia notturni. Ciò rappresentava una perdita del 4% che era considerata il massimo Comando Bombardiere che poteva sostenere.

Il principale risultato raggiunto dal raid fu la dichiarazione di Winston Churchill in una comunicazione a Harris che il raid era:

"Questa prova del crescente potere della forza bombardiere britannica è anche l'araldo di ciò che la Germania riceverà, città per città, d'ora in poi."

Post correlati

  • Bomber Command 1944

    Il ruolo del Comando Bombardieri nella Seconda Guerra Mondiale è ancora causa di controversie. Nel 1992, una statua del leader del Comando Bombardieri, Arthur Harris, fu inaugurata in ...

List of site sources >>>